Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
9 Giu 2017

Elefante Festival: un modo diverso di guardare il tempo

Scritto da: Redazione

Dal 15 al 25 giugno si terrà a Padova l’Elefante Festival del tempo lungo. L’obiettivo della kermesse sarà quello di ridefinire il nostro rapporto con il tempo, “puntillistico” lo chiamava Zygmunt Bauman, che brucia tutto nell’istante e ci nega sia la memoria del passato, sia la fiducia nell’avvenire. Italia Che Cambia è media partner ufficiale.

Dal 15 al 25 giugno Padova vivrà, per la prima volta, l’Elefante Festival del tempo lungo. Otto giorni per una rosa di quattrodici eventi: spettacoli, passeggiate urbane, audioascolti, tavole rotonde, aperitivi, installazioni, proiezioni, presentazioni e un importante convegno sulla transizione urbana, tutto all’insegna di un diverso modo di guardare al tempo e al futuro. Attraverso la creatività e il confronto, infatti, l’Elefante Festival del tempo lungo intende esplorare insieme alle persone, e in particolare ai più giovani, nuove vie per superare la violenta logica del tempo “puntillistico”, come lo ha chiamato Zygmunt Bauman, che brucia tutto nell’istante e ci nega sia la memoria del passato, sia la fiducia nell’avvenire.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

ATTIVATI

Il programma di Elefante Festival del tempo lungo, evento ideato dall’Associazione Pop Economix di Padova, costruito insieme a otto partner e sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del bando Culturalmente 2016 è stato presentato nella mattinata di lunedì 5 giugno, presso la sede padovana della Fondazione, al Palazzo del Monte di Pietà, in occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente.

 

I cinque temi toccati, infatti, sono strettamente connessi con la sfida della sostenibilità, in relazione sia alle scelte per la vita economica, sia a quelle per la vita urbana e civile. «Abbiamo scelto – spiega Nadia Lambiase, presidente di Pop Economix e direttrice di Elefante Festival del tempo lungo – di parlare di Terra, Cibo, Spazi urbani, Materiali, Impresa e lavoro. Sono temi che incrociano, in modo diverso, una prospettiva che ci sembra cruciale e che ormai è al centro dell’interesse anche dell’Unione europea, come lo è stata, di recente, del Forum di Davos: l’economia circolare». L’economia circolare, infatti, ha proseguito Lambiase, «è caratterizzata dalla creazione di beni e servizi senza la produzione di rifiuti, quindi è capace di trasformare ogni prodotto a fine ciclo in risorsa, o perché totalmente riciclabile, o perché perfettamente biodegradabile».

elefante1

Da qui l’importanza di fare interagire concretamente le persone con questa prospettiva, ha concluso Lambiase, «facendo scoprire, ad esempio, ai ragazzi di un liceo padovano che il ritorno alla terra da parte di giovani concittadini è un “ritorno al futuro” che assume un significato importante nel ridisegnare il volto di parti di città e nel creare lavoro».

 

Per la scelta dei temi il Festival ha ricevuto il sostegno istituzionale e scientifico di quattro partner importanti come il Comune di Padova – Progetto Giovani, il Centro Studi Toniolo, Banca Popolare Etica e la SEC – Scuola di Economia Civile. E ha come media partner un soggetto innovativo come l’Italia che cambia.

 

Il programma del Festival nasce dalla scelta di affrontare queste tematiche attraverso un incrocio di arti e discipline, dalla fotografia all’inchiesta giornalistica, dal teatro al videodocumentario. Il percorso è stato costruito da Pop Economix insieme agli otto partner di progetto – Associazione LIES, Cooperativa Spazi Padovani, Cooperativa E.S.T. /Co+, Associazione La Mente Comune, OAT – Officine Arte Teatro, Associazione L’Osteria Volante, Associazione Vite in Viaggio e Associazione Studenti Universitari Padova – ed è frutto anche di laboratori e iniziative portate avanti tra marzo e giugno 2017 facendo interagire operatori della cultura e dell’arte con i cittadini, con i ragazzi di due scuole padovane, un’impresa e con persone depositarie di pezzi di storia e cultura del territorio.

elefante2

Da ciò è scaturito un ricco menu di eventi, tutti gratuiti, che si apre giovedì 15 giugno alle 19 parlando di materiali e prosegue sino al 25 giugno alternando incontri, workshop e spettacoli che affronteranno tematiche relative al cibo, alla terra, agli spazi urbani e a importanti temi come impresa e lavoro. Qui il programma completo.

 

 

#IoNonMiRassegno 17/1/2020

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

|

La Vita al Centro, la scuola parentale immersa nel verde – Io faccio così #275

|

Womanboss Academy: quattro storie di fioritura

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.