22 Set 2017

Casentino (re)Generation

Scritto da: Daniela Bartolini

Lavoro, imprenditoria, sviluppo e cultura in Casentino secondo i giovani del territorio. L'Ecomuseo del Casentino con la collaborazione del gruppo CodesignToscana, organizza una Local Co-design Jam dedicata agli under 35 del Casentino per co-progettare soluzioni innovative e creative per lo sviluppo culturale ed economico del territorio.

Salva nei preferiti

Amare il Casentino è prendersene cura. Il 30 settembre e il primo ottobre le giovani e brillanti menti del Casentino sono invitate a partecipare a una co-design jam, a cura dell’Ecomuseo del Casentino dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino e di Co-Design Toscana, che si prefigge l’individuazione di sinergie tra cultura, imprenditoria e innovazione per lo sviluppo del territorio che vivono. Le nuove generazioni del Casentino saranno protagoniste di un’attività di formazione su comunicazione e imprenditoria, con l’obiettivo di progettare insieme servizi utili allo sviluppo del lavoro sul territorio, partendo dalla cultura e dalla storia sociale ed economica della valle.

Ma che cosa è una co-design jam? È un evento di progettazione collaborativa che riunisce persone interessate ad approcci innovativi e “design-based” alla creatività e al problem-solving. I partecipanti sono coinvolti in un processo creativo che va oltre la presentazione di un’idea ma tramite ricerca, sperimentazione e prototipazione danno vita a soluzioni originali e centrate sui bisogni delle persone. Durante una jam si impara ad utilizzare strumenti di service design, il design thinking e metodologie di ricerca qualitativa.

L’idea del workshop nasce a seguito di una ricerca svolta per l’Ecomuseo del Casentino all’interno del progetto ValoreMuseo, il cui obiettivo è l’analisi e l’avvicinamento del pubblico al patrimonio culturale. Nello specifico, il focus adottato dall’Ecomuseo ha visto protagonisti i giovani del territorio in relazione al contesto in cui vivono. Ciò che è emerso è uno stupefacente amore per il Casentino e il suo patrimonio, insieme a un forte desiderio di rimanervi, limitato, però, dalla mancanza di opportunità lavorative soddisfacenti in termini di ambizioni e aspettative. L’Ecomuseo del Casentino si propone, quindi, di affiancare i ragazzi nella progettazione di soluzioni innovative per il territorio e di far emergere opportunità coerenti con uno sviluppo sostenibile per un Casentino culturalmente sensibile; per fare ciò, è necessario che un pubblico sempre più ampio si avvicini alle tematiche legate al territorio trattate dall’Ecomuseo.

A seguito della ricerca, quindi, l’Ecomuseo del Casentino e Co-Design Toscana hanno progettato un workshop ad hoc. Lo scopo di questa Local Jam è rintracciare le necessità dei ragazzi del Casentino in relazione al loro territorio e renderli protagonisti della valorizzazione sociale, culturale ed economica del luogo in cui vivono.

Per fare questo i partecipanti lavoreranno su tre tematiche: comunicazione per il territorio e il suo patrimonio culturale, valorizzazione del genius loci e supporto all’Ecomuseo, imprenditoria e innovazione per il Casentino.
Durante le due giornate di workshop la mediazione di Co-Design Toscana, associazione di promozione sociale e culturale formata da designers, professionisti e appassionati di approcci collaborativi, sarà fondamentale per garantire ai tre tavoli di lavoro di lavorare con i migliori strumenti del service design e attraverso un approccio collaborativo e co-progettuale.
Al termine della seconda giornata di workshop i ragazzi riceveranno un attestato di partecipazione.

L’evento è gratuito e si terrà presso il Palagio Fiorentino di Stia. Per partecipare è necessario iscriversi tramite il link Eventbrite.
L’evento è aperto a tutti ma si prediligerà la partecipazione di ragazzi under 35 residenti in Casentino, per un massimo di 25 partecipanti.
E’ consigliata la partecipazione per entrambe le giornate ma è apprezzata la presenza anche solo il sabato.

Per maggiori informazioni scrivi a: codesigntoscana@gmail.com; ritaaa.duina@gmail.com 

PROGRAMMA 

Sabato 30 Settembre – esplorazione >ideazione > co-creazione

11:15 – 12:45
Sessione plenaria con interventi degli ospiti:
Cos’è l’Ecomuseo – Andrea Rossi (coordinamento Ecomuseo)
Avvicinare i giovani casentinesi al patrimonio culturale del territorio – Rita Duina (collaboratore Ecomuseo)
Pratiche di innovazione sociale e culturale nelle aree rurali; ruolo degli attivatori locali e delle comunità temporanee – Liviano Mariella (ReCollocal)
Casentino chiama Italia. Dallo scenario attuale ad una visione possibile per il territorio e la comunità – daniabartolini@gmail.com (Casentino Che Cambia)
Marmellata di Crusca: come “comunicare” l’Accademia su Facebook. Valorizzazione e comunicazione dei beni culturali – Stefania Iannizzotto (Accademia della Crusca)
12:45 – 13:00 Presentazione delle tre tematiche del workshop
13:00 – 13:30 Definizione dei tavoli e formazione dei gruppi di lavoro
13:30 – 14:30 Pranzo
14:30 – 14:45 Pillola di CdT: “Introduzione a processo e strumenti”
14:45 – 15:45 Brainstorming
15:45 – 16:15 Ideazione e proposte progettuali
16:15 – 16:30 Votazione e selezione idee
16:30 – 17:40 Sessione di co-creazione
17:40 – 18:00 Restituzione 

Domenica 1 Ottobre – prototipazione > valutazione > iterazione

11:00 – 11:15 Debriefing
11:15 – 11:30 Pillola di Cdt: “Prototipare, valutare e iterare”
11:30 – 13:30 Prototipazione
13:30 – 14:30 Pranzo
14:30 – 15:30 Prototipazione e testing
15:30 – 16:45 Valutazione progetti
16:45 – 18:00 Rifinitura e presentazione finale
Aperitivo

Iniziativa promossa dall’Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ecomuseo del Casentino nell’ambito del progetto VALORE MUSEO – Innovazione e formazione per i musei e i giovani della Toscana (Fondazione CR Firenze – Regione Toscana – Giovani Si) – con il co-finaziamento della Regione Toscana – Bando Ecomusei di rilevanza regionale 207

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La storia di Luca Cammarata, dalla gestione di un bene confiscato alla lotta alla siccità
La storia di Luca Cammarata, dalla gestione di un bene confiscato alla lotta alla siccità

Salvia Materviva e l’etichettatura trasparente: “È la carta d’identità dei nostri prodotti”
Salvia Materviva e l’etichettatura trasparente: “È la carta d’identità dei nostri prodotti”

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante
Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Dalle crepe nel modello standard alla teoria delle stringhe. La scienza è in crisi? – #967

|

Kalabria Eco Fest ed Economia del Bene Comune: fare impresa etica in Calabria è possibile?

|

Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione

|

Il video racconto da Selargius, tra chi ha lasciato tutto per presidiare e chi fra gli ulivi ha trovato comunità

|

PFAS e i cantieri TAV: tutte le acque contaminate, dal Veneto alla Val di Susa

|

Change!, la mostra che parla di Po, siccità e crisi climatica

|

Il volontariato che fa scoprire il mondo: la storia di Emily, giovane wwoofer

|

Open Accessible Cooking, il progetto di Elena e Andrea per una cucina accessibile

string(9) "casentino"