4 Ott 2017

“Sopprimevano i cani piuttosto che curarli”. Condannati i vertici di Green Hill

Confermate le condanne per tre degli imputati al processo contro l'"allevamento-lager" di Green Hill. Maltrattamento e uccisione di animali i capi d'imputazione. Secondo l’accusa, nella struttura si praticava "l'eutanasia in modo disinvolto, preferendo sopprimere i cani piuttosto che curarli".

La Corte di Cassazione ha confermato in via definitiva la condanna a tre imputati del processo contro Green Hill, l’allevamento-lager di cani di razza beagle destinati alla sperimentazione. Quattro anni complessivi sono stati comminati a uno dei gestori, al veterinario e al direttore della struttura.

greenhillIn quattro anni, fra il 2008 e il 2012, quando è stata denunciata dalla LAV, questa struttura avrebbe provocato la morte di più di 6000 animali. Non vi era alcun interesse per il benessere dei cani e la gestione di affidava a criteri esclusivamente economici. Secondo l’accusa infatti, “l’eutanasia in modo disinvolto, preferendo sopprimere i cani piuttosto che curarli”, una condotta che “andava in senso diametralmente opposto alle norme comunitarie e nazionali”.

 

La sentenza della Cassazione conferma quella emessa in appello lo scorso anno con i capi d’imputazione di maltrattamento e uccisione di animali. Altri dipendenti, fra cui alcuni veterinari, che lavoravano a Green Hill sono ancora in attesa dell’esito del processo che li vede imputati.

 

Contemporaneamente, si sta svolgendo il processo agli attivisti del Coordinamento Fermare Green Hill che nel 2012, con il loro blitz all’interno dell’allevamento, fermarono le attività criminali della struttura salvando anche alcuni cani.

 

Articoli simili
Alluvioni in Germania: quanto siamo vicini al punto di non ritorno?
Alluvioni in Germania: quanto siamo vicini al punto di non ritorno?

End the Cage Age: l’Europa accoglie l’appello contro le gabbie di 1,4 milioni di cittadini
End the Cage Age: l’Europa accoglie l’appello contro le gabbie di 1,4 milioni di cittadini

LAV Milano: una semplice azione fatta col cuore può salvare una vita
LAV Milano: una semplice azione fatta col cuore può salvare una vita

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo