7 Nov 2017

Acqua potabile dal mare: con Saltless è possibile

Un gruppo di ricercatori del Politecnico di Torino ha messo a punto “Saltless”, un innovativo metodo di dissalazione per ottenere acqua potabile dal mare.

Saltless: è così che è stato battezzato l’innovativo metodo di dissalazione del mare messo a punto da un gruppo di ricercatori del Dipartimento Energia del Politecnico di Torino e in grado di offrire 100 litri di acqua potabile al giorno senza bisogno di elettricità.

La tecnologia si basa su un processo di evaporazione e condensazione in serie: l’acqua di mare viene fatta evaporare e successivamente condensare a temperature differenti in più stadi. SI ottiene così acqua perfettamente potabile.

Attualmente il dissalatore è in grado di fornire più di 100 litri di acqua al giorno, quantità sufficiente a soddisfare i bisogni primari di una cinquantina di persone. Una successiva ingegnerizzazione del dispositivo potrà però consentire di raggiungere volumi di acqua potabile superiori.

La novità principale consiste nella possibilità di alimentare il processo di distillazione con una fonte di calore “di recupero”, anche di scarso pregio.

I ricercatori hanno studiato la possibilità di impiegare il calore normalmente disperso in ambiente dal circuito di raffreddamento (il radiatore) o dai gas di scarico di un motore Diesel.

Si tratta di motori già utilizzati nei gruppi elettrogeni presenti in molte località isolate in Paesi in via di sviluppo o in condizioni di emergenza (ospedali da campo, campi profughi, calamità naturali). Questa soluzione permette di offrire contemporaneamente: elettricità (dal gruppo elettrogeno), acqua potabile (dal distillatore) e acqua calda a uso sanitario.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza