4 Dic 2017

A Torino arriva il Collateral 102 FilmFest

Al via il 6 dicembre, il Festival si caratterizza per una serie di ospiti davvero fuori dal comune: da Hayko Gevorgyan per il film “The Symon's Way” a Denise Alessandra Ambroggio e Gordon James Asti per “Beulah” passando per Luigi D’Alife per il documentario “Binxet-Sotto il confine”. Una kermesse da non perdere!

Mancano solo due giorni alla prima edizione del Collateral 102 Film Fest, partner del più blasonato Torino Underground Cinefest. La kermesse cinematografica sarà infatti in scena il 6 dicembre 2017, dalle ore 13.00 alle ore 01.30 del 7 dicembre, presso il Cinema Classico, sito in p.zza Vittorio, 5 a Torino, promossa da SystemOut e A.C.S.D. ArtInmovimento, sotto la direzione artistica del regista indipendente Mauro Russo Rouge.

A meno di quarantotto ore dall’evento, sono arrivate significative conferme sugli ospiti. Si segnala la presenza in sala di Hayko Gevorgyan, rappresentante del film armeno “The Symon’s Way” del regista Edgar Baghdasaryan, miglior cortometraggio armeno nel 2016 agli Armenian Film Academy Award. Dopo la proiezione del film, fissata per le 17.35, Hayko Gevorgyan interverrà in un dibattito con il pubblico presente in sala.

A seguire, alle 18.25, sarà proiettato il film “Beulah” di Denise Alessandra Ambroggio e Gordon James Asti, presenti entrambi in sala, disponibili a rispondere alle domande del pubblico a partire dalle ore 18.45.

collateral 102 film fest 1512400795

Infine presenzierà all’evento il regista di “Binxet-Sotto il confine”, Luigi D’Alife. Al termine della proiezione, prevista per le ore 20.30, il regista spiegherà come sta affrontando il processo distributivo con il supporto di Movieday. Moltissime date in tutta Italia con un “nuovo” sistema che la distribuzione tradizionale non gradisce.

Presiedono gli interventi con gli autori l’attore e doppiatore Giorgio Perno e il presidente dell’A.C.S.D. ArtInMovimento, il giornalista Annunziato Gentiluomo.

C’è tanta bellezza nel mondo del cinema e sono felice di questo. Siamo partiti qualche anno fa con l’intento di portare a Torino il maggior numero possibile di film. Il 2017 ci ha visto protagonisti della quarta edizione del Torino Underground che tornerà a Marzo 2018 con la quinta edizione, e di due intensissime maratone cinematografiche, il Filmmaker Day. Adesso proponiamo Collateral 102. Siamo subissati quotidianamente da film provenienti da ogni angolo del pianeta. Oltre 3 mila film ricevuti solo nel 2017 e sono molti quelli che meritano di essere visti e goduti. Al termine di Collateral 102 torneremo subito al lavoro per preparare una quinta edizione del Torino Underground Cinefest che possa far parlare di sé e soprattutto diventerà un riferimento per un genere in cui crediamo profondamente”, dichiara Mauro Russo Rouge, mente creativa della kermesse.

“Lavoriamo per il cinema. Agiamo affinché sia possibile far accedere a questa arte chiunque. Ci operiamo perché tutte le manifestazioni di questa musa possano trovare spazio sul grande schermo. E siamo orgogliosi di quello che si sta manifestando”, afferma Annunziato Gentiluomo, direttore responsabile di ArtInMovimento Magazine, media-partner dell’evento.

“Tutto ormai è pronto. Stiamo accendendo i motori per partire con questa nuova scommessa, essendo già in pista per il prossimo Torino Underground Cinefest che stupirà”, conclude Matteo Valier, Presidente di SystemOut.

Per consultare il programma clicca qui.

Articoli simili
Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia
Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli
Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili
Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale