Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
1 Ago 2017

Il Parco Arte Vivente: arte, natura e tecnologia in simbiosi a Torino

Situato in un grande spazio ex industriale nella periferia sud di Torino, il Parco Arte Vivente (PAV) rappresenta la sintesi tra arte, natura e tecnologia in uno spazio urbano comune. Il PAV è un esperimento in continuo divenire, un laboratorio perenne che segue un filo logico di etica ecologica e sostenibile.

Vi riproniamo un articolo di Roberto Battista uscito nel dicembre 2016 su Italia che Cambia.

Da più di dieci anni esiste a Torino un luogo particolare che meriterebbe di essere meglio conosciuto.
Il PAV (Parco Arte Vivente) è un sito urbano dove l’arte incontra l’ecologia, la tecnologia incontra la comunità, e lo spazio diventa una vera sintesi di realtà contemporanee diverse ma che interagiscono tra di loro e si sviluppano organicamente.

L’idea originale si deve a Piero Gilardi, artista torinese che negli anni ha mantenuto un’invidiabile coerenza e indipendenza, i cui lavori sono sempre stati contraddistinti da elementi di interattività con il pubblico e una grande sensibilità ambientale. L’artista oggi cura l’Art Program del PAV.

Il PAV occupa un grande spazio ex industriale nella periferia sud della città. Abbandonato per anni come tanti altri relitti dell’era industriale torinese, ora è un luogo dove la comunità locale può partecipare ad attività ecologiche e formative, dove installazioni artistiche vivono e si integrano con la vegetazione e gli orti cittadini.

Al centro dello spazio un edificio passivo e quasi invisibile ospita un museo interattivo e spazi espositivi, per laboratori, seminari e conferenze.

Le attività del PAV sono sempre articolate e multiformi, così che un artista invitato a creare una nuova installazione lavora allo stesso tempo con i cittadini che partecipano a laboratori, coinvolgendo insegnanti, bambini e pubblico di tutte le età. In tutte le attività natura e tecnologia sono viste come cooperatrici da toccare con mano e comprendere, integrandole nella realtà della gente di ogni classe.

Gli artisti invitati appartengono all’ambito di Bioarte, Biotech art, l’Arte transgenica e l’Arte ecologica e si impegnano in ricerca collegata alla creazione e all’interazione col pubblico e l’ambiente, utilizzando sia gli spazi esterni del parco che quelli interni dell’edificio bioclimatico che interagisce con l’ambiente circostante.

Il PAV mette in atto una serie di principi sperimentali, facendoli interagire e analizzando il processo e i risultati, mantenendo una struttura aperta e flessibile, così che lo spazio e ciò che vi si svolge sono in continua mutazione, adattandosi alle esigenze di chi di volta in volta ne fa uso.

In questo il luogo si presenta come un esperimento urbano in continuo divenire, dove viene dato spazio ai ricercatori che operano in campi disparati perché collaborarino senza mai astrarsi dalla realtà delle persone che abitano gli spazi circostanti.

Questa natura di laboratorio perenne che segue un filo logico di etica ecologica e sostenibile potrebbe essere un esempio per altre città, un modello di integrazione e interazione tra artisti, cittadini, ricercatori, ambiente naturale e urbano.

Anche i lavori artistici esposti nelle mostre che vengono regolarmente organizzate non sono mai statici e fini a se stessi, ma sempre coinvolgono il pubblico nella produzione o manipolazione, spesso diventando parti viventi e in continua evoluzione dello spazio stesso.

Il confine tra fruitori e creatori si dilegua e ciascuno si può appropriare della conoscenza, dell’arte, e della natura, così che gli abitanti dei quartieri circostanti si sentono coinvolti nella vita del parco e partecipano alle iniziative, al contempo acquisendo coscienza ecologica e tessendo una comunità urbana più umana.

Il sito del PAV è una miniera di informazioni utili e documentazione sulle attività, che possono essere d’ispirazione per iniziative simili in altre città, e se vi trovate a Torino non mancate di andare a vedere e soprattutto toccare con mano.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap