Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
7 Dic 2017

Il Natale e la storia del Bracciale della Sorellanza

Scritto da: Rossella Covi

Un simbolo che rappresenta tutte le donne del mondo, un filo invisibile che unisce a Madre Terra. Ecco la storia di Katja, della nascita del Bracciale della Sorellanza e di un Festival itinerante. Quest’anno le donne unite dal bracciale s’incontreranno per un nuovo appuntamento: l’8 e il 9 dicembre in provincia di Bolzano per vivere attraverso gli occhi della sorellanza il senso del Natale.

Katja aveva portato il suo bracciale al polso per quasi vent’anni, le era stato regalato da una ragazza ecuadoregna con la quale aveva condiviso il lavoro in una pizzeria in Ecuador. Quel bracciale le era stato donato perchè era la cosa più preziosa che la sua giovane amica straniera possedesse e, dunque, il dono più bello che le potesse lasciare.

facebook_1512551207581

Ma proprio mentre Katja stava affrontando un momento molto difficile della sua vita, il bracciale si ruppe, spargendo le sue mille perline di vetro rosso sul pavimento; ma lei, nonostante lo sgomento per quell’accaduto, incominciò a ricomporre il bracciale. E, ad ogni perlina che infilava, nella sua mente appariva l’immagine di una donna diversa: una stava studiando per un esame, un’altra danzava per celebrare un successo appena raggiunto, un’altra ancora riposava dopo una giornata di lavoro intenso ed un’ultima stava piangendo in preda alla disperazione.

 

Dopo che le vite di molte donne furono sfilate nella sua mente, il bracciale era di nuovo integro ma, osservandolo, Katja si chiese: “ed io, io dove sono?”.  Così decise di aggiungere un’ultima perlina, questa volta d’argento, per rappresentare lei stessa, tra mille sorelle che la sostenevano o la potevano sostenere; così indossò nuovamente il bracciale e continuò a portarlo al polso come promemoria di quel pensiero di sorellanza.

 

Qualche tempo dopo era il 2013, stava arrivando il Natale e Katja non aveva i soldi per fare dei regali ai suoi figli, così chiese aiuto ad un gruppo di donne che le acquistarono cinque bracciali.

bracciale sorellanza

Tuttavia una di queste donne, Carla, insistette con grande tenacia per convincere Katja a diffondere il messaggio del bracciale e, dal loro incontro, è nato anche il primo Festival del bracciale della sorellanza, in una circostanza molto particolare.  Carla si trovava malata in ospedale e Katja, mentre era in sala d’attesa, si rese conto che quasi tutte le altre donne sconosciute intorno a lei indossavano il suo bracciale, così, insieme a Carla, decisero di organizzare un festival per incontrarsi e conoscersi tutte, prima che Carla lasciasse questo mondo.

 

Ad inizio settembre il Festival itinerante del bracciale della sorellanza ha celebrato la sua terza edizione in provincia di Grosseto ed anche questa volta è stato un luogo che si è vestito di colori, si è riempito di musicalità femminili in nome della diversità e delle buone pratiche sociali e collettive tra creatività ed incontri di conoscenza ed apprendimento, albe piene di rugiada, di riti, di danze e di giochi, di buon cibo vegetariano ed a kilometro zero, di serate sotto le stelle, di letture, di riposo, di libertà ma anche di risate, lacrime ed un mucchio di chiacchiere, sostenute da un gruppo di volontari uomini.

facebook_1512551076258

Quest’anno le donne unite dal bracciale s’incontreranno per un nuovo appuntamento: l’8 e il 9 dicembre a Castel Feder in provincia di Bolzano, all’interno di un sito archeologico immerso tra antiche querce, per vivere attraverso gli occhi della sorellanza il senso del Natale. In quest’occasione verranno creati molti bracciali, condividendo e meditando in cerchio e poi saranno portati in dono a donne sconosciute, che fanno parte di un progetti di reinserimento, di protezione o di guarigione.

 

In questo modo il Natale, come mi ha detto Katja, può essere un’occasione per creare bellezza, ma soprattutto, condividerla.

 

 Il sito del Bracciale della Sorellanza

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo stallo israeliano e i rischi dell’accordo Ue-Mercosur – Io Non Mi Rassegno #172

|

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

|

Il Filo di Paglia, la prima casa in paglia della Liguria

|

Movement Medicine: affidarsi alla danza per scoprire se stessi

|

IC3 Modena: la scuola digitale in cui luci e colori risvegliano l’anima – Scuola Che Cambia #6

|

Cambiare vita e lavoro, un viaggio responsabile e coraggioso verso la felicità

|

Mille alberi piantati dai cittadini per difendere il territorio

|

Verso un’economia post-covid per il bene comune