24 Gen 2018

AAA cercasi sogni. I miei li ho persi!

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Ognuno ha quello che si merita dalla vita. Sino a qualche mese fa questa affermazione la trovavo irritante. Il solo pensiero che qualcuno aveva cose che io non avevo, e che fosse dichiarata apertamente una questione di merito, provocava in me reazioni per nulla positive. Ma io cosa merito? E soprattutto ho ciò che credo di meritare? Forse no, mi tocca sognarlo, e se non avessi neanche il sogno? Ci ho dovuto pensare e quel momento è andato più o meno così.

Ho sempre stimato e, lo ammetto, anche un po’ invidiato chi ha insieme alle idee, anche i sogni ben chiari: c’è chi come mio fratello, sin da piccolo, sogna di fare il vigile del fuoco, c’è chi da anni ha come sogno trasferirsi in un’altra città, chi di avere il posto di lavoro fisso, chi di realizzare quel progetto per cui lavora da anni. Poi c’è chi consuma sogni come fossero caramelle, ne ha uno diverso alla settimana. Tutte queste persone le ho stimate, ma io non sono mai stata purtroppo come loro.

10991510_10152925243484843_4320558413028984019_o

Questi pensieri nascono proprio ora. Mi trovo ad un corso di un weeekend che promette di fornire strumenti utili al cambiamento (1) e sento le persone intorno a me che esprimono, attendendo il loro turno, il sogno nel cassetto: il desiderio più intimo, quello che puoi condividere solo con poche persone intorno a te e… con i partecipanti ad un corso che non conosci e che forse non rivedrai più. Sì, perché non è semplice ammettere ad altri, ma soprattutto a se stessi ad alta voce, qual è il proprio Sogno. E mentre sono qua ad ascoltare i loro, che sono dei più differenti, spero che arrivi più tardi possibile il mio turno. “Ok, ora cosa dico? Voglio essere sincera. Lo posso essere in questa sala di sognatori.” Ho intenzione di guardare dentro di me e capire cosa desidero veramente. E lì, in quel momento, vedo il vuoto.

 

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

I pensieri arrivano, e passano, l’uno dopo l’altro, e mi accorgo d’un tratto che tutto ciò che penso di desiderare non è nient’altro che il prodotto di desideri di qualcun altro, di aspettative che non voglio deludere, o sogni di seconda classe, quelli materiali o comunque poco chiari. Insomma tutti lì seduti al banco dei sogni, senza avere il biglietto valido. Ok, decido di fare ordine, di spostare tutti questi desideri per lasciare spazio ai miei. Ma… non esce nulla, la pagina rimane vuota e i miei occhi fissi.

dreamcatcher-2683634_1280

Come è possibile? Da quando ho smesso di sognare? Presa da tutto ciò che la vita mi proponeva mi sono dimenticata di continuare a sognare, di costruire pensieri per poi sperare con tutta me stessa che si realizzassero. Ma guardando bene laggiù scorgo qualcosa: ci sono ancora, eccoli! Sono solo sotterrati da tempo sotto un mucchio di strati di compromessi e paure che non ho mai deciso di buttare via.

 

Ok, ci sono! In attesa di finire la pulizia e trovare il coraggio di guardare finalmente con occhi diversi quei sogni, tocca a me, ed esprimo il mio di sogno, appena formatosi: “Io sogno di sognare. Voglio conoscere i miei sogni, quelli veri, che si fanno solo ad occhi aperti!”. Ma ora che il sogno ce l’ho, che faccio? Ah già, ero ad un corso sul cambiamento! Non mi resta che passare dal sogno alla pratica. Ora sono pronta! Ho un sogno anche io da realizzare. Riinizio da qui!

 

  1. Corsi Dalla Teoria Alla Pratica
    Italia che Cambia ha da qualche mese iniziato a portare in diverse città italiane un format di corso di due giorni che propone un percorso che parte da un’analisi dello scenario attuale, sino ad arrivare ad affrontare il cambiamento a livello individuale e poi collettivo. Quali sono le emozioni, quali le difficoltà, quali le paure e i punti di forza che entrano in gioco? Nel fare ciò si utilizzano tecniche di facilitazione, giochi, lavori di gruppo. Nella seconda giornata vi è un esperto che supporta questo percorso attraverso la conoscenza e l’approfondimento di strumenti utili a progettare il cambiamento. Per maggiori informazioni sui prossimi corsi in programma clicca qui  

 

 

Articoli simili
Realizzare con le proprie mani un luogo da chiamare casa: un esperimento di autocostruzione
Realizzare con le proprie mani un luogo da chiamare casa: un esperimento di autocostruzione

Torna il Festival delle Cose Belle, per costruire nuovi modelli di comunità ispirati al passato
Torna il Festival delle Cose Belle, per costruire nuovi modelli di comunità ispirati al passato

Le donne di Inspire si raccontano: “Eliminiamo il superfluo e arricchiamoci di ciò che è davvero importante”
Le donne di Inspire si raccontano: “Eliminiamo il superfluo e arricchiamoci di ciò che è davvero importante”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi