20 Lug 2018

Un nuovo inizio per la Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi

Scritto da: Daniela Bartolini

Lunedì 23 luglio la Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi inaugura la sua nuova sede in via Bosco di Casina a Bibbiena. Apre le sue porte un nuovo spazio dedicato a ospitare incontri, mostre, piccoli concerti, ma in un clima semplice e accogliente, Il clima di una casa. Il primo evento che ospiterà lunedì sarà il saggio finale della masterclass di pianisti partecipanti al festival Naturalmente Pianoforte 2018.

L’appuntamento è per lunedì 23 luglio alle ore 18.30 in via Bosco di Casina 12 a Bibbiena. Qui si trova la casa che per quasi cinquant’anni è stata l’abitazione dei coniugi Baracchi e della loro famiglia, cuore di un cammino umano, imprenditoriale, sociale e culturale significativo per tutto il Casentino. Qui troverà la sua nuova sede la Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi.

Oggi quella dimora è stata infatti ristrutturata e adattata per diventare uno spazio fruibile a tutti, uno spazio dove la Fondazione, che ha sviluppato la sua ultra ventennale attività sempre in forma itinerante, valorizzando castelli, pievi, teatri del Casentino, trova una sua dimensione di casa.

“Questa – evidenziano Sandra e Silvana Baracchi, responsabili della Fondazione – è la casa dei nostri ricordi, il luogo nel quale babbo Giuseppe e mamma Adele hanno sognato e realizzato i loro sogni in una sfera familiare, sì, ma anche in una dimensione pubblica, con una attenzione speciale a questa terra, alle sue prospettive di lavoro, al suo futuro. 
A tre anni dalla loro morte abbiamo pensato che il modo migliore di tenere vivi gli orizzonti da loro indicati fosse quello di ridare una nuova vita a questa casa, facendo sì che, come sede della Fondazione, continui a essere un luogo dove si contribuisce a immaginare, pensare, costruire il presente e il futuro della valle e della sua gente, con gli strumenti dell’incontro, del dialogo, della cultura, dell’arte. E in un clima familiare”. 

fondazione giuseppe e adele baracchi nuova sede 1532081839

A partire dalle 18.30 di lunedì 23 sarà possibile visitare la casa in questa sua nuova veste: a questo fine sono state realizzate le due sale “Verna” e “Pratomagno”, in quest’ottica sono stati ripensati e risistemati gli spazi esterni, il giardino, il bosco limitrofo.

“Venendo qui ci si potrà cominciare a immaginare come questo spazio, con la sua vista a 360 gradi sulla valle, possa abbracciare idealmente tutto il Casentino e contribuire a proseguire la mission della Fondazione: che è quella di creare incontri ed eventi artistici, occasioni di riflessione sui grandi temi della vita, appuntamenti dedicati a segmenti speciali della nostra popolazione”.

I giovani saranno protagonisti in questa prima giornata: la casa della Fondazione Giuseppe a Adele Baracchi ospiterà infatti il saggio finale della masterclass di pianisti partecipanti al festival Naturalmente Pianoforte 2018. Il vernissage diventerà quindi anche un’opportunità per rendere subito operativa la casa, e per farla idealmente inaugurare dall’ospite più delicato e armonioso: la musica.

Articoli simili
Io faccio così #9: L'arte salverà il mondo? Faccia a faccia con Michelangelo Pistoletto

Closlieu, l'atelier di pittura dove l'arte è libertà

Una Festa lenta dei viandanti per celebrare la cultura del camminare
Una Festa lenta dei viandanti per celebrare la cultura del camminare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita