24 Dic 2019

Caravanserraglio, a Biella un incontro tra carcere e comunità

Negli spazi della Fondazione Pistoletto si è tenuta una giornata a cura delle associazioni che operano nella casa circondariale di Biella. I protagonisti sono stati artisti ospiti del carcere e creativi del territorio biellese, che si sono messi in gioco in un evento all'insegna della musica, della cultura e della "rinascita".

Biella - Un caffè letterario, un workshop artistico-culturale, un appuntamento musicale: sono questi, in sintesi, i pezzi del puzzle che hanno caratterizzato l’evento Caravanserraglio a Cittadellarte. Dal carcere alla città, insieme: la giornata è una nuova tappa che ha segnato la continuazione del percorso di avvicinamento, iniziato nel 2018,  tra la casa circondariale di Biella e la comunità locale.

L’idea nasce a seguito di una riflessione delle associazioni di volontariato operanti nella casa circondariale, riunite attorno al “Tavolo Carcere” e della Garante dei diritti per le persone ristrette nella libertà del Comune di Biella, di concerto alla Direzione e all’Area Educativa del carcere stesso. L’evento è stato parte del percorso intrapreso lo scorso anno con “Galeotto fu il concerto di Natale 2018” al Teatro Sociale Villani, ma con un’impronta artistica più marcata.

Ed è proprio il caravanserraglio a dare il nome all’iniziativa, poichè, rappresentando il punto di sosta delle carovane nel deserto, simboleggia l’incontro tra persone provenienti da contesti diversi.

I protagonisti delle dell’evento sono stati i creativi del territorio biellese e gli ospiti della casa circondariale: “L’iniziativa, anticipata da un altro evento il venerdì precedente in carcere – si legge nella nota stampa dell’evento – fa parte del percorso sviluppato negli ultimi tre anni, durante i quali sono state realizzate diverse azioni che hanno dato ottimi risultati nell’aumento della consapevolezza che anche il carcere fa parte della nostra comunità.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

I due momenti, “interno ed esterno”, sono state occasioni di restituzione delle azioni progettuali messe in campo negli ultimi anni all’interno dell’istituto di pena, con grande soddisfazione da parte dell’amministrazione stessa e molto impegno dei partecipanti.

Articolo tratto da Journal Cittadellarte

Articoli simili
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio

In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa
In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa

La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza
La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La nuova Costituzione “dal basso” cilena è pronta! – #552

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne

|

Sikanamente, il gruppo di ragazzi che sono tornati nel borgo d’origine per farlo rivivere

|

Stop alle armi nucleari: Etica Sgr lancia un manifesto per proporre il disinvestimento finanziario

|

“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica

|

Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo

|

Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità