Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
24 Dic 2019

Caravanserraglio, a Biella un incontro tra carcere e comunità

Negli spazi della Fondazione Pistoletto si è tenuta una giornata a cura delle associazioni che operano nella casa circondariale di Biella. I protagonisti sono stati artisti ospiti del carcere e creativi del territorio biellese, che si sono messi in gioco in un evento all'insegna della musica, della cultura e della "rinascita".

Un caffè letterario, un workshop artistico-culturale, un appuntamento musicale: sono questi, in sintesi, i pezzi del puzzle che hanno caratterizzato l’evento Caravanserraglio a Cittadellarte. Dal carcere alla città, insieme: la giornata è una nuova tappa che ha segnato la continuazione del percorso di avvicinamento, iniziato nel 2018,  tra la casa circondariale di Biella e la comunità locale.

L’idea nasce a seguito di una riflessione delle associazioni di volontariato operanti nella casa circondariale, riunite attorno al “Tavolo Carcere” e della Garante dei diritti per le persone ristrette nella libertà del Comune di Biella, di concerto alla Direzione e all’Area Educativa del carcere stesso. L’evento è stato parte del percorso intrapreso lo scorso anno con “Galeotto fu il concerto di Natale 2018” al Teatro Sociale Villani, ma con un’impronta artistica più marcata.

Ed è proprio il caravanserraglio a dare il nome all’iniziativa, poichè, rappresentando il punto di sosta delle carovane nel deserto, simboleggia l’incontro tra persone provenienti da contesti diversi.

I protagonisti delle dell’evento sono stati i creativi del territorio biellese e gli ospiti della casa circondariale: “L’iniziativa, anticipata da un altro evento il venerdì precedente in carcere – si legge nella nota stampa dell’evento – fa parte del percorso sviluppato negli ultimi tre anni, durante i quali sono state realizzate diverse azioni che hanno dato ottimi risultati nell’aumento della consapevolezza che anche il carcere fa parte della nostra comunità.

I due momenti, “interno ed esterno”, sono state occasioni di restituzione delle azioni progettuali messe in campo negli ultimi anni all’interno dell’istituto di pena, con grande soddisfazione da parte dell’amministrazione stessa e molto impegno dei partecipanti.

Articolo tratto da Journal Cittadellarte

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La Cina verso la grande transizione? – Io Non Mi Rassegno #239

|

La paura di Lise

|

Il Boschetto: da spazio abbandonato a orto dove si coltivano insieme frutta, verdura e tempo!

|

Covid, scuola e DAD: un sostegno agli studenti in difficoltà per non lasciare indietro nessuno

|

Tre artisti si esibiscono nella natura per promuovere l’economia circolare

|

Una rete di famiglie genovesi condivide oggetti, vestiti e buone pratiche per bimbi “a basso impatto”

|

Murales, sartoria sociale, turismo e orti urbani: così rinasce la periferia degradata di Lecce

|

Altro denaro, molto altro denaro