24 Dic 2019

Caravanserraglio, a Biella un incontro tra carcere e comunità

Negli spazi della Fondazione Pistoletto si è tenuta una giornata a cura delle associazioni che operano nella casa circondariale di Biella. I protagonisti sono stati artisti ospiti del carcere e creativi del territorio biellese, che si sono messi in gioco in un evento all'insegna della musica, della cultura e della "rinascita".

Biella - Un caffè letterario, un workshop artistico-culturale, un appuntamento musicale: sono questi, in sintesi, i pezzi del puzzle che hanno caratterizzato l’evento Caravanserraglio a Cittadellarte. Dal carcere alla città, insieme: la giornata è una nuova tappa che ha segnato la continuazione del percorso di avvicinamento, iniziato nel 2018,  tra la casa circondariale di Biella e la comunità locale.

L’idea nasce a seguito di una riflessione delle associazioni di volontariato operanti nella casa circondariale, riunite attorno al “Tavolo Carcere” e della Garante dei diritti per le persone ristrette nella libertà del Comune di Biella, di concerto alla Direzione e all’Area Educativa del carcere stesso. L’evento è stato parte del percorso intrapreso lo scorso anno con “Galeotto fu il concerto di Natale 2018” al Teatro Sociale Villani, ma con un’impronta artistica più marcata.

Ed è proprio il caravanserraglio a dare il nome all’iniziativa, poichè, rappresentando il punto di sosta delle carovane nel deserto, simboleggia l’incontro tra persone provenienti da contesti diversi.

I protagonisti delle dell’evento sono stati i creativi del territorio biellese e gli ospiti della casa circondariale: “L’iniziativa, anticipata da un altro evento il venerdì precedente in carcere – si legge nella nota stampa dell’evento – fa parte del percorso sviluppato negli ultimi tre anni, durante i quali sono state realizzate diverse azioni che hanno dato ottimi risultati nell’aumento della consapevolezza che anche il carcere fa parte della nostra comunità.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

I due momenti, “interno ed esterno”, sono state occasioni di restituzione delle azioni progettuali messe in campo negli ultimi anni all’interno dell’istituto di pena, con grande soddisfazione da parte dell’amministrazione stessa e molto impegno dei partecipanti.

Articolo tratto da Journal Cittadellarte

Articoli simili
Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore
Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia
Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina
Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”