6 Ago 2018

video#1 – Medicina Tradizionale Cinese: l’Oriente in un ospedale di Napoli

Scritto da: Annalisa Jannone

Un reparto di medicina integrata di un ospedale di Napoli offre prestazioni pubbliche di medicina tradizionale cinese e fitoterapia. Il responsabile, il dott. Ottavio Iommelli, ci racconta la sua esperienza e il rapporto con la medicina convenzionale donandoci una visione originale del concetto di salute e della ricchezza delle opportunità terapeutiche.

Napoli, Ospedale San Paolo, entrando si avverte subito di essere in una realtà atipica, straordinaria rispetto al contesto: un ambulatorio di medicina integrata, di MTC (Medicina Tradizionale Cinese) e fitoterapia.

 

Il reparto da anni subisce la minaccia di chiusura per mancanza di fondi e viene costantemente difeso dai professionisti che ci lavorano e dalla comunità che la frequenta. Eppure è un’oasi capace di accogliere le persone in un clima di rispetto e profondo senso della cura.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il responsabile del reparto, dott. Ottavio Iommelli, dal ’92 ha perseverato nello scopo di offrire a tutti, ad ogni strato sociale, prestazioni pubbliche di MTC e Fitoterapia.

 

 

Iommelli ci racconta che, da fenomeno di moda delle classi medio borghesi, le cure naturali e tradizionali sono ora richieste da moltissimi che desiderano ridurre, eliminare o integrare i farmaci di sintesi. Sono gli stessi pazienti che spingono affinché il medico si aggiorni e proponga alternative efficaci.

 

“Oltre ad un miglior rapporto medico-paziente e ad un ventaglio ampio e ricco di possibilità terapeutiche, siamo riusciti a dimostrare di poter risparmiare, alla collettività, decine di migliaia di euro per diverse patologie. La soddisfazione delle persone ci spinge a continuare”.

 

Ormai la MTC e la fitoterapia sono entrate negli organi sanitari istituzionali mondiali e nella formazione e ricerca universitaria. Continua a raccontare Iommelli: “Sempre più studi clinici ne validano l’efficacia se non addirittura una chiara indicazione di maggior successo terapeutico rispetto ai trattamenti convenzionali, in specifiche patologie. Sarebbe opportuno che tutti i medici avessero delle nozioni di base di fitoterapia per affrontare meglio il vastissimo uso che se ne fa. Perché rifiutare a priori un’opportunità terapeutica confermata dalla stessa produzione scientifica? Ad esempio la sola Curcuma ha più di 13.000 studi clinici pubblicati, nessun farmaco è stato così studiato”.

massage-1929064_960_720

Iommelli aggiunge che la conoscenza della filosofia della MTC aiuterebbe tutti a capire meglio il paziente, il contesto e il conflitto fisico. “La salute non può prescindere da un’armonia mentale. Il taoismo ci insegna che siamo parte indissolubile di quel flusso continuo, ritmico e circolare, fatto di unione e complementarietà, con cui la natura si manifesta. Ma è importante anche l’apporto del confucianesimo: il rispetto delle regole, dei limiti, dell’ordine ci può aiutare a relazionarci meglio con ciò che avviene, con ciò che è”.

 

Questi spunti di riflessione possono favorire atteggiamenti più sani e scelte sagge, cioè maggior benessere. “La salute si coltiva imparando ad essere se stessi, a manifestare se stessi superando le conflittualità con la crescita in consapevolezza, coltivando la duttilità e il rigore. Questo porta ad una maggiore sicurezza di se e, man mano, alla libertà di esprimersi, di manifestarsi e agire: non contro, ma con, insieme a…”.

 

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. L’Autore e l’Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall’uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Il sito contiene collegamenti ad altri siti Internet, Italia Che Cambia non è responsabile dei contenuti dei predetti siti Internet.

 

PER GUARDARE L’INTERVISTA INTEGRALE CLICCA QUI

 

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. L’Autore e l’Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall’uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Il sito contiene collegamenti ad altri siti Internet, Italia Che Cambia non è responsabile dei contenuti dei predetti siti Internet.

 

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5