2 Ott 2018

SanaTerra: tre giorni di economia solidale

Scritto da: Daniela Bartolini

Torna ad Ivrea la Fiera biennale dell'economia solidale e sostenibile, tre giorni dal 12 al 14 ottobre di eventi diffusi, tra giochi, approfondimenti e mercati, per richiamare l'attenzione sugli attori locali della filiera del cibo per costruire in maniera partecipata una nuova politica del cibo. condividi

Dal 2004 si tiene a Ivrea con cadenza biennale, Sanaterra, Fiera dell’economia solidale e sostenibile, che porta all’attenzione temi ineludibili per la nostra società: il consumo critico, la riduzione dei rifiuti, la produzione sostenibile di beni e di energia, un lavoro “equo” che rispetti l’uomo e l’ambiente. Questa ottava edizione è dedicata al tema “Nutrire la città: luoghi e persone per una nuova politica del cibo”, tre giorni di eventi diffusi per richiamare l’attenzione sugli attori locali della filiera del cibo, produttori, commercianti, ristoratori e consumatori, per avviare in modo partecipato e condiviso politiche del cibo attente al territorio, sostenibili e solidali.

L’evento di quest’anno, come riporta Ecoredia, il gruppo di acquisto solidale della zona di Ivrea, tra gli organizzatori insieme a ZAC! Zone Attive di Cittadinanza, “in vent’anni di attività, i Gruppi di Acquisto Solidale hanno contribuito a cambiare gli stili di consumo della popolazione italiana. Insieme a movimenti più famosi, come Slow Food, hanno saputo dar vita ad appuntamenti di grande risonanza mediatica, come il Salone del Gusto e Terra Madre a Torino, il Sana a Bologna, Fà la cosa giusta a Milano, e, nel suo piccolo, SanaTerra. Grazie a loro, parole come biologico, km 0, sostenibilità, sono entrati nel lessico quotidiano e l’idea che il mondo si possa cambiare cambiando il modo di acquistare e di nutrirsi, viene utilizzata persino dalla pubblicità dei grandi marchi”.

La domanda che è sorta agli organizzatori di SanaTerra è se tutto quest sia davvero l’inizio di un reale cambiamento o solo una strategia per soddisfare i nuovi gusti dei consumatori e nascondere il vecchio modo di produrre, che depreda l’ambiente e sfrutta le persone.

“Per scoprirlo-proseguono- bisogna andare in profondità, cercare i segni di resistenza e di speranza nei piccoli gesti concreti di chi ha cominciato a cambiare il mondo dal basso, nel quotidiano, con pazienza e tenacia. Anche SanaTerra vuole ampliare lo sguardo, visitando a Ivrea i tanti luoghi del cibo e incontrando le persone che ogni giorno nutrono la città. Non più solo i produttori biologici, che domenica 14 ottobre popoleranno Piazza Ottinetti portando i colori, i profumi e i sapori del loro paziente lavoro sulla terra e con la terra, ma anche quelli che settimanalmente contribuiscono a rendere più vivo e vero il mercato cittadino, anche i cuochi e i ristoratori che credono nel territorio e nei suoi prodotti e si impegnano per valorizzarli nella propria cucina. Ognuno di loro avrà un ruolo nei tre giorni di SanaTerra, per portare concretamente l’economia solidale in ogni angolo della città e diffonderla sul territorio, ma anche per stimolare cittadini e amministratori a “vedere” e scegliere le buone pratiche già esistenti, e a partecipare così alla costruzione condivisa di nuove politiche del cibo, più sostenibili e solidali”.

Il programma dei tre giorni si apre venerdì 12 ottobre, alle 11,30, con un’iniziativa al mercato di Ivrea, nell’area riservata ai produttori; prosegue alle 18 allo ZAC! con la presentazione del libro “La terra non è mai sporca” e, alla sera, con le Cene di SanaTerra nei diversi ristoranti di Ivrea a dintorni che hanno aderito all’iniziativa: cene per tutti i gusti e tutte le tasche, all’insegna della stagionalità e della freschezza, della provenienza locale e biologica o del recupero degli scarti.

sanaterra-tre-giorni-economia-solidale-2

Sabato 13 ottobre, alle 15, SanaTerra esce sul territorio per un convegno dal titolo “Coltiviamo il nostro futuro: dall’agricoltura eroica allo sviluppo di un territorio”, organizzato a Settimo Vittone dal G.A.S. Dora Baltea e seguito da un rinfresco a cura dei produttori locali. Durante il convegno l’Associazione Ecoredia sarà premiata con la Bandiera Verde di Legambiente per il suo lavoro a sostegno delle aziende nella cura dei terreni più fragili e marginali.

Infine domenica 14 ottobre, arriva la grande Fiera in Piazza Ottinetti, dalle 10 alle 18, con tutto il colorato mondo dell’economia solidale (cibo biologico, abbigliamento e artigianato sostenibile, energie e edilizia a impatto zero, tecnologia etica, informazione critica), della cooperazione e del volontariato. Al mattino si parla del futuro dei G.A.S. con un confronto tra le realtà piemontesi; a pranzo, spazio alla convivialità con il buon cibo a km 0; durante la giornata laboratori e giochi per bambini e ragazzini, e nel pomeriggio, alle 16, chiusura in bellezza con lo spettacolo teatrale “Fatti di cibo”.

Foto copertina
Didascalia: SanaTerra 2018

Articoli simili
Economia solidale: Italia Che Cambia a Solikon 2015

“Raccontiamola giusta”: l'economia sociale e solidale in festa a Roma

Fa' la cosa giusta 2016, tra percorsi di resilienza ed economia solidale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti