Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
2 Ott 2018

SanaTerra: tre giorni di economia solidale

Scritto da: Daniela Bartolini

Torna ad Ivrea la Fiera biennale dell’economia solidale e sostenibile, tre giorni dal 12 al 14 ottobre di eventi diffusi, tra giochi, approfondimenti e mercati, per richiamare l’attenzione sugli attori locali della filiera del cibo per costruire in maniera partecipata una nuova politica del cibo.
condividi

Dal 2004 si tiene a Ivrea con cadenza biennale, Sanaterra, Fiera dell’economia solidale e sostenibile, che porta all’attenzione temi ineludibili per la nostra società: il consumo critico, la riduzione dei rifiuti, la produzione sostenibile di beni e di energia, un lavoro “equo” che rispetti l’uomo e l’ambiente. Questa ottava edizione è dedicata al tema “Nutrire la città: luoghi e persone per una nuova politica del cibo”, tre giorni di eventi diffusi per richiamare l’attenzione sugli attori locali della filiera del cibo, produttori, commercianti, ristoratori e consumatori, per avviare in modo partecipato e condiviso politiche del cibo attente al territorio, sostenibili e solidali.

L’evento di quest’anno, come riporta Ecoredia, il gruppo di acquisto solidale della zona di Ivrea, tra gli organizzatori insieme a ZAC! Zone Attive di Cittadinanza, “in vent’anni di attività, i Gruppi di Acquisto Solidale hanno contribuito a cambiare gli stili di consumo della popolazione italiana. Insieme a movimenti più famosi, come Slow Food, hanno saputo dar vita ad appuntamenti di grande risonanza mediatica, come il Salone del Gusto e Terra Madre a Torino, il Sana a Bologna, Fà la cosa giusta a Milano, e, nel suo piccolo, SanaTerra. Grazie a loro, parole come biologico, km 0, sostenibilità, sono entrati nel lessico quotidiano e l’idea che il mondo si possa cambiare cambiando il modo di acquistare e di nutrirsi, viene utilizzata persino dalla pubblicità dei grandi marchi”.

La domanda che è sorta agli organizzatori di SanaTerra è se tutto quest sia davvero l’inizio di un reale cambiamento o solo una strategia per soddisfare i nuovi gusti dei consumatori e nascondere il vecchio modo di produrre, che depreda l’ambiente e sfrutta le persone.

“Per scoprirlo-proseguono- bisogna andare in profondità, cercare i segni di resistenza e di speranza nei piccoli gesti concreti di chi ha cominciato a cambiare il mondo dal basso, nel quotidiano, con pazienza e tenacia. Anche SanaTerra vuole ampliare lo sguardo, visitando a Ivrea i tanti luoghi del cibo e incontrando le persone che ogni giorno nutrono la città. Non più solo i produttori biologici, che domenica 14 ottobre popoleranno Piazza Ottinetti portando i colori, i profumi e i sapori del loro paziente lavoro sulla terra e con la terra, ma anche quelli che settimanalmente contribuiscono a rendere più vivo e vero il mercato cittadino, anche i cuochi e i ristoratori che credono nel territorio e nei suoi prodotti e si impegnano per valorizzarli nella propria cucina. Ognuno di loro avrà un ruolo nei tre giorni di SanaTerra, per portare concretamente l’economia solidale in ogni angolo della città e diffonderla sul territorio, ma anche per stimolare cittadini e amministratori a “vedere” e scegliere le buone pratiche già esistenti, e a partecipare così alla costruzione condivisa di nuove politiche del cibo, più sostenibili e solidali”.

Il programma dei tre giorni si apre venerdì 12 ottobre, alle 11,30, con un’iniziativa al mercato di Ivrea, nell’area riservata ai produttori; prosegue alle 18 allo ZAC! con la presentazione del libro “La terra non è mai sporca” e, alla sera, con le Cene di SanaTerra nei diversi ristoranti di Ivrea a dintorni che hanno aderito all’iniziativa: cene per tutti i gusti e tutte le tasche, all’insegna della stagionalità e della freschezza, della provenienza locale e biologica o del recupero degli scarti.

sanaterra-tre-giorni-economia-solidale-2

Sabato 13 ottobre, alle 15, SanaTerra esce sul territorio per un convegno dal titolo “Coltiviamo il nostro futuro: dall’agricoltura eroica allo sviluppo di un territorio”, organizzato a Settimo Vittone dal G.A.S. Dora Baltea e seguito da un rinfresco a cura dei produttori locali. Durante il convegno l’Associazione Ecoredia sarà premiata con la Bandiera Verde di Legambiente per il suo lavoro a sostegno delle aziende nella cura dei terreni più fragili e marginali.

Infine domenica 14 ottobre, arriva la grande Fiera in Piazza Ottinetti, dalle 10 alle 18, con tutto il colorato mondo dell’economia solidale (cibo biologico, abbigliamento e artigianato sostenibile, energie e edilizia a impatto zero, tecnologia etica, informazione critica), della cooperazione e del volontariato. Al mattino si parla del futuro dei G.A.S. con un confronto tra le realtà piemontesi; a pranzo, spazio alla convivialità con il buon cibo a km 0; durante la giornata laboratori e giochi per bambini e ragazzini, e nel pomeriggio, alle 16, chiusura in bellezza con lo spettacolo teatrale “Fatti di cibo”.

Foto copertina
Didascalia: SanaTerra 2018

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo stallo israeliano e i rischi dell’accordo Ue-Mercosur – Io Non Mi Rassegno #172

|

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

|

Il Filo di Paglia, la prima casa in paglia della Liguria

|

Movement Medicine: affidarsi alla danza per scoprire se stessi

|

IC3 Modena: la scuola digitale in cui luci e colori risvegliano l’anima – Scuola Che Cambia #6

|

Cambiare vita e lavoro, un viaggio responsabile e coraggioso verso la felicità

|

Mille alberi piantati dai cittadini per difendere il territorio

|

Verso un’economia post-covid per il bene comune