Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
10 Dic 2018

Cambiamenti climatici e salute: “Non stiamo lottando abbastanza”

Scritto da: ISDE

I cambiamenti climatici hanno numerose e ampie conseguenze sulla salute umana e stiamo registrando un incremento continuo dei rischi e dei danni sanitari. Tutto questo si continua ad ignorare, alimentando disuguaglianze e iniquità. È quanto riferiscono i Medici per l’Ambiente di ISDE Italia che lanciano un appello ai leader riuniti in Polonia per la Conferenza mondiale sul clima.

Si è tenuta venerdì 7 dicembre presso la sede del Parlamento Europeo a Roma la conferenza stampa di presentazione del position paper di ISDE Italia (Associazione Italiana Medici per l’Ambiente) su “Cambiamenti climatici, salute, agricoltura e alimentazione”, nel quale vengono discusse le conoscenze attuali sui cambiamenti climatici, le conseguenze socio-economiche, ambientali e sanitarie che le variazioni in corso comportano e come le attività umane possano influire, positivamente o negativamente, sugli scenari attesi. Alla conferenza stampa hanno partecipato il presidente nazionale di ISDE, Roberto Romizi, il presidente eletto di ISDE International, Ferdinando Laghi, le componenti della giunta nazionale dell’associazione, Patrizia Gentilini e Maria Grazia Petronio e il responsabile per l’Italia centrale dell’associazione, Ugo Corrieri.

2018.12.07 Foto Presentazione

Vuoi cambiare la situazione
del clima in italia?

ATTIVATI

“Non stiamo lottando abbastanza per fermare i cambiamenti climatici- hanno dichiarato gli esponenti di ISDE-  e questo è emerso anche nei primi giorni di lavoro della COP 24 di Katowice, dove i grandi del mondo ancora una volta si sono riuniti per discutere della strategia per salvare il Pianeta.  Se i governi non prendono immediatamente iniziative drastiche e radicali, la distruzione del nostro Pianeta è inevitabile”.

 

L’ultimo report dell’Intergovernative Panel of Climate Change – ONU (Ottobre 2018) ha ribadito, infatti, la necessità di contenere il riscaldamento globale entro 1.5°C rispetto ai valori pre-industriali e che restano solo pochi decenni per raggiungere questo obiettivo, chiedendo l’applicazione di misure rapide, inedite e di ampia portata.

 

Gli effetti dei cambiamenti climatici colpiscono soprattutto i territori e le popolazioni più povere del mondo, generano le migrazioni, ma sono ormai evidenti in tutto il mondo e sono davanti ai nostri occhi. Allagamenti, frane, siccità, alluvioni: gli eventi estremi sono all’ordine del giorno in tutto il mondo. Il 2018 sarà con tutta probabilità il quarto anno più caldo di sempre e negli ultimi ventidue anni si rintracciano ben 20 degli anni più torridi mai esistiti. Di questo passo tra il 2030 e il 2052 l’aumento delle temperature sforerà il limite di 1,5°C, intanto le emissioni di CO2 nel 2017 hanno raggiunto un valore mai registrato negli ultimi 3 milioni di anni. Dobbiamo tagliare le emissioni di 5 volte in più rispetto ai tagli attuali o arriveremo presto a quella soglia di +1,5°C.

2018.12.07 Foto positionpaper
 
È inoltre ormai ampiamente noto alla comunità scientifica internazionale che i cambiamenti climatici hanno numerose e ampie conseguenze sulla salute umana e che stiamo registrando un incremento continuo dei rischi e dei danni sanitari. Tutto questo si continua ad ignorare, alimentando disuguaglianze e iniquità con decisioni che procedono in direzione contraria agli impegni internazionali ed al nostro stesso diritto di sopravvivenza, nonostante misure alternative possano comportare sviluppo sostenibile ed un ampio contenimento dei costi diretti e indiretti generati dalle modificazioni climatiche e dell’inquinamento ad esse associato. Dovremmo tutti iniziare a guardare la realtà attraverso gli occhiali dei cambiamenti climatici, ponendo questo tema in cima alla lista di priorità delle nostre agende, in qualunque settore operiamo.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Un po’ di aggiornamenti sul covid nel mondo – Io Non Mi Rassegno #175

|

Il Mio Nido di Treviglio: rivoluzionare la scuola a partire da 0 anni! – Scuola che Cambia #7

|

Si conclude la prima parte di IT.A.CÀ, il festival del turismo responsabile

|

Sei anni di energia rinnovabile, etica, sostenibile: ènostra festeggia con sconti e promozioni

|

Le erbe spontanee: una ricchezza da riscoprire e tutelare

|

Nel borgo di montagna arriva una “scuola ispirazionale” per combattere lo spopolamento

|

Con Junker app i rifiuti si riconoscono (anche) grazie all’intelligenza artificiale

|

Può esistere una lobby buona?