Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
14 Dic 2018

Centri per il volontariato e regione Piemonte insieme contro lo spreco alimentare

Scritto da: Lorena Di Maria

Sono cinque i Centri di servizio per il volontariato presenti sul territorio piemontese che, insieme alla Regione Piemonte, stanno avviando proprio in questi giorni una collaborazione per la realizzazione di attività di informazione e sensibilizzazione contro lo spreco alimentare, rivolte alla promozione di una nuova cultura del cibo e incentivando le buone pratiche.

Una rete connessa e integrata che include diverse realtà presenti sul territorio piemontese, unite per diffondere l’attenzione sul consumo di cibo: è la recentissima collaborazione che vedrà insieme la Regione Piemonte e i cinque Centri di servizio per il volontariato presenti nelle province piemontesi, impegnati per dar vita ad un progetto virtuoso e di ampia portata.

 

E’ stata approvata il 30 novembre la delibera che sancisce l’accordo di collaborazione, con l’obiettivo di dare vita ad un’azione strutturata e partecipata che vede nel cibo e nella sua tutela un importante obiettivo per il futuro. L’iniziativa prenderà avvio attraverso diverse azioni, tra le quali campagne di sensibilizzazione ed informazione che contribuiranno alla diffusione di conoscenze e di una maggior attenzione verso la cultura del cibo, del consumo, dello spreco alimentare e delle buone pratiche da attuare.

centri-volontariato-regione-piemonte-insieme-spreco-alimentare

Sono cinque i centri che hanno aderito all’iniziativa: il Centro Servizi per il Volontariato “VOL.TO” di Torino e provincia, il Centro Servizi per il Volontariato – Società Solidale di Cuneo e provincia, il CSVAA – Centro Servizi Volontariato Asti-Alessandria, il CST-Centro Servizi per il Territorio Solidarietà e Sussidiarietà di Novara, il CVT-Centro Territoriale per il Volontariato di Biella e Vercelli e provincia.

 

Si tratta nel complesso di realtà attive nelle diverse province a favore di una cultura della solidarietà che promuova l’animazione territoriale, la creazione di nuove iniziative di volontariato ed il rafforzamento sul territorio di quelle esistenti.

 

Attualmente la Regione Piemonte si impegna a stanziare un totale di 200 mila euro per l’avvio del progetto, finalizzato all’iniziale realizzazione delle attività e alla messa in rete delle diverse progettualità locali che diano vita a nuove sinergie, occasioni ed opportunità, definendo successivamente le azioni concrete che coinvolgeranno da vicino i cittadini.

 

L’iniziativa vuole nel complesso aumentare la consapevolezza delle persone rispetto ai propri stili di vita e alle proprie abitudini nei confronti del cibo, che dovranno tradursi in scelte responsabili e lungimiranti. Si sottolinea in questo senso l’importanza del lavorare insieme attraverso la promozione di azioni e buone pratiche collettive capaci di avere ampie ricadute sul territorio grazie ad una collaborazione che coinvolge l’intera Regione.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap