19 Mar 2019

#trashchallenge: i ragazzi "annoiati" ora puliscono il mondo

Nata da un semplice post su Facebook, la #trashchallenge è diventata una moda globale con effetti positivi: non solo incoraggia migliaia di persone a fare qualcosa per l'ambiente, ma diffonde anche consapevolezza e responsabilità.

“Ecco una nuova sfida per voi adolescenti annoiati. Fotografate un’area che necessita di pulizia o manutenzione, immortalatela di nuovo dopo che l’avete messa a posto e infine condividete la foto sui social”.

 

È questo l’invito un po’ provocatorio che Byron Roman, un utente americano di Facebook, ha condiviso sul suo profilo poco tempo fa. Il post ha ricevuto centinaia di migliaia di condivisioni e apprezzamenti, diventando virale nel giro di pochi giorni.

trashchallengeCosì come è successo per il movimento delle social street, un’iniziativa nata in rete ha preso corpo e ha prodotto effetti concreti e positivi che si sono diffusi a macchia d’olio su scala mondiale.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

 

Il post di Roman, che conteneva delle foto dell’attivista algerino Drici Tani Younes in azione, ha innescato la reazione di migliaia di utenti in tutto il mondo. Nel giro di pochi giorni l’hashtag #trashchallenge è diventato popolarissimo e hanno cominciato a circolare numerose immagini di persone, per lo più giovani e giovanissimi, che hanno deciso di raccogliere l’invito.

 

C’è chi si è sbizzarrito, come un gruppo di indonesiani che si sono auto-ritratti in spiaggia insieme ai sacchi contenenti la spazzatura che avevano raccolto e a Bumblebee, gigantesco robot della saga dei Transformers. E c’è chi ha voluto stupire, come un alpinista canadese che si è immortalato sul monte Everest mentre raccoglie i rifiuti lasciati da precedenti spedizioni.

 

Numerosi i riferimenti ironici ai politici, con tanti utenti che hanno condiviso foto di aule parlamentari prima piene e poi vuote, dopo che la “spazzatura” era stata buttata. Due studenti universitari messicani hanno raccolto e fotografato due camion interi di plastica, “250000 confezioni che non sono più in strada o nel mare e sono pronte per essere riciclate”, scrivono nel loro post su Instagram.

 

Una signora australiana ha condiviso una sua foto mentre pulisce una spiaggia con tanto di screenshot della sua app per l’esercizio fisico che riporta i chilometri percorsi e le calorie bruciate durante la pulizia, mentre in Sicilia il gruppo “RipuliAmo Catania” ha raccolto più di un quintale di rifiuti sul litorale della città etnea.

trashchallenge2

Sicuramente per risolvere quella che sta diventando un’emergenza ambientale c’è bisogno di un cambio di rotta deciso e diffuso. I rifiuti, in particolare quelli plastici, non possono essere eliminati solo attraverso il riciclaggio, ma bisogna ridurre notevolmente la loro produzione cambiando modello e orientandosi verso l’economia circolare.

 

Ciononostante, quello che è nato come un gioco virtuale sta contribuendo in maniera importante a diffondere consapevolezza e responsabilizzare le persone, soprattutto i più giovani, su un tema cruciale come quello del rispetto per l’ambiente. Un passo avanti decisamente incoraggiante!

 

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
TuttiConnessi: cresce il progetto che ricicla pc usati e li dona a studenti in difficoltà
TuttiConnessi: cresce il progetto che ricicla pc usati e li dona a studenti in difficoltà

A Sestriere ci pensano i cittadini a pulire la montagna dai rifiuti

A Roma la pista di atletica realizzata dal riciclo delle scarpe sportive

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

CreativeMornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini