15 Apr 2019

Ricette #24 – Stick croccanti di avocado al forno

Scritto da: Giulia Napolitano

Ricco di omega 3 e coltivato anche nella nostra Sicilia, l'avocado è un frutto versatile che si presta a tantissime preparazioni. La dottoressa Giulia Napolitano ci spiega qui come preparare dei gustosi stick di avocado al forno, ideali per aperitivo, contorno o guarnizione di una ricca insalata.

Se c’è una cosa che mi hanno trasmesso i miei viaggi nelle zone tropicali è l’amore per gli avocado. Quando lavoravo in un negozio di alimentazione biologica era molto facile averne a disposizione: erano ottimi e ben maturi, ma la provenienza mi faceva sempre desistere dall’acquisto. Trovo infatti davvero inconcepibile acquistare prodotti che, per arrivare sulla mia tavola, devono fare viaggi oltreoceano, creando una quantità di CO2 imbarazzante.

avocado-933060_960_720

Per anni ho quindi relegato le mie voglie di avocado ai miei viaggi, dove ne consumavo in grandi quantità. Le cose sono cambiate nel momento in cui ho trovato una produzione di avocado 100% italiana nella calda e bella Sicilia che presenta il clima ideale per la crescita di questi frutti. In inverno quindi, quando inizia la stagione, ordino regolarmente delle casse di avocado per non far mancare nella mia alimentazione preziosi omega 3 e il gusto di questo verde alleato.

L’unica pecca è che ad ondate mi ritrovo casa piena di avocados che maturano tutti contemporaneamente! Per quanto mi impegni a consumarli a colazione regolarmente, spalmati su un buon pane di segale integrale, spesso devo inventare nuove ricette. Devo dire che l’avocado è davvero molto versatile e si presta a tantissime preparazioni (vi ricorderete sicuramente la ricetta dei gelati pubblicata in questa rubrica).

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

 

Tempo fa cercando versioni alternative alle solite ricette mi sono imbattuta in un blog americano che proponeva questi meravigliosi stick di avocado al forno. Inizialmente l’idea della cottura di questo frutto non mi faceva impazzire (si perdono tanti preziosi omega 3), ma dopo il primo morso mi sono ricreduta. Potete servirli come finger food ad un aperitivo, come contorno ad un piatto completo, come merenda (perché no?) o come guarnizione ad una ricca insalata…

 

La ricetta prevedeva di marinare l’avocado tagliato a fettine: vi consiglio di scegliere un avocado non troppo maturo in modo che mantenga la forma senza sciogliersi nella marinatura. Questa fase serve a togliere il retrogusto amaro che potrebbe svilupparsi nella cottura dell’avocado e lo sciroppo di acero è ottimo per contrastarlo. Per la panatura io consiglio il pangrattato fatto in casa usando pane secco, altrimenti viene buonissimo con la farina per polenta taragna, nella quale la presenza di grano saraceno dà un tocco in più.

stick-avocado

Ingredienti
un avocado non molto maturo
un cucchiaino di sciroppo di acero
un cucchiaio di shoyu
pangrattato fatto in casa
succo di limone
olio evo
pepe

 

Preparazione
Taglia l’avocado in due metà e poi ciascuna metà a fettine. Fai una marinatura in una ciotola con: lo sciroppo d’acero, la shoyu, un filo d’olio e il succo di limone. Lascia riposare le fettine nel liquido ottenuto per un quarto d’ora e poi tuffale nella panatura (io ho usato pangrattato + pepe) facendo attenzione a farla aderire bene alle fette. Sistema su una teglia e inforna per 20 minuti a 180° oppure fino a doratura. Servi con succo di limone e pepe.

 

Buon Appetito!

 

 

Articoli simili
Parte la Scuola Alimentare Valdibella per insegnare ai più piccoli il valore del cibo
Parte la Scuola Alimentare Valdibella per insegnare ai più piccoli il valore del cibo

A Torino un giardino pubblico si trasforma per due giorni in Mercato della Biodiversità
A Torino un giardino pubblico si trasforma per due giorni in Mercato della Biodiversità

Alimentazione sana e meditazione aiutano a essere più felici
Alimentazione sana e meditazione aiutano a essere più felici

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi