Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
14 Mag 2019

Nasce MAACC, la casetta per cicloturisti e camminatori che favorisce la mobilità lenta

Scritto da: Lorena Di Maria

Si chiama “MAAC – Modulo Abitativo Autosufficiente per Cicloturisti e Camminatori” e rappresenta un modello nuovo, originale e innovativo progettato e realizzato dai ragazzi e dalle ragazze del team Recyclo del Politecnico di Torino. E’ il primo modello abitativo e riproducibile realizzato in autocostruzione, che verrà posizionato lungo il percorso ciclabile Torino-Milano destinato ai viaggiatori e pensato per rispondere alla crescente necessità di strutture ricettive per il turismo a mobilità lenta.

Dimenticarsi dell’automobile e montare in sella alla propria bicicletta, sapendo che lungo il percorso ci sarà sempre una casa ad accoglierci. Per i cicloturisti e i camminatori nasce MAACC, una “casa” naturale, leggera e autosufficiente progettata dagli studenti e dalle studentesse del Politecnico di Torino: un esempio perfetto che unisce l’autocostruzione alla mobilità sostenibile.

L’unità abitativa, recentemente terminata ed inaugurata, è stata progettata come modello replicabile che andrà a comporre un sistema di strutture ricettive all’interno del percorso ciclabile lungo il Canale Cavour che collega i comuni della cintura di Torino con quelli prossimi a Milano. Si tratta di un progetto fortemente legato al territorio in cui è situato, che vuole incentivare nuovi e più sostenibili modi di fare mobilità.

Il MAAC è un progetto pensato per rispondere alla crescente necessità di strutture ricettive per il turismo a mobilità lenta e intende offrire ai suoi futuri utenti uno spazio idoneo al pernottamento e alla riparazione delle proprie biciclette, sul modello del bivacco di montagna. La sostenibilità del progetto è garantita dall’utilizzo di prodotti riciclati, a basso impatto ambientale e ecologici come la paglia di riso, oltre che per la maggior parte a km 0 come il legno di pioppo, che viene rifornito dai pioppicoltori della Pianura Padana.

Si tratta di un prototipo abitativo pensato secondo criteri di sostenibilità ambientale e sociale, ricerca scientifica, riciclo, valorizzazione del territorio e del patrimonio locale. Il primo prototipo è stato posto all’interno di una cascina storica, con l’obiettivo di essere replicato lungo le cascine agricole e presso gli edifici dei caselli di controllo che si trovano lungo il percorso.

L’unità abitativa è stata realizzata da un totale di 13 studenti e quattro professori referenti del team Recyclo del Politecnico di Torino attraverso un cantiere di autocostruzione didattica che ha avuto la durata di due anni.

Il progetto è stato inoltre realizzato grazie alla sinergia con enti pubblici, professionisti e aziende private, partner tecnici e sponsor fra i quali il Politecnico di Torino, il DAD – Dipartimento di Architettura e Design e l’Ente di gestione delle aree protette del Ticino, Lago Maggiore e Lame del Sesia (VC) e l’azienda Panguaneta.

Il MAACC si inserisce nel contesto Europeo del progetto EuroVelo, un sistema di piste ciclabili che, una volta completato, attraverserà l’intero continente. Nello specifico sono state previste la progettazione e l’autocostruzione del prototipo abitativo da posizionare lungo la Eurovelo8, la dorsale ciclabile che collega i Paesi del Mediterraneo. Con origine dallo Stretto di Gibilterra e giungendo fino a Cipro, percorrerà l’Italia da Torino a Venezia e si raccorderà proprio alla ciclovia del Canale Cavour tra Torino e Milano.

EuroVelo è un più ampio progetto dell’ ECF – European Cyclists’ Federation che nasce con l’obiettivo di sviluppare una rete di 15 itinerari ciclabili di lunga percorrenza attraverso il continente europeo.
Un percorso ciclable il cui progetto coinvolge la quasi totalità di Paesi europei per un totale di 70.000 chilometri, creando una continuità territoriale basata sulla promozione della bicicletta quale migliore pratica di turismo sostenibile.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap