26 Giu 2019

Tv. Verità o fantasia?

Scritto da: Redazione

Pubblichiamo l'elaborato realizzato dai ragazzi della classe 3D1 dell'Istituto Tecnico Industriale P. Hensemberger nell'ambito del progetto di educazione alla legalità "Facci Caso!", realizzato da Co2 Crisis Opportunity Onlus in collaborazione con Italia che Cambia e Cross – Osservatorio sulla Criminalità Organizzata Università degli studi di Milano; con il supporto di Assolombarda Confindustria Milano, Monza, Brianza e Lodi.

I media, di qualsiasi tipo essi siano, nascono con lo scopo di informare la società con fatti di quotidianità, di politica, cultura, sport ecc. Negli anni, con la crescita esponenziale delle tecnologie, delle trasmissioni televisive e dei social media, siamo arrivati a conoscere ciò che succede anche in tempo reale ma, la fame di soldi di chi le gestisce, fa si che al pubblico arrivino quasi solamente notizie parziali o distorte, oppure che si parli raramente di fatti che possono interessare ed essere d’aiuto a molti cittadini se questi non generano direttamente fatturati.

 

Per esempio, ancora oggi si vedono servizi delle indagini sulla morte di Sarah Scazzi o Yara Gambirasio (fatti risalenti a tempo fa) invece ad una fuga di gas successa il giorno stesso, viene dedicato uno spazio di pochi minuti. Questo perché per chi produce informazione è più conveniente divulgare notizie che generano più ascolti e quindi vendono di più.

 

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Troviamo un altro esempio significativo di informazione distorta nella rappresentazione che i media danno del mondo del lavoro: al telegiornale, infatti,  viene spesso evidenziato come in Italia ci sia un tasso elevato di disoccupazione facendo intendere che si tratti di una delle tante colpe del governo di turno o di una società malata che è ferma in ambito produttivo. Secondo alcune statistiche molte persone, soprattutto fra i giovani, smettono addirittura di cercare lavoro influenzati da tali notizie negative, bloccando tutto il sistema. In realtà il lavoro c’è, sparso per tutta Italia, grazie ad imprenditori, associazioni e startup che decidono di cambiare delle realtà difficili creando lavoro per molte famiglie ma, di questo, non ne parla quasi mai nessuno.

 

Non è tutto. I media ci danno informazioni sugli omicidi o su altri atti di stampo mafioso (come ad esempio riciclaggio di denaro, negozi saltati in aria perché non pagavano il pizzo, gioco d’azzardo); non stiamo negando l’importanza di dare visibilità a questo tipo di informazioni ma riteniamo che sia altrettanto importante raccontare di tutte quelle persone che si uniscono per creare progetti, associazioni nuovi che in qualche modo cercano di contrastare la mafia sensibilizzando quante più persone possibili.

 

Ci sembra quindi evidente che sia più conveniente, per chi divulga le notizie, mantenere nella società questo clima di depressione e sconforto funzionale alle logiche economiche che abbiamo presentato all’inizio. Per contrastare queste logiche una soluzione sarebbe quella di sfruttare i social media condividendo le nuove opportunità di lavoro o creandone altre.

 

Realizzato da: Ciancio Veronica, Cuzzolin Simone, Accardo Antonio, Sala Mattia

 

Leggi l’articolo di Daniel Tarozzi che racconta il progetto Facci Caso!

 

Vuoi cambiare la situazione di informazione e comunicazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk
L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk

Informazione costruttiva: perché il giornalismo dovrebbe essere consapevole ogni giorno
Informazione costruttiva: perché il giornalismo dovrebbe essere consapevole ogni giorno

Il giornalismo che vorrei: ecco come le notizie fanno bene (o male) alla società
Il giornalismo che vorrei: ecco come le notizie fanno bene (o male) alla società

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk