29 Lug 2019

A Biella l’ospedale diventa polo di promozione culturale del territorio

Nell'Azienda Sanitaria Locale BI l'arte e la creatività caratterizzano gli ambienti di cura, con la partecipazione di associazioni, scuole, artisti e della comunità allargata che contribuiscono a rendere l’ospedale un Bene Comune.

L’Azienda Sanitaria Locale BI appoggia la candidatura di “Biella Città Creativa“, raccontando il progetto artistico di umanizzazione messo in atto nel nuovo presidio e che vuole essere il riflesso di un territorio, quello biellese, versatile e sempre più capace di rinnovarsi e di mettersi in relazione, valorizzando in una logica di rete le proprie risorse e potenzialità.

Dal 2015 il Terzo Paradiso è ospitato come simbolo centrale sul tetto-giardino dell’Ospedale, firmato dal maestro Michelangelo Pistoletto e realizzato dagli studenti del “Liceo ‘G. e Q. Sella” di Biella. La scelta di collocarlo nel nuovo presidio, in un punto visibile da tutte le aree di degenza, è frutto di un’intuizione che rispecchia la volontà di creare un polo sanitario tecnologico e all’avanguardia, ma dove la componente umana e dell’accoglienza fosse altrettanto importante e quindi immediatamente percepibile per le persone che vi accedono, così pure per i professionisti ogni giorno impegnati nel loro lavoro.

biella ospedale diventa polo promozione culturale territorio 1564389551

La bellezza delle opere artistiche e della natura dei paesaggi biellesi ha così iniziato a permeare gli spazi ed in particolare gli ambienti di cura.
La creatività e l’arte sono diventate un appuntamento costante con nuovi allestimenti, donazioni, eventi: un’idea diventata una sfida, che l’ospedale di Biella ha lanciato fin dalla sua realizzazione nel 2014 e ha portato avanti in questi anni con la convinzione che la nuova struttura dovesse rispecchiare e promuovere la bellezza, la ricchezza intellettuale, la conoscenza ed il talento che la popolazione della provincia laniera è in grado di esprimere, ma spesso non valorizza abbastanza.

Nel 2018 il progetto in questione ha meritato – con le motivazioni che seguono – il terzo premio nazionale di Cittadinanza Attiva “Andrea Alesini Buone pratiche per l’Umanizzazione delle cure” e l’ASL BI lo ha accolto e condiviso con tutti coloro che a diverso titolo lo hanno reso possibile.

«… Per aver coinvolto associazioni, scuole, artisti e la comunità in generale per rendere l’Ospedale un bene comune e a disposizione dei cittadini, anche quando non sono malati. Per averne creato un polo di promozione culturale nell’ambito del territorio e per aver dato all’attività sanitaria umanità e calore, rendendo l’Ospedale più simile ad un luogo di vita, invece che di malattia. Per aver trasformato materiali “di scarto” delle cure (come i tappi dei flaconi delle chemioterapie), in opere d’arte e per avere reso l’esterno una piacevole area verde. Per non essersi limitati alla cura della bellezza dei luoghi; ma per aver dato anche risposte al bisogno di orientamento, continuità e accompagnamento durante il ricovero attraverso l’infermiere di riferimento».

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza