24 Lug 2019

Quale sostenibilità per quale comunità? A scuola di futuro con Rete di Reti

Sono aperte le iscrizioni alla seconda edizione della Scuola delle reti, dedicata quest’anno al tema “Quale sostenibilità per quale comunità”. Dal 17 al 21 settembre cinque giornate di studio e confronto su alcune delle tematiche ecologiche, economiche e sociali più dibattute, in compagnia delle esperienze teorico-pratiche più avanzate del nostro Paese.

Di fronte alla crisi ecologica e sociale globale parole come “sostenibilità” e “comunità” sono diventate improvvisamente di moda e iniziano a fare breccia anche sui media tradizionali. La consapevolezza dei problemi sta indubbiamente aumentando, tuttavia quando si arriva a parlare di soluzioni il caos regna ancora sovrano. Quali sono i modelli alternativi? Si può costruire un’economia che non distrugga gli ecosistemi e non crei ingiustizie e iniquità? Di cosa parliamo quando parliamo di sostenibilità e di comunità?

 

Ad oggi esistono diversi modelli teorici di riferimento e centinaia di esperienze pratiche di cambiamento già in atto nel nostro Paese e nel mondo, tuttavia la risposta a queste domande va ancora in buona parte trovata, discussa, sperimentata. Per questo Rete di Reti ha deciso di organizzare una seconda edizione della Scuola delle reti incentrata sul tema “Quale sostenibilità per quali comunità”.

rete-reti-1

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Rete di Reti

Rete di Reti, che organizza la scuola, è un ecosistema di reti e soggetti diffusi sul territorio italiano che già si occupano di sostenibilità ambientale, economica e sociale e che nel 2017 hanno deciso di iniziare un percorso condiviso. Aderiscono attualmente a Rete di Reti: Associazione Decrescita, Bilanci di Giustizia, Movimento per la Decrescita Felice, Rete Economia Solidale, Rete Italiana Cohousing, Rete Italiana Villaggi Ecologici. Comune-info, Italia che Cambia e Terra Nuova sono media partner.

 

La scuola

Da martedì 17 settembre (arrivi lunedì sera per i ‘fuori Roma’) a sabato 21 settembre, a Roma, cinque giornate di studio e di confronto sul tema “Quale sostenibilità per quali comunità?”. La scuola prevede momenti di inquadramento teorico, racconti e la testimonianze di esperienze virtuose già in atto, workshop tematici, lavori di gruppo e momenti conviviali. Il meglio conoscenze teoriche e delle esperienze maturate in questi anni dalle reti che aderiscono a Rete di Reti sarà messo a disposizione dei partecipanti, in un’ottica aperta, di scambio e interazione.

 

Sabato 21 ci sarà un evento speciale dedicato alla Giornata europea delle comunità sostenibili, a cui Rete di reti come nodo italiano.

 

La Scuola si terrà presso l’Ex Lavanderia all’interno del parco dell’Ex Ospedale Psichiatrico Santa Maria della Pietà, Padiglione 31, Monte Mario, Roma. Il 21 settembre invece l’appuntamento sarà presso la Città dell’Altra Economia di Largo Dino Frisullo. Ai corsisti saranno forniti per tempo materiali didattici, analisi di caso studio, piccole antologie di testi.

 

Per iscriversi alla scuola o ricevere maggiori informazioni:
www.retedireti.org
scuoladellereti@gmail.com
cell: 348 5835485 – (dopo le 17.30)

 

Scarica il volantino

 

 

Articoli simili
FabLab Imperia: la tecnologia apre le porte alla condivisione dei saperi
FabLab Imperia: la tecnologia apre le porte alla condivisione dei saperi

Naturalmente Molise: una mano per capire la tua strada
Naturalmente Molise: una mano per capire la tua strada

L’Albero delle Identità: quando l’arte diventa espressione di cittadinanza attiva
L’Albero delle Identità: quando l’arte diventa espressione di cittadinanza attiva

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi