Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
18 Nov 2019

DifferenziamoLo Strano: svuota i cassetti dai rifiuti elettrici ed elettronici!

Scritto da: Silvia Mollo

In occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, il 19 novembre a Torino prenderà avvio una giornata dedicata alla sostenibilità che coinvolgerà studenti, docenti e cittadini in una raccolta straordinaria di piccoli rifiuti elettrici ed elettronici oltre che pile, tappi di plastica e tappi di sughero, per sensibilizzare e diffondere buone pratiche nell’ambito del riuso, del riciclo e della riduzione degli impatti ambientali.

DifferenziamoLo Strano” è l’evento organizzato a Torino per raccogliere e smaltire correttamente i rifiuti “strani”, che fa ritorno quest’anno per la seconda edizione. Verranno raccolti ed inseriti nel corretto ciclo di smaltimento Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche di piccole dimensioni (RAEE R4), pile, tappi di plastica e di sughero.

L’evento si inserisce all’interno della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti: sarà un’occasione per studenti, personale universitario e cittadinanza per informare ed essere informati sull’importanza del corretto smaltimento degli apparecchi difficilmente intercettabili dal riciclo quotidiano. I RAEE costituiscono una risorsa in costante aumento: un torinese produce in media oltre 3 kg di rifiuti elettronici all’anno con una crescita media annua tra il 3 e il 5%. Tuttavia, il loro errato smaltimento provoca danni ambientali rilevanti per il rilascio di liquidi e sostanze pericolose e fa perdere l’opportunità di riciclare le diverse componenti dell’apparecchiatura. Infatti, oltre l’80% del materiale può essere riciclato recuperando, in media, il 20% di plastica, il 20% di vetro e più del 50% di metalli.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

ATTIVATI

Sarà questa l’occasione per recuperare gli apparecchi che giacciono nei cassetti poichè non funzionanti od obsoleti. Nel 2018 UniToGO, con DifferenziamoLo Strano, ha raccolto, nella sola sede del Campus Einaudi, 220 kg di rifiuti elettrici ed elettronici, 35 kg di pile, 33 kg di tappi di plastica e 10 kg di tappi di sughero e, grazie ai RAEE raccolti, è stato possibile prevenire 2 tonnellate di emissioni di CO2 in atmosfera.

L’iniziativa è organizzata dal gruppo rifiuti di UniToGO, il Green Office dell’Università di Torino. Si tratta della struttura di coordinamento e progetto sulle politiche di sostenibilità ambientale dell’Ateneo. UniToGO ha l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale dell’Ateneo coinvolgendo l’intera comunità universitaria operando attraverso Gruppi di Lavoro tematici e Coordinamenti trasversali, costituiti sia da personale di ricerca di svariate discipline, sia amministrativo e da studenti.

Per l’edizione 2019 di DifferenziamoLo Strano, UniToGO ha ricevuto il supporto tecnico di Amiat Gruppo Iren e ha stretto una collaborazione con la neonata associazione studentesca a tematica ambientale del Dipartimento di Informatica GreenSaver, la Rappresentanza Studentesca Attiva del Dipartimento di Informatica e la Onlus Emergency, la quale si occuperà della raccolta dei tappi di plastica offrendo, nella sede di palazzo nuovo, la possibilità di usufruire della realtà aumentata.

L’evento avrà luogo il 19 novembre dalle 8:30 alle ore 19:30 presso il Dipartimento di Fisica (via Giuria 1), il Dipartimento di Informatica (via Pessinetto 12) e Palazzo Nuovo (via Sant’Ottavio 20).

Per dubbi sul materiale da poter conferire, UniToGO è contattabile tramite mail a unito-go@unito.it oppure tramite le pagine facebook e instagram.

#IoNonMiRassegno 13/12/2019

|

In migliaia in piazza con Greta Thunberg a Torino – FOTO

|

Yana casa Portale, una comunità di giovani che vivono insieme in natura

|

Rivelazioni degli attivisti sui crimini ambientali in Brasile

|

Il recupero di un antico mestiere per la rinascita di specie ittiche a rischio estinzione

|

Lenin Montesanto: “La vera rivoluzione è restare in Calabria” – Meme #31

|

Antropocene. L’uomo ha fatto il suo tempo

|

Un’assicurazione etica per gli infortuni dei lavoratori dell’economia solidale