31 Dic 2019

A Torino gli alberi di Natale verranno ripiantati per rinverdire i giardini della città

Scritto da: Lorena Di Maria

Torino ha scelto di festeggiare un Natale più sostenibile e naturale, collocando, nel centro città, abeti “vivi” che, al termine delle festività, saranno donati ad associazioni ed enti benefici che operano sul territorio e ripiantati per rinverdire parchi e giardini, con l'obiettivo di sensibilizzare le persone e contribuire a promuovere una maggior attenzione all’ambiente.

Torino - Vi siete mai chiesti che fine fanno tutti gli anni gli alberi di Natale addobbati nelle vie della città per le festività natalizie? A Torino l’associazione Commercianti di Via Po ha dato la propria risposta e, per il secondo anno consecutivo, ha scelto di dire basta all’utilizzo di alberi in plastica preferendo abeti vivi che, dopo il periodo festivo, saranno donati ad Associazioni Onlus o Enti Benefici che ne hanno fatto richiesta e ripiantati nei pressi delle scuole, per rinverdire i giardini scolastici.

L’iniziativa è stata pensata per unire la celebrazione della festa natalizia alla salvaguardia ecologica e alla valorizzazione del territorio, con una forte attenzione al sociale. Il presupposto è che la plastica debba essere necessariamente smaltita, producendo inquinamento. Al contrario, questi alberi hanno rilasciato ossigeno in atmosfera e continueranno a farlo visto che, alla fine dell’evento, verranno riutilizzati.

Certo, vanno considerati anche altri aspetti. Se, come sarebbe auspicabile e naturale, un albero di Natale di “plastica” fosse utilizzato per 10 o 20 anni il suo impatto si ridurrebbe notevolmente. In molti casi, inoltre, gli alberi “veri” non sopravvivono alle feste di Natale perché tenuti in appartamenti troppo caldi, o privi di luce o perché sono stati espiantati in modo errato. Se però gli alberi vengono trattati in modo corretto e veramente vengono ripiantati subito dopo le feste, il risultato può essere virtuoso.

Alberi in centro 1

Come spiegano i rappresentanti dell’associazione: «questi alberi nella loro vita hanno prodotto ossigeno e assorbito anidride carbonica, al contrario per produrre un albero finto di plastica si produce fino a trenta Kg di anidride carbonica e sono necessari più di duecento anni per biodegradarlo».

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con Ascom Confcommercio Torino e provincia e Centro Servizi Vol.To – Volontariato Torino, con il patrocinio del Comune di Torino e della Circoscrizione Centro e ha avuto luogo anche in altre vie della città grazie al coinvolgimento di altre Associazioni di Commercianti che hanno condiviso il progetto.

Alberi in centro2

Come si legge sul sito dell’Associazione Commercianti di via Po, il presidente Alessandro Chiales afferma che «l’iniziativa nasce dall’esigenza di abbellire la nostra via, per i torinesi e i tanti turisti che la visitano. Ma soprattutto di realizzare concretamente un progetto ecologico e sociale che rende sempre più consapevoli del ruolo, non solo economico, svolto nella società cittadina».

Articoli simili
Settevoci, la comunità rurale nata in un casale diroccato nella campagna siciliana
Settevoci, la comunità rurale nata in un casale diroccato nella campagna siciliana

Terra Terra: due giovani a piedi lungo gli Appennini per riscoprire la vita nelle terre alte
Terra Terra: due giovani a piedi lungo gli Appennini per riscoprire la vita nelle terre alte

Smart Walking: vivere in cammino e lavorare quando e dove si fermano i piedi
Smart Walking: vivere in cammino e lavorare quando e dove si fermano i piedi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi