23 Dic 2019

Torino ospiterà il prossimo raduno internazionale di Fridays For Future

Scritto da: Lorena Di Maria

Nel mese di agosto Torino ospiterà il raduno internazione di Fridays For Future attraverso cinque giorni di dibattiti, incontri e conferenze. Lo hanno reso noto i giovani attivisti del movimento che si batte per l'ambiente e che farà incontrare, insieme a Greta Thunberg, attivisti, scienziati e ricercatori provenienti da tutto il mondo.

Presto Torino diventerà capitale europea della lotta alla crisi climatica: si è chiuso proprio in questi giorni il processo di scelta della città che ospiterà il prossimo meeting internazionale del movimento FridaysForFuture. Dopo mesi di selezione, in cui sono state esaminate 20 città di tutta Europa, si è arrivati ad una finale a due tra Torino e la tedesca Dresda. Alla votazione finale hanno partecipato oltre 200 città di 25 paesi diversi e Torino ha vinto con il 76% dei voti.

Come riportato dal comunicato stampa del movimento, «l’organizzazione del meeting inizierà già la settimana prossima: a Torino abbiamo già individuato cinquanta volontari che seguiranno la gestione dell’incontro da qui all’estate 2020.

Raduno internazionale

Come proposto nel documento di candidatura, «L’evento si svolgerà nell’arco di cinque giorni, nella prima settimana di agosto 2020. Le date non sono ancora definitive perché, una volta scelta la città ospitante, raccoglieremo le disponibilità e individueremo il periodo più favorevole. Ogni giornata sarà divisa in due momenti: al mattino ci saranno le sedute plenarie, dalle ore 9.00 alle ore 12.00. Al pomeriggio si terranno i gruppi di lavoro, dalle ore 15.00 alle ore 18.00. Parallelamente a ciò, verranno organizzate, sempre nel pomeriggio, delle conferenze aperte alla cittadinanza, con ospiti e relatori di spicco. Siccome la partecipazione a sedute plenarie e gruppi di lavoro è limitata, tutti gli altri attivisti e le persone interessate potranno partecipare a queste conferenze».

Per l’occasione non mancherà Greta Thunberg, l’attivista svedese che venerdì 15 dicembre, di ritorno dalla Cop25 a Madrid, aveva preso parte al presidio di Piazza Castello con migliaia di persone al suo seguito.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Raduno internazionale3

«Non vediamo l’ora di accogliere gli oltre 500 ragazzi e ragazze che renderanno Torino, per una settimana, la capitale europea della lotta alla crisi climatica. A Torino arriveranno scienziati, ricercatori, attivisti di tutte le provenienze per discutere con noi su quali scenari ci si prospettano davanti e di come possiamo fare per risolvere la crisi climatica».

L’intero documento di candidatura di #FridaysForFuture Torino è disponibile a questo link.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5