23 Dic 2019

Torino ospiterà il prossimo raduno internazionale di Fridays For Future

Scritto da: Lorena Di Maria

Nel mese di agosto Torino ospiterà il raduno internazione di Fridays For Future attraverso cinque giorni di dibattiti, incontri e conferenze. Lo hanno reso noto i giovani attivisti del movimento che si batte per l'ambiente e che farà incontrare, insieme a Greta Thunberg, attivisti, scienziati e ricercatori provenienti da tutto il mondo.

Torino - Presto Torino diventerà capitale europea della lotta alla crisi climatica: si è chiuso proprio in questi giorni il processo di scelta della città che ospiterà il prossimo meeting internazionale del movimento FridaysForFuture. Dopo mesi di selezione, in cui sono state esaminate 20 città di tutta Europa, si è arrivati ad una finale a due tra Torino e la tedesca Dresda. Alla votazione finale hanno partecipato oltre 200 città di 25 paesi diversi e Torino ha vinto con il 76% dei voti.

Come riportato dal comunicato stampa del movimento, «l’organizzazione del meeting inizierà già la settimana prossima: a Torino abbiamo già individuato cinquanta volontari che seguiranno la gestione dell’incontro da qui all’estate 2020.

Raduno internazionale

Come proposto nel documento di candidatura, «L’evento si svolgerà nell’arco di cinque giorni, nella prima settimana di agosto 2020. Le date non sono ancora definitive perché, una volta scelta la città ospitante, raccoglieremo le disponibilità e individueremo il periodo più favorevole. Ogni giornata sarà divisa in due momenti: al mattino ci saranno le sedute plenarie, dalle ore 9.00 alle ore 12.00. Al pomeriggio si terranno i gruppi di lavoro, dalle ore 15.00 alle ore 18.00. Parallelamente a ciò, verranno organizzate, sempre nel pomeriggio, delle conferenze aperte alla cittadinanza, con ospiti e relatori di spicco. Siccome la partecipazione a sedute plenarie e gruppi di lavoro è limitata, tutti gli altri attivisti e le persone interessate potranno partecipare a queste conferenze».

Per l’occasione non mancherà Greta Thunberg, l’attivista svedese che venerdì 15 dicembre, di ritorno dalla Cop25 a Madrid, aveva preso parte al presidio di Piazza Castello con migliaia di persone al suo seguito.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Raduno internazionale3

«Non vediamo l’ora di accogliere gli oltre 500 ragazzi e ragazze che renderanno Torino, per una settimana, la capitale europea della lotta alla crisi climatica. A Torino arriveranno scienziati, ricercatori, attivisti di tutte le provenienze per discutere con noi su quali scenari ci si prospettano davanti e di come possiamo fare per risolvere la crisi climatica».

L’intero documento di candidatura di #FridaysForFuture Torino è disponibile a questo link.

Articoli simili
Greta e Aran, attivisti adolescenti: non si è mai troppo piccoli per fare la differenza

Isola Pepe Verde, un’oasi di natura e socialità creata dal basso dai milanesi
Isola Pepe Verde, un’oasi di natura e socialità creata dal basso dai milanesi

La “plastic free week” di Greenpeace, eventi anche a Torino

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Scuola, salute, green pass, crisi ambientale: ecco le soluzioni possibili

|

Green pass obbligatorio: l’Italia è in fermento – Aspettando Io Non Mi Rassegno #3

|

Oggi si celebrano le contadine, le donne che stanno rilanciando l’agricoltura

|

Da Giulia che pianta alberi a Rosa Maria, alfiera delle minoranze: arrivano i giovani changemakers

|

Ci trasferiamo in un paese del Sud Italia? Qualcosa sta avvenendo a Civita, in Calabria

|

Università in cammino: la scuola senza voti che torna alle origini dell’insegnamento

|

Terre del Magra, la cooperativa di comunità che valorizza il territorio e supporta gli abitanti