29 Apr 2020

Bambini e scuola: il futuro dimenticato? – Matrix è dentro di noi #3

Scritto da: Daniel Tarozzi

In questa terza puntata Daniel Tarozzi si confronta con Danilo Casertano, uno dei più grandi esperti in Italia di educazione all'aperto, dell'Associazione Manes e di Scuole Naturali. Si parla di scuola, di bambini, di futuro dell'educazione nel rapporto tra natura e digitale e di un presente che sembra aver un po' perso di vista i bisogni del bambino.

I grandi assenti. I bambini, in questa italica pandemia sono senz’altro la categoria più trascurata e dimenticata da media, politici, istituzioni.

Se ne parla come veicoli del virus, come “problema” per i genitori, come “intralcio” al lavoro, in merito a buoni baby-sitter, ma nessuno sembra occuparsi di loro, delle loro esigenze, dei loro diritti. Bambini, e più in generale minori, sono un peso per una società che misura tutto in produzione di PIL. Lo sono normalmente ma la cosa diventa ancor più evidente in un periodo in cui ci viene detto che la salute è al primo posto. Quella degli adulti forse. Certo non quella dei minori, ai quali è stato impedito l’accesso a spazi verdi, il contatto con altri coeateni e persino il diritto all’istruzione.

Al di là di questo momento storico, comunque, l’educazione e la scuola vanno ripensati e Italia che Cambia da sempre è molto sensibile al tema. Ecco perché in questa terza puntata di Matrix è dentro di noi ho deciso di dialogare con Danilo Casertano, ex maestro di strada, rappresentante delle scuole sul mare, nel bosco, sul fiume, all’aperto, presidente di Associazione Manes e di Scuole Naturali. Con Danilo ci siamo confrontati sul senso stesso della scuola, i suoi limiti attuali, le sue prospettive future. Ma anche di libertà, responsabilità e molto altro ancora.

Essere liberi significa essere responsabili. Per un futuro diverso, non possiamo che partire dai bambini. Non parlando “dei” bambini”, ma “con” i bambini. Sono loro il nostro futuro. Il nostro futuro dimenticato.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Tazze Pazze: «Per noi caffè significa sostenibilità, dalla piantagione alla tazzina» #8
Tazze Pazze: «Per noi caffè significa sostenibilità, dalla piantagione alla tazzina» #8

Pet and Breakfast: il luogo per un soggiorno green con i nostri amici animali
Pet and Breakfast: il luogo per un soggiorno green con i nostri amici animali

Orto Condiviso Vesuviano, dove si crea comunità e si recuperano antiche colture
Orto Condiviso Vesuviano, dove si crea comunità e si recuperano antiche colture

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità

|

Utopie minimaliste: solo la consapevolezza può salvare il mondo dal collasso

|

Dal Giglio elle Eolie, buone pratiche e criticità delle isole minori italiane

|

Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?

|

Pet and Breakfast: il luogo per un soggiorno green con i nostri amici animali

|

#pagenotfound, la campagna “salvanegozi” che vuole tenere in vita i piccoli produttori

|

Nell’antico borgo di Oscata si impara a fare ceste e cera d’api