13 Mag 2020

Ripensare la scuola per ricostruire le comunità: l’Officina dei Beni Comuni

Scritto da: Lorena Di Maria

Appuntamento giovedì 14 maggio con un nuovo incontro online dell’Officina dei Beni Comuni organizzata da Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà. Questa volta il tema sarà incentrato sulla scuola, attraverso un dibattito tra vari esperti che si confronteranno su come i nostri territori stanno rispondendo all'emergenza e sulle nuove sfide che ci attendono.

Torino - Come possiamo ripensare la scuola che verrà nei prossimi mesi? Quali esperienze emerse sul territorio, quali idee possono esserci d’aiuto nel ripensare e co-progettare attività e servizi per i bambini rinnovando il ruolo della scuola quale presidio di comunità nei quartieri?

Durante l’emergenza Coronavirus, ancora in corso, i bambini hanno perso il loro quotidiano riferimento con il luogo dell’apprendimento, della scoperta e della relazione: la scuola. Nelle ultime settimane la società civile si è mobilitata da un lato per supportare le attività delle istituzioni scolastiche, dall’altro avanzando proposte creative per far fronte alle necessità dei bambini e delle famiglie.

Scuola2

Giovedì 14 Maggio dalle 17:30 alle 19:00 avrà luogo il dibattito online in diretta facebook dal titolo “Coprogettare il Bene Comune scuola“, evento organizzato da Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà nell’ambito del progetto “Patti per l’amministrazione condivisa nell’area metropolitana di Torino” con il sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo.

Durante l’incontro si confronteranno esperti del mondo accademico, dell’educazione, dell’associazionismo, per raccontare come i nostri territori stanno reagendo alla ricerca di nuove soluzioni per gestire quest’emergenza.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

La scuola è certamente un osservatorio necessario per cogliere i bisogni, le risorse e le difficoltà delle nuove generazioni. In questo senso è fondamentale comprendere, in questo momento storico, qual è la responsabilità di insegnanti e docenti, quella delle famiglie e dei decisori politici nel ripensare la scuola e i metodi educativi alla luce della situazione attuale e del nostro domani.

Scuola1

Introdurrà e modererà l’incontro Ianira Vassallo di Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà. Saranno presenti la psicoterapeuta Ester Chicco di “Psicologi Nel Mondo-Torino”, Erika Mattarella, referente della Coop Liberitutti e dei Bagni Pubblici Via Agliè, Gianluca Cantisani, Presidente MoVI – Movimento di Volontariato Italiano e Associazione Genitori Scuola “Di Donato” di Roma, Direzione Didattica Collegno III, Scuola Aperta e Condivisa I. Calvino, Manuela Naldini dell’Università degli Studi di Torino – Alleanza per l’infanzia e Ludovico Albert, Presidente Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo.

Per iscriversi e partecipare all’evento consultare il seguente link.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale
Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale

Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura
Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura

I-CAN: “Cerchiamo insegnanti interessati a portare in classe l’emergenza climatica”
I-CAN: “Cerchiamo insegnanti interessati a portare in classe l’emergenza climatica”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk