13 Mag 2020

E se provassimo a non estinguerci? – Matrix è dentro di noi #5

Scritto da: Daniel Tarozzi

L'ospite di questa puntata è Giuseppe Barbiero, biologo e docente di Ecologia e Biologia Generale all'Università della Valle d'Aosta. Con lui parliamo di Teoria di Gaia, Biofilia, connessione con la Natura, Covid-19, inquinamento e risposta immunitaria del Pianeta Terra. Cercheremo di mettere nella giusta prospettiva i problemi che affliggono in Pianeta e la nostra specie. Un approccio critico all'antropocentrismo è fondamentale... Evitare l'estinzione, forse, può essere ancora un'opzione.

Ci sono persone che ti emozionano ogni volta che le ascolti. Ogni volta. Quando le senti parlare tutto diventa più semplice, più comprensibile, più a portata di mano e il mondo smette di essere popolato da misteri e ombre e diventa costellato di luci e opportunità.

Tra queste c’è Giuseppe Barbiero, ricercatore di ecologia dell’Università della Valle d’Aosta e Direttore del Laboratorio di Ecologia Affettiva. Conobbi Giuseppe nel 2002, in occasione del Corso di giornalismo ambientale Laura Conti e lui cambiò per sempre la mia vita. Era un nostro docente e in cinque giorni ci illustrò l’Ipotesi Gaia, nel frattempo diventata Teoria, ci spiegò la follia dell’antropocentrismo, ci guidò in meditazioni per riconnetterci con il nostro corpo e ci dimostrò in maniera definitiva come i batteri fossero la forma di vita più importante del pianeta e noi umani solo un esperimento.

Ricordo ancora il mio stupore quando scoprii che la prima grande forma di “inquinamento” del pianeta furono le piante. Sì, gli alberi! Quando morivano, cadevano a terra e nessun elemento vivente li decomponeva e questi, uno dopo l’altro, restavano li impedendo la vita.
Poi un fungo mutò, cominciò a decomporli, e la vita ripartì. Ecco – aggiungo io – noi in questo momento storico siamo un po’ come quegli alberi… Possiamo mutare noi o aspettare che un fungo, un virus o un batterio, faccia ripartire la vita…

Buona Visione.

Per saperne di più:

IL DOSSIER SULL’IPOTESI GAIA

IL LIBRO ECOLOGIA AFFETTIVA

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Tutti i numeri del consumo di suolo, fra danni economici, assenza di norme e tragedie annunciate
Tutti i numeri del consumo di suolo, fra danni economici, assenza di norme e tragedie annunciate

La ristorazione può essere davvero sostenibile? Ecco il modello creato da Ossi di Seppia a Sanremo
La ristorazione può essere davvero sostenibile? Ecco il modello creato da Ossi di Seppia a Sanremo

Sosteniamo il Parco del Ciapà di Cervo, luogo di incontro e condivisione in natura
Sosteniamo il Parco del Ciapà di Cervo, luogo di incontro e condivisione in natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La settimana lavorativa corta funziona – Io Non Mi Rassegno #632

|

Il Gridas e il “modello Scampia”: unire le forze per far rinascere le periferie – Dove eravamo rimasti #6

|

Gigliola Sigismundi: “Medicina forestale e olii essenziali, le grandi passioni che ho trasformato in lavoro”

|

I Borghi più belli d’Italia: alla riscoperta di un’Italia poco conosciuta

|

Legambiente: “La linea Alta Velocità Torino-Lione è fuori tempo massimo”

|

“Cosa mi sarei persa”. Federica Ooyen racconta come rifiorire dalla depressione

|

Tutti i numeri del consumo di suolo, fra danni economici, assenza di norme e tragedie annunciate

|

La storia di Vincenzo Deluci, la passione per la musica e la battaglia per una disabilità inclusiva