Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
13 Mag 2020

E se provassimo a non estinguerci? – Matrix è dentro di noi #5

Scritto da: Daniel Tarozzi

L'ospite di questa puntata è Giuseppe Barbiero, biologo e docente di Ecologia e Biologia Generale all'Università della Valle d'Aosta. Con lui parliamo di Teoria di Gaia, Biofilia, connessione con la Natura, Covid-19, inquinamento e risposta immunitaria del Pianeta Terra. Cercheremo di mettere nella giusta prospettiva i problemi che affliggono in Pianeta e la nostra specie. Un approccio critico all'antropocentrismo è fondamentale... Evitare l'estinzione, forse, può essere ancora un'opzione.

Ci sono persone che ti emozionano ogni volta che le ascolti. Ogni volta. Quando le senti parlare tutto diventa più semplice, più comprensibile, più a portata di mano e il mondo smette di essere popolato da misteri e ombre e diventa costellato di luci e opportunità.

Tra queste c’è Giuseppe Barbiero, ricercatore di ecologia dell’Università della Valle d’Aosta e Direttore del Laboratorio di Ecologia Affettiva. Conobbi Giuseppe nel 2002, in occasione del Corso di giornalismo ambientale Laura Conti e lui cambiò per sempre la mia vita. Era un nostro docente e in cinque giorni ci illustrò l’Ipotesi Gaia, nel frattempo diventata Teoria, ci spiegò la follia dell’antropocentrismo, ci guidò in meditazioni per riconnetterci con il nostro corpo e ci dimostrò in maniera definitiva come i batteri fossero la forma di vita più importante del pianeta e noi umani solo un esperimento.

Ricordo ancora il mio stupore quando scoprii che la prima grande forma di “inquinamento” del pianeta furono le piante. Sì, gli alberi! Quando morivano, cadevano a terra e nessun elemento vivente li decomponeva e questi, uno dopo l’altro, restavano li impedendo la vita.
Poi un fungo mutò, cominciò a decomporli, e la vita ripartì. Ecco – aggiungo io – noi in questo momento storico siamo un po’ come quegli alberi… Possiamo mutare noi o aspettare che un fungo, un virus o un batterio, faccia ripartire la vita…

Buona Visione.

Per saperne di più:

IL DOSSIER SULL’IPOTESI GAIA

IL LIBRO ECOLOGIA AFFETTIVA

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

I “giganti dormienti” del ciclo del carbonio si stanno svegliando? – Io Non Mi Rassegno #240

|

Bambini a contatto con la natura: tutti gli effetti benefici in 10 punti

|

Marco Cappato: “Questa iniziativa può fermare i cambiamenti climatici”

|

La parità di genere ed il linguaggio emotivo siano il cuore di un cambiamento radicale

|

La paura di Lise

|

Il Boschetto: da spazio abbandonato a orto dove si coltivano insieme frutta, verdura e tempo!

|

Covid, scuola e DAD: un sostegno agli studenti in difficoltà per non lasciare indietro nessuno

|

Tre artisti si esibiscono nella natura per promuovere l’economia circolare