29 Giu 2020

Numeri e strategia: due facce della stessa medaglia

Illustrazioni di: MELANIA BIGI

Per mandare avanti un'impresa servono intuizioni ma anche programmazione. È quindi fondamentale il dialogo fra chi si occupa di ciascuno di questi aspetti. In questa nuova puntata della rubrica Verso le im-prese del futuro” – a cura di TARA facilitazione, Piano Bis e Italia che Cambia – parliamo proprio di come favorire questo dialogo fra i due diversi rami d'azienda.

Chi fa strategia e chi si occupa di numeri sono generalmente associati in azienda a due figure distinte: imprenditore e CFO/responsabile amministrazione-finanza-controllo.

unnamed

Senza troppo generalizzare, di solito l’imprenditore si occupa di “strategia”, sviluppa il business. È sempre a caccia di nuove soluzioni, passa le giornate coordinando il team e cercando di intercettare le novità presenti sul mercato e come integrarle nella propria impresa, per poter costantemente essere sulla cresta dell’onda e acquisire nuovi clienti. Inarrestabile, con lo sguardo proiettato in avanti vede il futuro. Nutre l’impresa come fosse una figlia: ne vede il valore strategico.

Il CFO/controller “vola più basso”: tiene ben saldi i cordoni della borsa, sa bene che un’impresa per poter restare sul mercato deve portare avanti attività che marginano e generano liquidità e dar vita a nuove progettualità senza dissanguare l’impresa stessa per poterle realizzare. Ha i piedi per terra, sa quanti soldi ci sono sui conti e quanti ne arriveranno. È un controllore: vede il valore in euro dell’impresa. In aziende più piccole, molto spesso questo CFO non c’è, ma magari ci sono dei consulenti esterni o il commercialista.

Numeri e strategia sono due facce della stessa medaglia e la medaglia impresa vale solo se ha entrambe le facce! Eppure molto spesso imprenditore e controller non vanno a braccetto. Si pianifica poco, si pianifica mal “perché tanto il contesto è volubile, prendiamo quello che viene e avanti tutta: teniamo la contabilità e poi a fine anno… si vedrà!”. Solo che questo è molto pericoloso in un contesto come quello attuale, estremamente liquido e reso ancora più liquido dall’emergenza Covid19.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Quali sono stati gli effetti del Covid sulla sostenibilità delle nostre imprese?
Come rivedere la propria strategia per poter essere ancora competitivi e proattivi? Quali risorse mettere oggi in campo per poter evolvere?

Lavorare “per intuizioni” è fondamentale perché consente di cogliere le nuove opportunità, ma oggi non è sufficiente. È necessario fermarsi e “far di conto”: capire se le nuove occasioni sono davvero tali e quando si trasformeranno in cash. Il controllo dei numeri consente di avere un bel cruscotto davanti al timone, per orientare la scelta della rotta e raggiungere il tesoro.

È un dialogo da affinare giorno dopo giorno. La presa di decisioni strategiche sbagliate oggi rischia di essere fatale domani. Una buona pianificazione aiuta a tracciare la rotta e mantenerla o – se necessario – variarla senza troppa fatica e dispendio di risorse.

Articoli simili
È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne
È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne

Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità
Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità

La finanza, il Covid e il controllo sociale: a I(n)spira-Azioni arriva Fabio Vighi – #12
La finanza, il Covid e il controllo sociale: a I(n)spira-Azioni arriva Fabio Vighi – #12

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La nuova Costituzione “dal basso” cilena è pronta! – #552

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne

|

Sikanamente, il gruppo di ragazzi che sono tornati nel borgo d’origine per farlo rivivere

|

Stop alle armi nucleari: Etica Sgr lancia un manifesto per proporre il disinvestimento finanziario

|

“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica

|

Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo

|

Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità