Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
30 Lug 2020

Lindbergh, un gruppo di professionisti in risposta alla complessità della vita comunitaria

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Mediazione, inclusione e disabilità, partecipazione giovanile, famiglia e genitorialità. Sono questi gli ambiti in cui opera Lindbergh, la cooperativa sociale che da diciotto anni supporta la comunità di La Spezia attraverso un team di professionisti con diverse specializzazioni. Oggi conta circa ottanta operatori e oltre seicento beneficiari.

Era il 2002 ed in Italia esistevano ben poche cooperative sociali, di cui la maggior parte erano concentrate in Emilia Romagna ed in Lombardia.
Fu allora che un gruppo di professionisti con diverse specializzazioni – tra cui educatori, psicologi e pedagogisti – decisero di creare una cooperativa sociale a La Spezia, investendo sul loro territorio di provenienza. Ed è così che diedero vita alla Cooperativa Lindbergh, con l’intento di creare attività di supporto alle persone, cercando di andare oltre alla sola assistenza, o alla visione più tradizionale di educazione.

I settori in cui opera
La cooperativa offre sul territorio spezzino diversi servizi rivolti a famiglie, persone con disabilità, ma non solo. Per comprendere meglio l’organizzazione e la struttura della cooperativa abbiamo intervistato Ciro Picariello presidente della cooperativa, il quale ci ha spiegato che: «Nonostante le attività svolte siano molto differenti, la metodologia comune permette una qualità dei servizi offerti molto alta e un’organizzazione interna ben strutturata.

Le attività organizzate sono davvero tante e si raggruppano per semplicità di comprensione in tre principali macro aree:
Inclusione e disabilità, che include tutte le attività rivolte a persone portatrici di disabilità. Tra queste vi sono oltre a servizi più classici come la gestione di centri diurni, anche progetti di inclusione lavorativa e laboratori occupazionali come la libreria “Il libro dei sogni” e la falegnameria “Diversamente mobili”: due esempi meravigliosi di come persone diversamente abili possano essere una ricchezza per il mondo lavorativo.

Mediazione e attività educative. In quest’area troviamo diversi progetti di accompagnamento all’età adulta rivolti a giovani dai 16 ai 21 anni, di supporto all’inserimento lavorativo, di mediazione conflitti e mediazione familiare, di mediazione adulti con disagio psichiatrico e lo sportello sociale per la casa
Attività rivolti ai minori, tra cui centro di aggregazione, l’asilo “Aereo di carta”, progetti in collaborazione con istituti scolastici e centri estivi.»

Famiglie e dintorni
Di quest’ultima macro area fanno parte anche tutti i servizi rivolti alle famiglie spezzine, che prevede un vero e proprio “modello di intervento che possa rispondere alla complessità dei bisogni che emergono dalla naturale evoluzione dei sistemi familiari, avvalendosi di strumenti diversificati di consulenza psicologica ed educativa, percorsi educativi personalizzati, mediazione dei conflitti familiari e sostegno psicologico.

L’idea che sta alla base è creare un luogo dove professionisti qualificati possano affrontare le difficoltà e le problematiche che possono emergere nelle diverse fasi di evoluzione e la crescita del nucleo familiare, insieme a figli, singoli, coppie e famiglie. L’equipe è formata da un gruppo di professionisti che in maniera complementari sostengono i nuclei familiari, ognuno per la propria area di competenza: mediatori, psicologi, pedagogisti, educatori ed avvocati.

Cooperazione sul territorio
La cooperativa Lindbergh sin dalla sua nascita collabora in maniera attiva insieme agli altri protagonisti del territorio. Tra questi i Comitati territoriali della Spezia di Arci e Uisp, i principali enti pubblici locali, l’Asl5 e gli Istituti scolastici.

I numeri
La cooperativa in questi 18 anni di attività è cresciuta molto, rafforzandosi sempre di più, sia in termini di fatturato, che in numero di personale impiegato, ampliando l’impegno nei diversi settori di interesse.
Ad oggi conta circa un’ottantina di operatori qualificati con diverse specializzazioni e 650 persone circa che usufruiscono dei diversi servizi proposti.

Con il suo impegno e la sua storia a fianco della comunità, la cooperativa sociale Lindbergh può essere d’esempio, secondo noi, ad altre realtà, per mostrare come servizi rivolti a persone più fragili possano non solo proporre un valido e professionale supporto, ma essere anche strumento di integrazione e facilitazione di processi sociali sul territorio in cui opera.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Quali sono le misure più efficaci per contenere il covid? – Io Non Mi Rassegno #238

|

Una rete di famiglie genovesi condivide oggetti, vestiti e buone pratiche per bimbi “a basso impatto”

|

Murales, sartoria sociale, turismo e orti urbani: così rinasce la periferia degradata di Lecce

|

Altro denaro, molto altro denaro

|

Cifa in Etiopia: “Promuoviamo microimpresa e lavoro in alternativa alla migrazione irregolare”

|

SPIGA: il forno sociale per la rigenerazione artigiana della periferia

|

I Deplasticati: il gruppo sanremese che libera la città e le spiagge dai rifiuti

|

Il Parlamento europeo condanna i tirocini gratuiti. Una risoluzione storica per gli stagisti