4 Ago 2020

Il castello ritrovato: quando arte e cultura aiutano a ricominciare

Scritto da: Valentina D'Amora

Due castelli, simboli di un’Italia meno nota, ma ricca di bellezze straordinarie, per un mese diventano protagonisti di un cartellone ricco di eventi, per bambini e adulti. Un modo per scoprire le meraviglie che abbiamo dietro l'angolo.

La Spezia - Fino al 6 settembre “Il castello ritrovato” anima l’estate del comune di Calice al Cornoviglio (SP), con visite dei vari musei, accompagnati da guide turistiche, concerti, presentazioni di libri e laboratori per bambini, all’interno dei castelli di Calice e Madrignano.

«Abbiamo pianificato un programma variegato per accontentare tutti, a prescindere dall’età», racconta Stefano Franceschini, assessore alla cultura del comune di Calice al Cornoviglio. Da quest’anno si è aggiunta una nuova location, il castello di Calice, che ha già visto la prima serata di sold-out per entrambi i turni del concerto paganiniano, domenica 2 agosto.

Il festival, giunto alla sua terza edizione, è nato dopo la conclusione, del restauro del castello di Madrignano, nel 2016, proprio con l’idea di aprire le porte di un luogo speciale, con incontri culturali e concerti. E così è stato, dal 2017.

Castello Madrignano
Il castello di Madrignano

In ottemperanza alle attuali normative, la capienza massima per gli eventi all’interno dei castelli è di 25 persone, per cui sono stati predisposti diversi turni per i singoli eventi. Rispetto alle scorse edizioni però, che hanno visto oltre 700 ingressi, la prenotazione obbligatoria e la misurazione della temperatura in loco pare stiano scoraggiando i visitatori, ma l’assessore resta fiducioso: «Il castello ritrovato per noi è un modo per ricominciare: in qualche modo dovevamo dare un segnale di svolta a questo periodo di stasi e ci auguriamo che sempre più persone decidano di unirsi a noi».

Castello
Il castello di Calice al Cornoviglio

Il cartellone prevede anche incontri per i bambini, divisi in piccoli gruppi, nei cortili dei due castelli: «I più piccoli sono sempre stati i protagonisti di feste di Halloween e Carnevale, non potevamo dimenticarci di loro proprio ora». E mentre i bambini si divertono ai laboratori creativi, parallelamente i genitori potranno partecipare a visite guidate a spasso per i borghi.

Ogni giornata prevede una cena (su prenotazione) nei vari punti ristoro, per proseguire la serata in compagnia e ritrovare un po’ di sana convivialità. Ritrovarsi al castello per ricominciare.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita
Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi
Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi

Creature fantastiche e dove trovarle. Gabriele Pino ci racconta (e disegna) quelle della val Borbera
Creature fantastiche e dove trovarle. Gabriele Pino ci racconta (e disegna) quelle della val Borbera

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”