28 Ago 2020

Muretti a secco per combattere il rischio idrogeologico alle Cinqueterre

Scritto da: Valentina D'Amora

Nel 2011 l’alluvione ha devastato Vernazza e Monterosso. Dal 2014 la Fondazione Manarola riporta l’attenzione sul territorio, ricostruendo muretti a secco e recuperando terreni incolti per riconvertirli a campi da coltivare.

La Spezia - «Negli ultimi cinquant’anni, qui tutto è cambiato: le colline sono state gradualmente abbandonate, le frane hanno in parte distrutto i terrazzamenti e le coltivazioni di vite hanno lasciato il posto a piante selvatiche che resistono alla siccità». Così Gian Carlo Celano, consigliere della Fondazione, parla di Manarola e del territorio alle sue spalle: «L’avvento del turismo ha radicalmente cambiato sia l’aspetto delle colline che le abitudini e le priorità della popolazione manarolese».

Ricostruire i muretti a secco franati durante l’alluvione e rimettere a coltura i campi abbandonati è l’obiettivo primario della Fondazione Manarola, che nasce proprio per ridare al paesaggio l’aspetto e la funzione che hanno avuto per secoli e fino a pochi decenni fa. Una battaglia non solo per la salvaguardia della bellezza, ma, soprattutto, per la sicurezza idrogeologica,

A partire da una profonda pulizia dei terreni incolti, occupati da macchia mediterranea, si stanno riattivando queste aree per restituirle al loro utilizzo agricolo.

Al momento della sua nascita, la Fondazione ha ricevuto un capitale suddiviso in terreni e una parte monetaria. Per poter intervenire, sono stati stipulati regolari contratti d’affitto con i proprietari e sono stati recuperati i terrazzamenti abbandonati, disboscando e ricostruendo i muri a secco crollati o stabilizzando quelli già presenti. Dopodiché, vengono subaffittati alle stesse condizioni, alle aziende agricole locali.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

I muretti a secco e la coltivazione della vita sono fondamentali per la sopravvivenza dell’intero ecosistema, perché le radici della vite raggiungono profondità che contribuiscono a rendere più stabile il terreno, limitando frane, smottamenti e crolli. L’area, altrimenti, sarebbe scoscesa e verticale.

Nonostante la calura di agosto, ho esplorato a piedi una parte dell’area di intervento della Fondazione: risalendo “Collora”, la collina del Presepe, proprio dietro la Chiesa di San Lorenzo, a Manarola, ho raggiunto Volastra dopo circa un’ora e mezza. In questa piacevole passeggiata tardo-pomeridiana, a farmi compagnia c’erano solo il vivace frinire delle cicale e una lucertola, che mi ha seguito per un bel tratto di questa antichissima via di collegamento.

Lontana dal vorticoso brusio delle Cinque Terre, la salita senza fretta fa apprezzare ancora di più il panorama che mi si rivela davanti agli occhi: vigneti a strapiombo, macchia mediterranea (negli occhi e nel naso) e i terrazzamenti che “fanno tanto” Liguria. Ormai quasi arrivata a Volastra, una signora che annaffia i suoi fiori, chiacchierando di orti con un postino, mi immerge nell’atmosfera senza tempo di questa collina ricca di storia, rimasta autentica: mi raccontano che questo piccolo borgo era chiamato “Vicus Oleaster”, da cui deriva l’attuale nome, ossia “il villaggio degli uliveti”, e si dice che il paese fosse stazione di cambio per muli in epoca romana.

I muretti a secco, patrimonio Unesco, dimostrano la preziosa relazione tra gli uomini e la natura e, allo stesso tempo, rivestono un ruolo vitale per combattere il rischio idrogeologico, perché prevengono frane, inondazioni e valanghe.

Articoli simili
Maltempo in Liguria, cambiamenti climatici e gestione del territorio: “È necessario un nuovo modello”
Maltempo in Liguria, cambiamenti climatici e gestione del territorio: “È necessario un nuovo modello”

Il clima è già cambiato. Torino tra le città più colpite dell’ultimo decennio
Il clima è già cambiato. Torino tra le città più colpite dell’ultimo decennio

Cambiamenti climatici e consumo di suolo. Così il maltempo distrugge l'Italia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza