28 Ago 2020

Muretti a secco per combattere il rischio idrogeologico alle Cinqueterre

Scritto da: Valentina D'Amora

Nel 2011 l’alluvione ha devastato Vernazza e Monterosso. Dal 2014 la Fondazione Manarola riporta l’attenzione sul territorio, ricostruendo muretti a secco e recuperando terreni incolti per riconvertirli a campi da coltivare.

La Spezia - «Negli ultimi cinquant’anni, qui tutto è cambiato: le colline sono state gradualmente abbandonate, le frane hanno in parte distrutto i terrazzamenti e le coltivazioni di vite hanno lasciato il posto a piante selvatiche che resistono alla siccità». Così Gian Carlo Celano, consigliere della Fondazione, parla di Manarola e del territorio alle sue spalle: «L’avvento del turismo ha radicalmente cambiato sia l’aspetto delle colline che le abitudini e le priorità della popolazione manarolese».

Ricostruire i muretti a secco franati durante l’alluvione e rimettere a coltura i campi abbandonati è l’obiettivo primario della Fondazione Manarola, che nasce proprio per ridare al paesaggio l’aspetto e la funzione che hanno avuto per secoli e fino a pochi decenni fa. Una battaglia non solo per la salvaguardia della bellezza, ma, soprattutto, per la sicurezza idrogeologica,

A partire da una profonda pulizia dei terreni incolti, occupati da macchia mediterranea, si stanno riattivando queste aree per restituirle al loro utilizzo agricolo.

Al momento della sua nascita, la Fondazione ha ricevuto un capitale suddiviso in terreni e una parte monetaria. Per poter intervenire, sono stati stipulati regolari contratti d’affitto con i proprietari e sono stati recuperati i terrazzamenti abbandonati, disboscando e ricostruendo i muri a secco crollati o stabilizzando quelli già presenti. Dopodiché, vengono subaffittati alle stesse condizioni, alle aziende agricole locali.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

I muretti a secco e la coltivazione della vita sono fondamentali per la sopravvivenza dell’intero ecosistema, perché le radici della vite raggiungono profondità che contribuiscono a rendere più stabile il terreno, limitando frane, smottamenti e crolli. L’area, altrimenti, sarebbe scoscesa e verticale.

Nonostante la calura di agosto, ho esplorato a piedi una parte dell’area di intervento della Fondazione: risalendo “Collora”, la collina del Presepe, proprio dietro la Chiesa di San Lorenzo, a Manarola, ho raggiunto Volastra dopo circa un’ora e mezza. In questa piacevole passeggiata tardo-pomeridiana, a farmi compagnia c’erano solo il vivace frinire delle cicale e una lucertola, che mi ha seguito per un bel tratto di questa antichissima via di collegamento.

Lontana dal vorticoso brusio delle Cinque Terre, la salita senza fretta fa apprezzare ancora di più il panorama che mi si rivela davanti agli occhi: vigneti a strapiombo, macchia mediterranea (negli occhi e nel naso) e i terrazzamenti che “fanno tanto” Liguria. Ormai quasi arrivata a Volastra, una signora che annaffia i suoi fiori, chiacchierando di orti con un postino, mi immerge nell’atmosfera senza tempo di questa collina ricca di storia, rimasta autentica: mi raccontano che questo piccolo borgo era chiamato “Vicus Oleaster”, da cui deriva l’attuale nome, ossia “il villaggio degli uliveti”, e si dice che il paese fosse stazione di cambio per muli in epoca romana.

I muretti a secco, patrimonio Unesco, dimostrano la preziosa relazione tra gli uomini e la natura e, allo stesso tempo, rivestono un ruolo vitale per combattere il rischio idrogeologico, perché prevengono frane, inondazioni e valanghe.

Articoli simili
Evergreen Fest: l’appennino rinasce all’insegna della sostenibilità
Evergreen Fest: l’appennino rinasce all’insegna della sostenibilità

Salvare Scopello: in Sicilia un comitato si batte per proteggere un’area naturalistica dagli abusi edilizi
Salvare Scopello: in Sicilia un comitato si batte per proteggere un’area naturalistica dagli abusi edilizi

La Xylella Fastidiosa, il Covid e l’Homo Sapiens
La Xylella Fastidiosa, il Covid e l’Homo Sapiens

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne