Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
15 Set 2020

Mercato Circolare: la app per condividere beni e servizi in modo sostenibile

Si chiama Mercato Circolare, è italiana, torinese, ed è la prima app che censisce beni, servizi, imprese e realtà dell’economia circolare. Dopo due anni di sperimentazione, si è posta come obiettivo quello di divenire una vetrina dell’economia sostenibile in Italia ed un punto di incontro e confronto con consumatori consapevoli, critici e attenti all’etica.

Mettere in connessione persone, imprese e istituzioni per far crescere l’economia circolare. Vi abbiamo già parlato di Mercato Circolare, startup innovativa a vocazione sociale fondata da Nadia Lambiase, che intende promuovere e rendere applicabile il paradigma dell’economia circolare, in contrapposizione a quello lineare.

Ora, dopo un periodo di sperimentazione, è stata lanciata la nuova applicazione che censisce circa 500 imprese e realtà legate a un’economia alternativa. Un numero in crescita continua che seleziona aziende, prodotti, servizi, progetti ed eventi verificandone la coerenza con i principi della circolarità: generare valore dallo scarto, estendere la vita dei prodotti, prediligere l’uso rispetto al possesso, adottare input produttivi di origine naturale e/o materie prime seconde.

«Siamo sicuri – racconta Nadia Lambiase, che la nuova app aprirà a migliaia di italiane e italiani sempre più sensibili alla sfida della sostenibilità un vero e proprio universo di aziende del made in Italy circolare. Siamo consapevoli che anche così – scegliendo di acquistare da produttori circolari, come pure di riparare un oggetto o condividerlo con altri sulla giusta piattaforma – si costruisce una nuova economia, fiorente e sostenibile insieme, e si contribuisce, anche in quest’anno difficile, al rilancio del nostro Paese».

In cosa consiste la app

L’app di Mercato Circolare, pensata per essere gratuita, dopo due anni di sperimentazioni introduce una nuova modalità di navigazione e diverse novità per rendere l’economia circolare a misura degli utenti e vivere il rapporto con l’acquisto e la condivisione di beni e servizi in modo sostenibile, sotto tutti i punti di vista.

Permette di scoprire i tanti protagonisti del nuovo paradigma economico in Italia (e non solo), navigando liberamente sulla mappa o effettuando ricerche per categoria merceologica, materiali utilizzati, criteri di circolarità, reti di appartenenza e certificazioni. Diventa un’occasione per scoprire l’economia circolare e informarsi sulle novità, ma propone anche prodotti, aziende e iniziative che, dopo attenta valutazione, vengono inserite nella app.

Le opportunità per le imprese

Ogni realtà che opera secondo i princìpi dell’economia circolare può richiedere di essere censita sulla app ed entrare gratuitamente nella community di Mercato Circolare, un ecosistema di aziende, prodotti, servizi, organizzazioni, iniziative ed eventi circolari. Sarà un’opportunità per raccontarsi ed entrare in contatto con una comunità attenta ai temi della sostenibilità, vendere e promuovere nel modo più efficace i propri prodotti, servizi o iniziative, incontrare altre realtà interessanti dell’ecosistema dell’economia circolare.

Tutte le novità di Mercato Circolare

Tra le novità di questa versione emerge la possibilità per le imprese di attivare una scheda premium che permette di sbloccare ulteriori funzionalità come la possibilità di creare le proprie schede prodotto e collegarle direttamente all’e-commerce aziendale.

Per chi non possiede un proprio e-commerce (ma anche a chi già lo ha) Mercato Circolare propone la possibilità, opzionale, di servirsi di Gioosto, piattaforma di shopping sostenibile.

La scelta di Mercato Circolare è quella di dare a tutte le imprese censite o che puntano a entrare nella community una possibilità di crescere insieme. Fino a gennaio 2021, per tutte le aziende e organizzazioni censite, la scheda premium sarà gratuita. In questo modo imprese e realtà circolari avranno modo di testare senza oneri il servizio offerto e contribuire a far crescere la comunità di Mercato Circolare.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Sidney 100% rinnovabili? – Io Non Mi Rassegno #213

|

L’erboristeria intuitiva, un approccio che coniuga le erbe con la scoperta di sé

|

mOOve: piste ciclabili hi-tech prodotte da plastica riciclata

|

Una famiglia in viaggio per riscoprire la bellezza dell’apprendimento

|

A Borgo! Un viaggio lento tra le comunità delle aree interne

|

Funghi mangia-sigarette e alghe che assorbono Co2, così Montemero ripulisce il Mediterraneo

|

Sardaigne en Liberté: viaggiare in Sardegna valorizzando i territori e le esperienze – Io faccio così #299

|

In una borgata recuperata nasce il Museo dei Racconti sulla vita contadina