30 Set 2020

Progettare itinerari e cammini: un corso per valorizzare il turismo lento

Scritto da: Lorena Di Maria

“Progettare, gestire, promuovere itinerari culturali e cammini” è il progetto formativo di Aevf - Associazione Europea delle vie Francigene e Demetra, nonché un corso on-line per fornire competenze manageriali e tecniche per conoscere le opportunità offerte dal mercato legate alla crescita e alla diffusione del turismo lento.

Dare vita ai territori promuovendo la dimensione locale e l’autenticità dell’esistente: sentiamo parlare sempre più spesso di turismo lento e responsabile, in contrapposizione a quel turismo di massa che troppo poco valorizza le tipicità dei luoghi e delle comunità che li abitano. Ed è proprio lungo i cammini e i percorsi che nascono nuove opportunità culturali ed economiche che necessitano di essere scoperte valorizzate e dove, con lentezza, i viaggiatori vengono accompagnati alla scoperta delle meraviglie della natura e luoghi densi di storia e significato.

Da questo presupposto, a partire dal 6 ottobre partirà il corso onlineProgettare, gestire, promuovere itinerari culturali e cammini”, organizzato da AEVF – Associazione Europea delle vie Francigene e da Demetra, attraverso tre moduli nei mesi di ottobre, novembre e dicembre.

Come si legge sul sito, «cammini e itinerari culturali sono percorsi turistici integrati in grado di portare sviluppo sostenibile ai territori: grazie al passaggio di viaggiatori e viandanti, le aree attraversate dai cammini – spesso interne e rurali – acquistano notorietà e aumentano i flussi. La Via Francigena ne è un esempio e la sua storia sarà case study durante il corso, mentre all’interno dei vari moduli interverranno alcuni membri dello staff AEVF per raccontare, attraverso esperienza e buone pratiche, come nasce un cammino, come lo si gestisce e come questo si relaziona con i territori che attraversa».

Il progetto, che sarà condotto da Luca Bruschi, Sami Tawfik, Luca Faravelli, Alberto Renzi, facenti parte dello staffi di AEVF, è pensato per chi vuole sviluppare nuove competenze per la progettazione, la gestione e la promozione di itinerari culturali e cammini ma anche competenze manageriali, per conoscere le opportunità offerte dal mercato nell’ambito della crescita e della diffusione del turismo lento.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

«Negli ultimi anni, si legge sul sito, sono sbocciati servizi, tecnologie e modalità di fruizione aperte a diversi target di mercato (camminatori, ciclisti, podisti, disabili, famiglie) che arricchiscono i percorsi storici e religiosi, favorendo lo sviluppo di nuovi turismi quali: ecoturismo, turismo lento, enogastronomico, del benessere e cura della salute».

Il percorso formativo è concepito come un vero laboratorio che alterna una fase teorica e di dibattito a momenti pratici e interattivi con tavoli di lavoro. Intende inoltre favorire il confronto e la collaborazione di imprese anche con specializzazioni differenti (ricezione, ristorazione, prodotti tipici, escursionismo, comunicazione), contribuendo alla formazione di un modo nuovo di promuovere i servizi ed il territorio regionale lungo la fitta rete di percorsi.

A chi è rivolto il corso

Il corso è rivolto a imprenditori, figure chiave delle imprese di piccole dimensioni e liberi professionisti (sistema ricettivo, imprese della ristorazione, agenzie di viaggio di incoming, guide turistiche e ambientali-escursionistiche, servizi per la mobilità, servizi per il benessere, eventi culturali, società di comunicazione, provider di servizi turistici internet-based, sviluppatori di e-tourism). Il percorso formativo si rivolge anche a persone interessate ad avviare un’attività professionale volta alla valorizzazione del territorio e allo sviluppo del settore turistico.

Il Programma

Attraverso il laboratorio si alterneranno una fase teorica e di dibattito a momenti pratici e interattivi con tavoli di lavoro. Il progetto è articolato in tre moduli didattici autonomi da 12 ore ciascuno (le lezioni si svolgeranno il martedì dalle ore 16.00 alle ore 19.00.ore). Il primo Modulo, dal titolo “Itinerari culturali e cammini. Analisi dell’offerta e della domanda turistica” avrà luogo il 6/13/20/27 ottobre, il secondo modulo, “Marketing turistico strategico dei cammini. Buone pratiche e comunicazione” si terrà il 3/10/17/24 novembre mentre il terzo modulo “Il ciclo di progetto sugli itinerari: processi creativi e partecipativi” i giorni 1/9/15/22 dicembre.

Tra le tematiche che verranno affrontate emergono il ruolo del turismo sostenibile per lo sviluppo dei territori attraversati dai cammini, metodologie e tecniche per la configurazione di esperienze e servizi per il turismo lento, piani di fattibilità per l’organizzazione di itinerari a piedi o in bicicletta, il ruolo delle produzioni artigianali ed enogastronomiche, l’organizzazione dei servizi turistici, l’implementazione di modelli di business innovativi finalizzati alla valorizzazione dei patrimoni materiali e immateriali, dei beni culturali e degli attrattori turistici, gli strumenti digitali lungo i cammini e molto altro ancora.

Per maggiori informazioni su corso e sulle modalità di iscrizione è possibile consultare sito di Demetra, scrivere alla email j.fabi@demetraformazione.it o contattare il numero di telefono 3484913138.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna
1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate
Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti
Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna

|

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente