22 Ott 2020

Food Pride Torino: la rete antispreco che si unisce per ridare vita agli scarti!

Scritto da: Silvia Mollo

A Torino è nato Food Pride, un progetto di contrasto allo spreco alimentare composto da enti e associazioni che insieme collaborano per il diritto al cibo. Cosa fanno? Organizzano laboratori di cucina sociale antispreco, raccolgono eccedenze nei negozi di quartiere e nei mercati rionali, redistribuiscono gli alimenti che andrebbero buttati a persone che vivono in condizione di marginalità e… tanto altro ancora!

“Buone pratiche per ridare dignità agli scarti” è lo slogan di Food Pride Torino, che racconta in una frase le loro iniziative. Infatti, Food Pride è soprattutto un progetto di recupero e redistribuzione delle eccedenze alimentari invendute nei mercati rionali e nei negozi di prossimità. Ma la ricetta per combattere lo spreco alimentare ha anche altri ingredienti. Se il cibo è al centro, l’acronimo P.R.I.D.E. riprende tutte le azioni portate avanti: Partecipare, Recuperare, Integrare, Distribuire, Educare.

Si costituisce formalmente nel 2019 grazie al sostegno di Compagnia di San Paolo, ma nasce da una rete di enti ed associazione già attivi nel capoluogo piemontese e in aree limitrofe, che hanno qui unito le forze. Come si legge dal loro sito, l’obiettivo generale è la riduzione della povertà alimentare attraverso il recupero e la distribuzione di eccedenze e scarti alimentari e il loro “riutilizzo sociale” in favore delle fasce deboli della popolazione.

Gli scarti diventano risorse riutilizzabile, riacquistano valore, ribaltando il sistema valoriale che si dava al cibo-scarto. Questo è reso possibile tramite una serie di azioni di sensibilizzazione ed educazione, sviluppando solidarietà e comunità grazie alla partecipazione dei volontari e alla logica del dono del cibo invenduto, poiché tutto avviene senza scopo di lucro.

I protagonisti sono i Food Priders, i volontari la cui azione passa da diverse tappe: utilizzando la bicicletta come mezzo di trasporto, si occupano di recuperare il cibo e le eccedenze, nei mercati (qui l’elenco di chi aderisce all’iniziativa) e nei negozi aderenti, in cui i commercianti offrono cibo prossimo alla scadenza o con dei difetti, ma ancora commestibile, ricevendo in cambio il “marchio di qualità” di Food Pride, con il logo del progetto.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

I volontari sono tanti e diversi tra loro, come testimoniano le foto della pagina facebook; tra questi anche ragazzi del progetto EVS – Servizio Volontario Europeo.

Ma il contrasto allo spreco alimentare non si arresta alla raccolta: parte dei prodotti recuperati vengono utilizzati nei laboratori di cucina sociale, coordinati da Associazione EUfemia, in cui i partecipanti, appartenenti a fasce deboli della popolazione senza fissa dimora, diventano protagonisti della realizzazione di piatti creativi e merende condivise. Alle attività pratiche si alternano momenti informativi, per aumentare la conoscenza dei prodotti ortofrutticoli, la loro stagionalità e le possibili preparazioni, per un uso più efficace ed efficiente delle risorse e la loro corretta conservazione. L’ultimo laboratorio di cucina sociale è partito il 12 ottobre, con Associazione EUfemia e Aeris Cooperativa Sociale, in via Marsigli.

Laboratori di apprendimento ed educativi vengono proposti anche alle scuole primarie e secondarie, con moduli quali lotta agli sprechi, recupero creativo di cibo, riduzione dei rifiuti, dieta bilanciata e sostenibilità ambientale.

L’assistenza alle fasce svantaggiate si è rivelata particolarmente importante durante il periodo di lockdown. Infatti, l’emergenza COVID-19 ha evidenziato difficoltà nel reperimento di cibo per persone con marginalità economiche. Food Pride è stato in grado quindi di rivedere le proprie attività e rendersi attivo in diverse iniziative di aiuto ai più deboli. Innanzitutto, rispondendo alla chiamata della rete di solidarietà nata durante la quarantena, ha progettato la preparazione e il trasporto dei pasti per i servizi di ospitalità notturna.

Grazie alla disponibilità di ristoratori e cuochi solidali, come la Gastronomia Veg di Raffaella Goria,  ha consegnato, dal 9 marzo al 2 maggio 2020, 140 pasti al giorno per 3 case di ospitalità notturna per persone senza fissa dimora. Il gusto del Mondo, partner di Food Pride, assieme a Cucine Confuse, ha promosso la campagna #GuardaOltre consegnando circa 600 pasti settimanali alle persone che vivono in strada e che, durante l’emergenza, non potevano accedere ai servizi di mensa della Città di Torino.

Inoltre, Food Pride, insieme ad Associazione EUfemia, ha lanciato l’iniziativa solidale di quartiere Aggiungi un pAsto a tavola, per aiutare i cittadini in difficoltà di Circoscrizione 3 Torino, consegnando pacchi alimentari gratuiti a 200 famiglie, nell’ambito della rete #TorinoSolidale.

È stato proprio in questo contesto che è stato girato “A letto con la cena – storie di solidarietà durante l’emergenza Covid 19”, cortometraggio per cui Food Pride ha raccolto interviste e storie di volontari, operatori, ristoratori e cuochi che hanno dimostrato solidarietà nell’emergenza, preparando pasti caldi e offrendo sostegno concreto. Questo è stato anche inserito nelle proiezioni di Cinemambiente e Terra Madre Salone del Gusto.

La potenza di Food Pride è anche data dal mettersi in rete e passare dalla dimensione di quartiere a quella metropolitana, con un modello però replicabile anche in altri contesti. Questa capacità è particolarmente vera nelle iniziative di mappatura attivate. Già da febbraio 2020 era stata realizzata una mappa, in continuo aggiornamento su OpenStreetMap, delle realtà che a Torino hanno messo in campo azioni contro lo spreco alimentare, che includesse non solo le organizzazioni, ma anche i luoghi di raccolta delle eccedenze e i punti di distribuzione con tutte le caratteristiche e modalità di accesso.

È però con l’iniziativa denominata “Rete 29 Settembre” che l’operazione di mappatura acquista una scala nazionale. Il 29 settembre è la “Giornata internazionale della Consapevolezza sugli sprechi e le perdite alimentari”, e per l’occasione Food Pride ha organizzato un incontro online con tavoli tematici, per discutere di temi legati alla sovranità alimentare e al contrasto allo spreco.

Ma “Rete 29 Settembre – verso il Pride del Cibo” è un’iniziativa più ampia, nata dalla crisi emersa dall’emergenza Covid e dalla profonda riflessione sull’urgenza di un sistema che garantisca uguaglianza sociale nell’accesso alle risorse. E’ quindi nata un’iniziativa dal basso, apartitica, aconfessionale, aperta e inclusiva, per richiamare gli enti che su scala nazionale promuovono il cibo sul territorio come strumento per favorire società inclusive e democratiche. Gli enti che hanno aderito rispondendo al questionario, oltre a essere sponsorizzati sulla pagina facebook di Food Pride, sono anche inclusi nella mappa, che mostra le tante realtà attive.

Non è tardi per far parte del cambiamento e dare vita al Pride del Cibo: si può contattare Food Pride all’indirizzo email o attraverso la pagina facebook.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Palestra dei Fighters: le persone con disabilità da paralisi cerebrale infantile non sono più sole
Palestra dei Fighters: le persone con disabilità da paralisi cerebrale infantile non sono più sole

Apre il circolo Montag: “Leggere ci avvicina agli altri e ci fa stare bene”
Apre il circolo Montag: “Leggere ci avvicina agli altri e ci fa stare bene”

Arriva il libro sospeso, nuova iniziativa della rete della solidarietà
Arriva il libro sospeso, nuova iniziativa della rete della solidarietà

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani