28 Ott 2020

La parità di genere ed il linguaggio emotivo siano il cuore di un cambiamento radicale

Scritto da: Sonia Scarpante

Come in molti in questi mesi hanno opportunamente evidenziato, la crisi attuale può costituire l'occasione di un cambiamento radicale e lo spartiacque fra un vecchio ed un nuovo modo di vivere e sentire. In questo processo di trasformazione le donne e la valorizzazione del linguaggio emotivo possono rappresentare il motore della costruzione di relazioni feconde e progetti appaganti in ogni ambito della vita sociale.

Giorni fa su “La Repubblica” Nicola Zingaretti ci apriva al futuro: “La pandemia ha messo in luce tutte le contraddizioni e le cose che non vanno, tra queste lo scarso ruolo e peso delle donne nel lavoro, nelle imprese e nella società. Questa per l’Italia è l’occasione di un cambiamento radicale. Promuovere davvero l’occupazione femminile ci chiede una visione di sistema, politiche che liberino il tempo delle donne, quindi investimenti nelle infrastrutture sociali che trasformino l’organizzazione sociale. Serve coerenza. La vita, le scelte, il protagonismo delle donne contano”.
Non a caso, penso, stiamo attraversando un periodo particolare e denso della nostra vita dove ci vengono richieste nuove progettualità, nuove finalità. È come se il Covid volesse rappresentare uno spartiacque. Sappiamo quanto una malattia, una guerra, una crisi esistenziale possa produrre in cambiamento, in rinascita.

Su queste nuove finalità le donne possono rappresentare un ottimo motore di avanzamento, di ricerca innovativa volta al superamento di vecchie logiche di appartenenza, di categorie precostituite. Sui temi del Sociale che investono la collettività, le donne rappresentano il valore aggiunto che deve essere riconosciuto e potenziato come già avviene da parte di alcune rappresentanze autorevoli di forte significato valoriale, se pensiamo ad esempio alle voci lungimiranti e costanti del nostro Presidente Mattarella e del nostro Papa Francesco. Sono uomini intellettualmente eletti con una veduta sul futuro sempre aperta al cambiamento, al rinnovamento, alla crescita interiore, ad una rinascita collettiva.

Abbiamo bisogno di figure maschili altamente culturali e avanti nel pensiero che creino un’onda corale di assenso verso questo riconoscimento istituzionale e sociale del femminile che rafforza il pregio della dignità umana e la conoscenza evolutiva a vantaggio di tutta la collettività.

donne futuro

Una nota aggiuntiva e molto importante per i nostri tempi attuali va fatta. Manca su questa direzione quel linguaggio emotivo e sentimentale che diviene sempre più prioritario (1), pietra miliare per la costruzione e costituzione di relazioni feconde e progetti appaganti che siano di avanzamento culturale. La cultura non si adagia mai, ma è sempre sotto avanzamento, in continuo movimento. E il linguaggio emotivo crea sempre movimento, trasporto, approfondimento e discernimento. La cultura senza educazione emotiva, sentimentale, non può vantarsi a pieno titolo nella sua accezione più profonda se noi non la trasformiamo anche in sentire, in condivisione, in memoria (citando Liliana Segre). Mancando queste basi che poi sedimentano e costruiscono la nostra storia è come se la Cultura camminasse zoppa, senza un pezzo della sua crescita sanatoria.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Le voci sociali e intellettuali si devono sentire, ampliare, da più parti devono consacrarsi; siamo alla ricerca fervida di quella coesione sociale in cui ognuno di noi si deve sentire responsabile della altrui voce significativa per accrescere benessere sociale, migliorare la qualità di vita. Ciò che viene a mancare è coro unanime, voci diverse e persistenti a seguito del nostro Padre Costituente, del nostro Padre gesuita; quelle voci fanno la differenza e creano merito a chi se ne assume la responsabilità e significato. L’anello di congiunzione fra il femminile e il maschile cammina fra noi ed è proprio rappresentato da quel coro che avanzando nella sua forma collettiva diventa auspicio, intenzionalità, responsabilità e agito personale e collettivo.

La voce unica va trasformata in agito personale e collettivo. Il coro alimenta sempre il pensiero, “repetita iuvant” alimentando approfondimenti comuni. Il coro trascina la storia, la condivisione può essere la nostra forza che ci aiuta a proteggere la bellezza del nostro vivere e a non inquinare il malessere come forza negativa che ci chiude, che ci blocca in una paura persistente e non costruttiva, senza poi saperci proteggere con assunzione di crescita, di merito. Mi unisco a queste voci: a Mattarella, al nostro grande gesuita, a Liliana Segre, al caro amico Bartolomeo Sorge post-martiniano, a chi oggi parla con saggezza e lungimiranza. Questa è veramente per l’Italia un’occasione di un cambiamento radicale.

  1. Umberto Galimberti: “Gli analfabeti delle emozioni”

Articoli simili
“Aiutiamo le donne a ritrovare il sorriso dopo un aborto spontaneo”
“Aiutiamo le donne a ritrovare il sorriso dopo un aborto spontaneo”

Dalla sartoria ecopoetica, ecco i capi che seminano domande
Dalla sartoria ecopoetica, ecco i capi che seminano domande

A Torino nasce un bosco urbano dedicato alle donne artiste
A Torino nasce un bosco urbano dedicato alle donne artiste

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Che cos’è la deterrenza informatica? – Io Non Mi Rassegno #389

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce

|

Il silenzio assordante delle scuole di danza durante la pandemia

|

Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra

|

Uno studio svela quante persone muoiono a causa dei cambiamenti climatici