22 Mar 2021

Alessandro, l’ex operaio che gira per la città con una libreria itinerante

Scritto da: Lorena Di Maria

Alessandro Minnella è un ragazzo giovane e pieno di sogni: così, dopo tanti anni di lavoro come operaio, ha deciso di lasciare tutto e inventarsi un nuovo lavoro: il libraio in apecar. E proprio come il nome del suo progetto “Pagine erranti” ci racconta, porta la lettura in città, dimostrandoci che il vero cambiamento, se parte da una buona dose di coraggio e tanta creatività, può trasformarsi in una vera rivoluzione… su tre ruote!

Asti - Quella di Alessandro Minnella è la storia di un giovane che, come succede a molti, al termine degli studi si è interrogato sulla strada da intraprendere nella sua vita. Così, dopo anni di lavori manuali, si è trovato a lavorare come operaio. «Essendo occupato in una fabbrica a ciclo continuo mi trovavo a lavorare nei momenti più svariati, come la domenica o durante le festività. Poi è giunta la pandemia, una situazione nuova e inaspettata, e in quest’occasione ho sentito l’esigenza di portare nella mia vita quel cambiamento che da tempo sentivo di dover fare».

Da sempre Alessandro è un gran lettore, un amante dei libri e delle case editrici indipendenti. E proprio da questa passione inizia a costruire il suo sogno. »Qualche mese fa, durante il periodo di lockdown, ho pensato: “Perché non contribuire a portare questa passione nella mia città?». Così ha fatto il grande passo e ha lasciato il suo lavoro per scommettere su un’idea un po’ insolita: con i soldi messi da parte ha comprato un’apecar, l’ha modificata e l’ha trasformata in una vera e propria libreria, per portare la cultura in ogni luogo.

L’ha chiamata “Pagine Erranti” ed è una vera e propria libreria viaggiante: montabile e smontabile, piccola, pratica, rossa come il fuoco. Al suo interno ha allestito degli scaffali per i suoi libri e si è munito di alcuni tavoli da trasportare di volta in volta. Il passo successivo è stato quello di farsi rilasciare la licenza come venditore ambulante al mercato, perché è proprio qui, in un luogo tradizionalmente popolare e vivace, che Alessandro ha deciso di posizionare la sua apecar. «Ho pensato che in questo periodo di emergenza sanitaria, se i cittadini non possono andare in libreria, sarà la libreria ad andare dai cittadini!».

Possiamo trovare Alessandro tra i banchi del mercato o lo si può salutare scambiandoci due parole mentre è occupato nelle quotidiane consegne a domicilio. «In pochi si aspetterebbero di vedere un’apecar vendere libri all’interno di un mercato cittadino e il mio obiettivo è proprio questo: stupire le persone e proporre qualcosa di nuovo. Capita spesso che la prima volta i passanti meravigliati non si fermino, ma la seconda volta, incuriositi dal mio “banco”, vengono a scambiare due chiacchiere con me e magari acquistano un libro che gli piace».

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Molti dei libri che viaggiano insieme ad Alessandro provengono dalle piccole case editrici indipendenti. Da un po’ di tempo li porta nei mercati e nei paesi circostanti, luoghi dove una libreria normalmente non c’è. E proprio in questo modo vuole arrivare a tutti: al ragazzo interessato ad approfondire le tematiche sociali, alla signora con la passione per la cucina, agli studenti che “divorano” i classici della letteratura italiana. Alessandro ha inoltre allestito un banchetto dedicato ai bambini, con bellissimi libri illustrati, racconti e fumetti.

«L’aspetto più importante del mio progetto è la capacità della libreria di diventare, giorno dopo giorno, un progetto collettivo da costruire assieme. Spesso vengono a trovarmi le persone dicendomi “guarda che ho letto questo libro e mi è piaciuto tantissimo!”, così io trasformo pian piano la mia libreria sulla base dei consigli e dei preziosi suggerimenti che ricevo». Così Pagine Erranti sta diventando un progetto costruito da tutti. È il risultato di un impegno collettivo, di uno scambio di saperi, di una passione che non si spegne mai. Un progetto non soltanto di Alessandro, ma di tutti coloro che, proprio come lui, riscoprono ogni giorno una consapevolezza: che la lettura è bella, soprattutto quando condivisa.

«Il mio desiderio, non appena sarà possibile, è quello di avviare delle collaborazioni con festival ed eventi locali che da tanti anni rendono viva la mia città, oltre che incontri con autori e presentazioni di libri». Il sogno è anche quello di collaborare con le scuole dei paesi circostanti per trasmettere ai più piccoli tutto l’amore verso un mondo fatto di storie e avventure che raccontano che tra fantasia e realtà il confine è sottile e che, proprio come testimonia Alessandro, a partire da un’idea tutto diventa possibile.

Articoli simili
Festival delle Cose Belle: arte, musica e socialità in mezzo al bosco
Festival delle Cose Belle: arte, musica e socialità in mezzo al bosco

Artiviamoci: ad Alessandria il festival delle arti recluse

Domeniche in famiglia al Museo Archeologico del Casentino
Domeniche in famiglia al Museo Archeologico del Casentino

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il crollo della natalità è davvero un problema? – #530

|

Erbe storne, la rassegna organizzata da un gruppo di teatranti per rendere omaggio alla comunità che li ha accolti

|

Seminare comunità: ecco la ricetta formativa che unisce agricoltura e abitare collaborativo

|

La Mia Banda è Pop: la devianza giovanile si combatte attraverso cura e giustizia riparativa

|

Malìa Lab: la sartoria artigianale etica di Flavia, tornata in Calabria per restare

|

Spazzamondo: anche quest’anno tornano i cittadini attivi per l’ambiente

|

In Sardegna c’è una Food Forest che riduce l’impronta ecologica facendo piantare alberi ai viaggiatori – Io Faccio Così #355

|

Emergency: “Ecco come aiutiamo la Moldavia ad accogliere i profughi ucraini”