20 Mag 2021

“Da un mese gestiamo un rifugio in montagna e siamo felici”

Scritto da: Valentina D'Amora

Gloria e Francesco sono i due ragazzi che hanno appena preso le redini del rifugio Pratorotondo, nel parco naturale del Beigua: trekking, ospitalità, spettacoli teatrali, cinema all'aperto, laboratori per bambini, serate a guardare le stelle sono già nella lista delle iniziative da organizzare. Il tutto condito da una natura incontaminata, che regala panorami unici.

Ci troviamo a 1.100 metri sopra al livello del mare, al confine tra i comuni di Sassello, Varazze e Cogoleto, su un crocevia di sentieri e percorsi, nel cuore del Parco Naturale del Beigua. Questo è un tratto dell’Alta Via che regala panorami splendidi, in cui si cammina guardando il mare e tenendo per mano i monti.

Oggi vi raccontiamo la storia di due ragazzi, Gloria e Francesco, che hanno deciso di vivere proprio qui: ad aprile hanno preso in gestione il Rifugio Pratorotondo e lo inaugureranno ufficialmente a giugno.

IL CONTESTO

Il luogo è dotato di un fascino particolare. «Pratorotondo è in una dimensione surreale – spiegano –, chi lo conosce lo sa apprezzare, chi ancora non lo conosce imparerà ad amarlo. È selvaggio e incontrollabile, non si può domare». A pochi passi dal rifugio parte una strada sterrata che costeggia dolcemente un pianoro. Qualche centinaio di metri dopo ci si ritrova a camminare sopra a balconate di roccia, che nei giorni di nebbia offrono squarci sulla propria coscienza, mentre in quelli sereni inducono quasi a tentare il volo. La cabina telefonica davanti alla struttura, invece, permette di affidare la propria voce al vento.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Rifugio prato rotondo
Uno dei sentieri che partono dal rifugio

Sembra l’ambientazione di un racconto, dove ogni personaggio ha un buon motivo per passare da questo luogo e magari sostarvi per un po’, invece è la realtà. Non è un caso, quindi, che tantissimi considerino il rifugio un luogo del cuore e un ristoro per la mente, in cui mettere a tacere i pensieri. Dal 2018 fino a ottobre 2020 era stato gestito da una famiglia genovese che ha poi ceduto l’attività ai due ragazzi.

I GESTORI

Dall’età di diciannove anni Gloria lavora nel sociale e oggi è un’educatrice. Inutile dire che più che una professione, questa è una vocazione che si porta dentro per sempre. Per ora, infatti, ha mantenuto il proprio impiego in una comunità femminile dove vivono ragazze con diverse problematiche familiari. «Mi piace l’idea di essere educatrice – racconta – e, allo stesso tempo, gestire un rifugio di montagna. Amo vivere in mezzo alla natura, da anni pratico trekking e arrampicata. Unire questa passione con il lavoro è una bella scommessa, ma vorrei far sì che il rifugio diventi un luogo di riferimento anche per i ragazzi che seguiamo. Una preziosa opportunità anche per la cooperativa per cui lavoro, Agorà».

Gloria Francesco 1
Gloria e Francesco

Francesco invece è bergamasco e s’è trasferito a Sassello circa cinque anni fa. Ha sempre lavorato all’interno di rifugi – in Svizzera prima, a Cascina Granbego poi – spinto dalla voglia di vivere in natura e di farne un lavoro. Proprio lui lo scorso anno è riuscito a creare la rete Rifugi della Deiva, vicinissimi al borgo di Sassello, all’interno di un parco protetto, trasformando delle strutture in stato di semiabbandono in luoghi piacevoli e dove trascorrere un soggiorno nella suggestiva Foresta della Deiva. «Come Rifugio Pratorotondo collaboriamo anche con loro e con la Nuvola sul mare, sul Faiallo, perché il nostro obiettivo è fare rete, mettendo a sistema i vari punti di riferimento di questo territorio così difficile, ma splendido».

GLI EVENTI

Questa estate il rifugio sarà anche palcoscenico di diverse iniziative di stampo culturale e scientifico, ma anche di laboratori per bambini. «L’associazione di Celle, Tutti i colori del sole, sta già programmando diversi incontri rivolti ai più piccoli per i prossimi mesi. La compagnia Salz, che organizza spettacoli teatrali solo nei rifugi, ha già scelto questo luogo per un evento estivo che parlerà della vita in montagna, ma anche delle antiche tradizioni locali. Anche il cinema indipendente di Celle Ligure ci ha già contattato per delle serate di cinema all’aperto, così come svariati musicisti per organizzare dei concerti». Si susseguiranno anche astrofili per osservare le stelle, scrittori e guide ambientali.

La voglia di fare è tanta e in rifugio l’aria pulita e il loro entusiasmo si respirano a pieni polmoni. Non resta che salire fino a Pratorotondo e assaporarne tutta la bellezza.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Tempo Di Recupero: “Rinnovo vecchi mobili per insegnare alle persone a dare valore alle cose”
Tempo Di Recupero: “Rinnovo vecchi mobili per insegnare alle persone a dare valore alle cose”

Antonio: “Lascio tutto e vado a vivere in un borgo abbandonato”
Antonio: “Lascio tutto e vado a vivere in un borgo abbandonato”

Spalavera, la libreria ad alta quota che promuove la restanza
Spalavera, la libreria ad alta quota che promuove la restanza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Le “follie” del Centro America, fra criptovalute e nuove dittature – Io Non Mi Rassegno #386

|

Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

|

Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?

|

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

|

Asili nel bosco, una “foresta di relazioni” per un futuro migliore

|

Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

|

Ricominciamo 2021: il Casentino riparte all’insegna di arte, musica e natura

|

Impariamo dagli animali a stare bene con noi stessi e con gli altri