12 Lug 2021

Lucia di StudiAmo: «Aiuto i ragazzi a guardarsi dentro per vivere bene fuori»

Scritto da: Valentina D'Amora

Lucia Goldoni è l’ideatrice di StudiAmo, un innovativo metodo di lavoro su di sé che aiuta bambini e ragazzi nell’ambito dell’apprendimento, ma soprattutto nella conoscenza di loro stessi, rafforzando l'autostima e approfondendo dinamiche interiori a noi completamente sconosciute e invisibili. L’abbiamo intervistata per farci raccontare qual è stato il suo percorso.

Genova - Per più di vent’anni Lucia ha lavorato negli uffici – prima del Comune di Genova e poi di un’azienda municipalizzata – e, pur provando a cambiare tanti settori, il risultato era sempre lo stesso: una scrivania anonima, un computer, qualche penna e tanta carta. E un mare di insoddisfazione. «Per tanto tempo ho cercato di dare un senso alla mia vita lavorativa, ma ogni giorno timbravo un cartellino che mi toglieva carica vitale e sorriso». Una dimensione, quella dell’ufficio, in cui non riusciva a stare bene. «Finché sette anni fa non ce l’ho più fatta e mi sono licenziata: senza programmi o progetti particolari, mi sono decisa e ho lasciato quel posto fisso e sicuro».

Lucia fa un salto nel vuoto, conscia di non avere idea di cosa la vita le avrebbe riservato. Le difficoltà sono state tante, ma il grande lavoro svolto su di sé l’ha aiutata a fare luce. «Sono convinta ci sia un disegno, qualcosa capace di muovere tutte le cose e una serie di spinte, quasi fisiche, che ci esortano ad agire. A causa della razionalità di cui siamo imbevuti non le ascoltiamo, non ci fidiamo, anche se in realtà esprimono la profonda connessione con il nostro mondo interno».

Lucia goldoni rdiim
Lucia Goldoni, autrice del metodo StudiAmo

In quel momento Lucia analizza quali sono le sue doti e riflette su cosa ha da dare al mondo. Riemerge così un ricordo: il fotogramma di un Natale di tanti anni prima in cui le era stato regalato un gioco per imparare a “fare la maestra”. Decide allora di ascoltare quella voce e inizia a insegnare privatamente. A partire dal primo ragazzino che riceve a casa, tutto cambia. «Ho capito subito che quella era la strada giusta. Per me i bambini e i ragazzi sono un miracolo vivente; esprimono tutto ciò che noi adulti abbiamo perso. Li esaminavo, guardavo il loro mondo interiore e mi hanno aiutato moltissimo». Questo slancio, diventata una passione, per la ricerca personale risale a molti anni fa: nel tempo legge, approfondisce, segue quattro diversi percorsi di psicoterapia per conoscersi meglio e imparare a guardarsi da nuove angolazioni.

I ragazzi che le chiedono supporto per lo studio pian piano aumentano e l’approccio di Lucia, attivo e dinamico, si evolve: inizia a inventare e a costruire giochi di ogni tipo per affrontare italiano, analisi grammaticale e logica, scienze, storia, geografia. «Insegnavo giocando e mi divertivo tantissimo». Stava creando un metodo con cui trasmettere ai bambini e agli adolescenti tutto il bello dell’apprendere. «Mi alzavo la mattina già con mille idee in mente, giravo per la città alla ricerca di oggetti in legno con cui realizzavo giochi, tabelloni, rompicapi e molto altro per rendere lo studio facile e immediato. Con gioia, amore e divertimento ho studiato, ho seguito corsi, approfondito come funziona la mente e letto libri sui meccanismi dell’apprendimento per ritrovarmi poi tra le mani il Metodo StudiAmo».

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Il nome stesso evoca questo potentissimo legame tra mente e cuore, studiare e amare. «Il rendimento scolastico dipende molto anche dall’essere amati o no. Tanti ragazzi vanno male a scuola perché sono sofferenti, vivono disagi emotivi, psicologici. E proprio avvicinandomi a loro e alle loro storie ho cominciato a vedere tutto in modo chiaro e ho compreso che che quello di cui hanno bisogno è innanzitutto umanità».

metodo studiamo scrivania
La scrivania di StudiAmo

Questo approccio migliora il rendimento scolastico, ma permette anche di scoprire cosa facciamo all’interno di quel mondo che teniamo nascosto, invisibile per la nostra parte razionale, ma che spesso ci dà la spinta per agire nel mondo reale, con comportamenti, reazioni, emozioni che a volte non sappiamo come collocare.

«Bisogna essere consapevoli del fatto che siamo come un iceberg di cui vediamo solo un 10%, che è la nostra quotidianità, mentre sotto al livello dell’acqua c’è un 90% di “mondo sottile” che la mente non conosce. Eppure si tratta di due realtà che si relazionano costantemente tra loro. Solo osservando entrambe le cose potremo conoscerci e diventare testimoni di noi stessi».

Ogni sera Lucia sente di aver fatto qualcosa di buono, di aver dato qualcosa ai ragazzi, ma anche a insegnanti o tutor che desiderano perfezionarsi: «Con il covid, il metodo StudiAmo per gli studenti si è “fermato”, perché per me è importante instaurare con ognuno di loro un rapporto di persona, creare uno scambio. Quando arrivavano qui, curvi sotto quegli zaini pieni e pesanti di rimproveri e pregiudizi, trovavano un ambiente protetto e accogliente, per questo non è possibile ricreare quell’atmosfera virtualmente. Al momento, quindi, porto avanti solo incontri motivazionali rivolti ad adulti sulla consapevolezza di sé».

Conoscere sé stessi è difficile, ma è un percorso che può aprire molte porte, a tutte le età: «Il passato entra dentro di noi e continuiamo a viverne le dinamiche, gli stessi copioni auto-sabotanti, per questo va preso, osservato e “sciolto”. Questo percorso ha benefici su tutti i piani della vita, è la vittoria dell’amore, l’affermazione dei principi della vera etica».

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale
Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale

Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura
Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura

I-CAN: “Cerchiamo insegnanti interessati a portare in classe l’emergenza climatica”
I-CAN: “Cerchiamo insegnanti interessati a portare in classe l’emergenza climatica”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk