27 Set 2021

In bici da Torino a Milano: la carovana di Extinction Rebellion verso la preCOP26

Scritto da: Lorena Di Maria

In occasione degli incontri preparatori alla Conferenza delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico (preCOP26), che avranno luogo a Milano dal 28 settembre al 2 ottobre, Extintion Rebellion e una carovana di cittadini sono partiti in bici da Torino alla volta di Milano, con l’obiettivo di comunicare l’urgenza e la gravità del collasso climatico ed ecologico a tutte le persone che hanno incontrato durante il tragitto.

Torino - «Pedaliamo insieme verso Milano. Pedaliamo insieme affinché il migliore dei mondi possibili, diventi reale».

È questo il motto di una carovana impegnata in un viaggio di tre giorni e che, tappa dopo tappa, ha accolto nuovi partecipanti per far sentire la propria voce nella lotta alla crisi climatica. Con partenza da Torino il 25 settembre e arrivo a Milano il 27 settembre, la carovana in bicicletta ha percorso chilometri insieme agli attivisti e alle attiviste di Extinction Rebellion oltre a cittadini attivi: insieme sono giunti a Milano, dove si sono uniti alla critical mass organizzata in occasione della settimana di mobilitazione in vista della preCOP26.

Exrinction Rebellion3
Biciclettata durante la Giornata Mondiale dell’Ambiente

Con questa pedalata Extinction Rebellion vuole portare l’attenzione dei cittadini sui quattro giorni di incontri milanesi (preCOP26), durante i quali i rappresentanti di quaranta nazioni cercheranno di mettere le basi per accordi internazionali sulla riduzione dell’emissioni climalteranti. Questo appuntamento, insieme alla Conferenza (COP26) vera e propria che si terrà nel mese di novembre a Glasgow, è, nelle parole del divulgatore scientifico e naturalista britannico Sir David Attenborough, «l’ultima occasione per fermare la catastrofe climatica».

Come riporta il gruppo di Extintion Rebellion sulla sua pagina Facebook, dal 1995 a oggi si sono tenuti altri 25 meeting internazionali sul clima. Ventisette anni dopo la prima COP, il paradigma coloniale che ha prodotto la crisi ecologica basato sullo sfruttamento di risorse a vantaggio di pochi, non è ancora stato superato e le emissioni di carbonio dovute all’utilizzo dei combustibili fossili sono aumentate del 50% dal 1990. Nessuna edizione passata è stata in grado di porre obiettivi concreti e vincolanti ai governi per risolvere l’attuale crisi climatica ed ecologica, di cui sono sempre stati consapevoli.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Come dichiarato sul National Observer, le COP che si sono susseguite negli ultimi 26 anni non sono state in grado di porre obiettivi concreti e vincolanti ai governi per risolvere l’attuale crisi climatica ed ecologica. Nonostante le dichiarazioni, gli accordi e le promesse, le emissioni hanno continuato ad aumentare e, negli ultimi anni, ad accelerare.

Extintion Rebellion
Carovana da Torino a Milano

«L’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on ClimateChange (IPCC), pubblicato in giugno, prevede scenari più drammatici di quanto dettagliato nei precedenti, nei quali “le temperature superficiali globali continueranno ad aumentare almeno fino a metà secolo qualunque sia lo scenario (di emissioni) considerato”. Questo significa che, qualsiasi cosa faremo, il limite di 1,5° di fatto verrà comunque superato. Abbiamo già innescato fenomeni irreversibili: i terribili incendi, le bolle di calore e le alluvioni di questa estate ne sono una testimonianza.

Nello scenario migliore, quello con azzeramento emissioni climalteranti nette entro il 2050, si potrebbe ancora contenere l’aumento delle temperature entro i 2°C. Un aumento di 1,5 o 2°C fa una grande differenza. Agendo subito, in maniera radicale e tempestiva, i governi possono prendere misure che riducano i peggiori effetti di questa crisi. Ma i governi agiranno solo se i cittadini chiederanno interventi efficaci e pretenderanno il cambiamento».

Così, spiega il gruppo di Extintion Rebellion, il 2021 è un anno cruciale nella lotta alla crisi climatica e la COP26 è l’ultima chance per evitare un’alterazione del clima incontrollabile. La carovana da Torino a Milano diventa un’occasione per invitare tutti e tutte a fare sentire la propria voce e diventare parte attiva di un cambiamento necessario di cui facciamo tutti parte.

Vuoi cambiare la situazione
del clima in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi
Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi

Migrazioni, crisi climatica e nuovo colonialismo: è il Sud globale che vi parla
Migrazioni, crisi climatica e nuovo colonialismo: è il Sud globale che vi parla

Climate Social Camp: a Torino i giovani che vogliono cambiare il mondo
Climate Social Camp: a Torino i giovani che vogliono cambiare il mondo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi