11 Ott 2021

Un viaggio tra parchi e aree protette ai tempi dell’emergenza planetaria

Vivere, proteggere e custodire la nostra Madre Terra: Ad Avigliana, dal 15 al 17 ottobre, si terrà un corso di formazione dedicato a insegnanti, educatori, ambientalisti, amministratori pubblici, studenti universitari e tutte le persone che hanno a cuore il destino del pianeta. Il corso avrà come tema principale le aree protette, i parchi naturali e la loro importanza per il nostro pianeta.

Torino - Le aree protette rappresentano una risorsa sempre più a rischio e svolgono un ruolo che non è solo ecologico, ma anche fondamentale a livello sociale ed economico. Ad esempio, sono il sinonimo di una biodiversità che si sta sempre più perdendo, sono laboratori di vita e di lavoro per le comunità locali e capaci di valorizzare microeconomie territoriali, diventando il termometro delle sofferenze del pianeta o della sua salute.

Dal 15 al 17 ottobre partirà un corso di formazione dal nome “Natura tutelata e da tutelare. Viaggio tra parchi e aree protette terrestri ai tempi dell’emergenza planetaria, tra vincoli e opportunità”, che sarà interamente dedicato al mondo vegetale, tra parchi, foreste e aree protette. Un corso dove poter approfondire riflessioni e testimonianze sulla diversità biologica che è sempre più a rischio, non solo per l’estinzione di singole specie, animali e vegetali, ma anche per il degrado, spesso irreversibile, di interi ecosistemi.

Casacomune1

Il corso – che si terrà sia in presenza (presso la Certosa 1515 di Avigliana), sia online – è organizzato da Casacomune che, come vi abbiamo raccontato in un precedente articolo, è un’associazione dedicata alla promozione scientifica, culturale ed etica dei valori espressi dall’enciclica Laudato Si’ di Papa Francesco.

Grazie all’impegno di Don Luigi Ciotti, presidente dell’Associazione, e del Gruppo Abele, è divenuta una scuola di formazione scientifica, di dialogo culturale e incontro sociale per promuovere i valori e le azioni dell’ecologia integrale e della giustizia. La sua sede ad Avigliana, nata come luogo di preghiera, è ora un centro di ricerche, riflessioni e azioni dove ripensare la relazione tra uomo e ambiente e dove, durante l’anno, si organizzano momenti di incontro, corsi e seminari che coinvolgono giovani e adulti verso una maggior consapevolezza del mondo in cui viviamo.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

La formazione sarà rivolta a insegnanti di ogni ordine e grado, educatori, ambientalisti, amministratori pubblici, studenti universitari, persone che operano a diverso titolo all’interno di parchi e riserve naturali e tutti coloro che hanno a cuore il destino futuro del pianeta.

Perché un corso su questi temi? Perché la diversità biologica è sempre più a rischio e tutelare questo ricco patrimonio non può che essere nostra responsabilità. Per questo motivo, i tre giorni di formazione sono organizzati in momenti pratici e teorici durante i quali si i approfondiranno i molteplici ruoli che i parchi terrestri possono avere: conservazione, educazione, studio, laboratorio di vita e di lavoro per l’utilizzo responsabile delle risorse naturali e per le comunità locali.

Casacomune2
Foto di Marita Kavelashvili tratta da Unsplash

Alla formazione parteciperanno docenti ed esperti che tratteranno ampi temi come la crisi climatica, il rapporto tra territori e comunità, le aree protette al centro degli obiettivi per il 2030, la gestione delle aree protette o l’importanza della ricerca scientifica e dell’educazione ambientale. Verranno approfondite le esperienze del Parco Nazionale del Gran Paradiso e dell’Oasi naturalistica “La Madonnina” di Sant’Albano Stura e non mancheranno attività sul campo come passeggiate alla ricerca degli uccelli lacustri o camminate nel bosco con letture a tema.

Come si legge sul programma del corso, «la nostra Casa Comune, la Terra, come la chiama Papa Francesco, è in pericolo. La sopravvivenza del genere umano lo è. Per questo proponiamo un corso di riflessione, informazione, formazione su alcuni degli aspetti che stanno determinando cambiamenti drammatici per l’intera umanità e la natura nel suo insieme. Nel contempo, vogliamo offrire spunti di riflessione su stili di vita per arginare questi pericoli. Il metodo si basa sullo scambio e sulla ricerca, insieme, di piste di intervento e di relazione per vivere, proteggere e custodire la nostra Madre Terra».

Per maggiori informazioni è possibile consultare la sezione dedicata al corso sul sito di casa Comune o scrivere all’indirizzo e-mail: casacomune.laudatoqui@gmail.com.

Articoli simili
Stop al consumo di suolo: verso una proposta di legge

#SOStenibilmente: A Torino parte la formazione per educatori ambientali

Basta false promesse! Riparte oggi lo sciopero per il clima di Fridays For Future
Basta false promesse! Riparte oggi lo sciopero per il clima di Fridays For Future

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

CreativeMornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini