23 Mar 2020

Adotta una libreria per salvare i luoghi della cultura a rischio chiusura

Scritto da: Lorena Di Maria

Sono numerose le iniziative virtuose pensate per sostenere le piccole librerie e le fumetterie di tutta Italia costrette oggi alla chiusura forzata. Tra queste, la Casa Editrice Eris di Torino ha deciso di “adottare” ogni giorno una libreria diversa devolvendo a questa parte dei proventi derivati dalle vendite online, proprio come se il libro lo comprassimo in negozio. Un'idea per stimolare le persone a salvare le attività indipendenti attraverso piccole ma grandi azioni di solidarietà.

Torino - «Stiamo organizzando alcune iniziative a sostegno delle librerie indipendenti che, in questo momento, come ogni piccola attività, stanno subendo una situazione non facile. Crediamo che la solidarietà e l’etica vengano prima del profitto fine a se stesso».

Sono queste le parole che Eris, una Casa Editrice di Torino, ha diffuso in tutt’Italia, lanciando un’iniziativa per sostenere le diverse librerie che hanno chiuso i battenti con l’entrata in vigore del decreto per arginare la situazione di emergenza causata dal coronavirus. Dopo la chiusura al pubblico imposta agli esercizi commerciali considerati non di prima necessità, infatti, tutte le librerie che fino a poco tempo fa consegnavano gli ordini a domicilio hanno dovuto cessare l’attività e ad oggi sono rimaste poche quelle che gestiscono le vendite spedendo i propri libri online.

Così la Casa Editrice Eris, con un gesto di solidarietà, ha deciso di adottare ogni giorno una libreria diversa per aiutarla in questo momento difficile. Come raccontato sulla sua pagina Facebook «Come editori ci sembra scorretto scavalcare chi per tutto l’anno sostiene e dà spazio ai nostri titoli. Per questo vogliamo fare, nel nostro piccolo, un gesto concreto per supportarli. E quindi da oggi, ogni giorno, Eris Edizioni adotterà una libreria».

In questo modo, nei giorni stabiliti dal calendario, ogni ordine che verrà effettuato sul sito di Eris sarà considerato come se si comprasse un libro direttamente in negozio. La Casa Editrice si occuperà di evadere gli ordini e gestire la spedizione e la libreria riceverà la normale percentuale che le spetta da ogni libro, come se lo avesse venduto lei.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

«Crediamo che, in un momento nel quale le librerie e le fumetterie di tutta Italia sono costrette alla chiusura, spingere sulle vendite dai nostri shop online o dare gratuitamente i propri libri scaricabili non sia una scelta adeguata per la sopravvivenza di un’intera filiera. Le librerie considerate da tutti i fronti veri e propri presidi culturali sul territorio rischiano di subire un profondo, e in alcuni casi insanabile, colpo alla propria sopravvivenza.

Aiutateci a diffondere l’iniziativa, aiutateci a fare in modo che alla fine di questa emergenza non si debbano raccogliere solo le macerie per un comparto che già viveva sul filo del rasoio e che nella maggior parte dei casi non riceverà alcun aiuto. Facciamo rete, creiamo solidarietà attiva, rispondiamo con il cuore e intelligenza a situazioni inaspettate».

Adotta una libreria

Sui profili social della Casa Editrice sarà possibile trovare l’elenco in costante aggiornamento delle librerie. Obiettivo dell’iniziativa è anche quello di stimolare le persone a privilegiare i piccoli negozi di vicinato ai grandi shop online.

«Come lettori e lettrici siate parte attiva di questa presa di coscienza, insieme si può fare. La consapevolezza è l’unica arma che avremo per costruire qualcosa di nuovo quando tutto questo finirà!»

Articoli simili
#17 – Il piccolo cinema, come (ri)scoprire un quartiere attraverso le immagini
#17 – Il piccolo cinema, come (ri)scoprire un quartiere attraverso le immagini

Città Creative Unesco: Biella rappresenta il Piemonte nella corsa alla candidatura 2019

Partita la XV edizione de “Il teatro del fiume”: un’estate da non perdere!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti