15 Ott 2021

Terre del Magra, la cooperativa di comunità che valorizza il territorio e supporta gli abitanti

Scritto da: Valentina D'Amora

Una bottega con le tipicità locali, un marchio, una rete di piccoli produttori e un'agenzia di affari che gestisce case vacanze e promuove il territorio. Tutto questo è la cooperativa di comunità Terre del Magra, nata da un piccolo gruppo di cittadini di Ameglia con l'obiettivo di costruire un'attrattiva turistica e lavorativa, soprattutto per i giovani, combattendo l'emigrazione verso le grandi città.

La Spezia - Cos’è una cooperativa di comunità e come influisce sul territorio? La presenza di questo tipo di organizzazioni ha ricadute positive su tutti i livelli del tessuto sociale coinvolto perché si tratta di un modello di innovazione che genera coesione tra le persone e mette a sistema le attività di singoli cittadini, realtà commerciali, associazioni e istituzioni.

E in Liguria? Quello spezzino è un luogo densissimo di tradizioni, sia culturali che agroalimentari, ed è proprio questo il contesto ideale dove far nascere realtà in cui fioriscono collaborazioni e sinergie.

Abbiamo conosciuto la cooperativa di comunità Terre del Magra, nata quattro anni fa dall’intraprendenza di un piccolo gruppo di abitanti del Comune di Ameglia, che sentiva l’esigenza di dare risposte concrete ad alcuni bisogni prioritari della collettività: valorizzazione turistica, ripristino di alcuni beni ambientali, recupero delle produzioni tradizionali e miglioramento dell’arredo e dell’igiene dei luoghi comuni.

Con l’intento di riportare alla luce mestieri antichi e contribuire al tempo stesso alla tutela del territorio, in questi anni la cooperativa ha creato opportunità e occasioni di lavoro preziose per “trattenere” i giovani all’interno delle piccole comunità spezzine. Ne sono nati la vetrina delle tipicità territoriali, che ha portato alla creazione del marchio Terre del Magra, l’attività di gestione case in affitto, con organizzazione di escursioni, gite ed eventi, e le consulenze e i corsi di formazione per le attività ricettive.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Abbiamo intervistato la presidente della cooperativa, Cristina Castagna, e Gianni Torri, il portavoce, per farci raccontare il loro lavoro.

Come si sta articolando il vostro progetto e qual è stata, secondo voi, l’esigenza più impellente a cui avete dato una risposta?

Con  la gestione de “La Bottega delle Terre del Magra” e la creazione del marchio omonimo, la cooperativa sta dando un contributo concreto alle produzioni locali: le farine, le salse, la pasta, l’olio e le conserve sono il risultato della lavorazione di prodotti delle aziende agricole del nostro territorio. I piatti da asporto che la nostra gastronomia propone ogni giorno seguono le ricette della nostra tradizione e sono molto apprezzati da coloro che soggiornano in questa zona, che richiedono anche di ricevere i prodotti direttamente a casa. Stiamo anche riuscendo a fornire servizi a molti proprietari di seconde case: gestiamo gli affitti turistici e offriamo servizio check-in e check-out e assistenza al turista durante tutto il soggiorno. Grazie a questa attività di agenzia affari abbiamo aumentato il numero dei posti letto in quest’area, migliorando qualitativamente l’offerta di strutture ricettive.

conserve terre del magra cavolfiore
Alcuni dei prodotti a marchio Terre del Magra

In che modo state supportando la comunità?

Innanzitutto con la fornitura di servizi a supporto alle fasce deboli della popolazione. Oltre a vari eventi a favore di Croce Rossa e Protezione Civile, lo scorso anno, in piena emergenza Covid, siamo riusciti a offrire mascherine e 400 “spese sospese” che abbiamo distribuito a famiglie in difficoltà all’interno del territorio comunale.

Abbiamo poi in progetto il servizio di “baby parking”, che darebbe la possibilità ai genitori, che non sono affiancati dai nonni o dai familiari, di avere un posto sicuro dove poter lasciare i bambini anche al di fuori degli orari scolastici. Per i più grandi, il progetto prevede anche doposcuola e aiuto compiti, per offrire lezioni, singole o di gruppo, da parte di insegnanti qualificati a partire dalla scuola primaria fino all’università, a supporto o a potenziamento del programma didattico. In questo modo si darebbero opportunità di lavoro ai ragazzi, regolarizzando nel contempo le cosiddette “ripetizioni”.

Quali sono le prossime azioni?

La cooperativa ha da tempo alcuni progetti nel cassetto che purtroppo non è ancora riuscita a realizzare per problemi legati soprattutto all’enorme burocrazia che ha bloccato una collaborazione necessaria con gli enti pubblici. Mi riferisco alla gestione dei punti d’informazione turistica, ad oggi inesistenti, che possano creare una rete tra tutte le attività del territorio in modo da proporre dei pacchetti turistici per ogni esigenza, valorizzando ulteriormente il nostro territorio che ha la fortuna di avere svariate attrattive, ambientali, naturalistiche, storico culturali, religiose, enogastronomiche.

terre del magra fiume magra
Un’insenatura lungo il fiume Magra

Un altro progetto che porteremo all’attenzione dell’amministrazione comunale è COCOFARM 2021. L’iniziativa è finalizzata agli usi e riusi delle biomasse agroforestali per la pulizia e la gestione del territorio, con un utilizzo virtuoso di legname vergine o di recupero che giunge sui litorali durante mareggiate. Con questa tecnologia si trasformeranno gli scarti agricoli e forestali, generando energia pulita e un efficace fertilizzante per il terreno, il biochar.

Il progetto è stato molto apprezzato dal portale di prenotazione turistica Fairbnb.coop che quest’estate ha deciso di devolvere a Terre del Magra una percentuale di tutte le prenotazioni effettuate sul sito proprio per avviare questo progetto. Una sorta di crowdfunding, quindi, finanziato dalla cooperativa e dai turisti. Sempre legato a questo tema, stiamo per dare vita a “comunità energetiche”, creando piccoli gruppi di cittadini capaci di produrre, consumare e condividere energia pulita.

Vuoi cambiare la situazione
dell'imprenditoria in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Ticket tour: un viaggio alla scoperta di aziende virtuose sforna nuovi imprenditori eco-sostenibili
Ticket tour: un viaggio alla scoperta di aziende virtuose sforna nuovi imprenditori eco-sostenibili

The Honey bar, qualcosa di nuovo ronza nel centro di Genova
The Honey bar, qualcosa di nuovo ronza nel centro di Genova

Restart Cafè: a Torino gli studenti si incontrano per riparare gli oggetti rotti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Super Green Pass, da oggi le nuove regole – #423

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora

|

Una comunità solidale che ridà speranza attraverso le buone pratiche. Utopia? Sì!

|

Il calendario della gentilezza: per il periodo di Natale fai anche tu una buona azione al giorno

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?