22 Ott 2021

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

Scritto da: Lorena Di Maria

Vinokilo è un festival che si sta facendo conoscere in sempre più città italiane ed europee per promuovere l'economia circolare e la sostenibilità a partire dai vestiti che indossiamo tutti i giorni. Con il suo mercato di abiti usati, ritorna a Torino dal 21 al 24 ottobre in un evento aperto a tutta la cittadinanza, tra musica, laboratori, talk e momenti di incontro.

Torino - Un’idea per trasformare la moda etica in un’esperienza a cui tutti possono prendere parte, diventandone i protagonisti: Vinokilo è un mercato temporaneo di abiti usati, nonché un’iniziativa di carattere sociale che vuole contribuire a ridurre l’impatto ambientale dell’industria dell’abbigliamento che, come ben sappiamo, è una delle più inquinanti al mondo. Il progetto è nato in Germania nel 2016 dall’idea del giovane imprenditore Robin Balser e in poco tempo si è fatto conoscere in tutta Europa sbarcando da qualche anno e con successo anche in Italia.

Vinokilo

Vinokilo nasce come “pop up shop”, ovvero un evento che dura qualche giorno e durante il quale si possono trovare pezzi unici di abbigliamento, tra modelli vintage e diverse tipologie di abiti usati come giacche, cappotti, jeans e camicie: al centro del progetto vi è la capacità di recuperare vecchi indumenti ormai inutilizzati che vengono salvati e che diventano parte di un processo di rigenerazione.

L’obiettivo è inserirli nuovamente nel ciclo di vendita e di consumo in occasione dei particolari eventi temporanei che coordina Vinokilo e che vengono organizzati in diverse città europee, proprio come nel caso di Torino. Allo stesso tempo, i capi vengono venduti anche online sulla piattaforma dedicata.

La visione del progetto e del suo fondatore Robin Balser è infatti la capacità di superare la concezione “lineare” a favore di un processo circolare che vede allungare il ciclo di vita dei capi di abbigliamento, rendendoli allo stesso tempo accessibili a tutti.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Vinokilo4

Dal 21 al 24 ottobre Torino ospiterà l’evento presso il Bunker, spazio gestito dall’associazione culturale Variante Bunker. Durante i quattro giorni, il mercato vuole diventare per tutti un momento partecipato che stimola le persone a donare i propri capi inutilizzati e ad acquistarne di “nuovi”.

Come funziona esattamente? Ciò che caratterizza l’iniziativa è racchiuso in poche semplici istruzioni: durante i giorni dell’evento chiunque potrà portare i propri abiti usati che verranno valutati in base alla quantità donata, ovvero al chilo, e riceverà uno sconto sui nuovi acquisti fino a un massimo del 30%. Il costo degli abiti potrà variare a seconda della qualità e della quantità degli articoli e si aggirerà intorno ai 35-45 euro al chilogrammo.

Per partecipare ci sono poi altre piccole “regole” da rispettare, come il fatto che gli abiti dovranno essere in buono stato e non saranno accettati marchi del fast fashion, nonché quel settore dell’abbigliamento che coinvolge le grandi catene che realizzano abiti di bassa qualità e a prezzi ridotti. Catene che, in virtù del basso costo, finiscono per calpestare i diritti di chi lavora nelle fabbriche dell’abbigliamento, spesso localizzate nei paesi in via di sviluppo.

Vinokilo2

L’evento che si svolgerà in questi giorni a Torino non è pensato solo per portare nuove soluzioni improntate alla moda etica ma anche per essere un’occasione di socializzazione in uno spazio rigenerato della città. Non mancheranno infatti attività per grandi e piccoli come musica, laboratori, talk e sarà presente anche una sezione di design e di artigianato.

A oggi Vinokilo è diventato uno dei più grandi e conosciuti eventi di vendita di abiti al chilo in Europa e Robin Balser è stato inserito da Forbes nella classifica degli under 30 impegnati in progetti di rilievo sociale per aver messo a sistema un modello di circolarità ambientalmente responsabile e capace di rispondere all’urgenza dei nostri tempi. Ad oggi il progetto coinvolge circa 17 stati e è riuscito a ottenere notevoli risultati in fatto di riduzione degli impatti nell’ambito della moda, contribuendo a riciclare circa 240.000 chili di vestiti. 

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La Barista Disoccupata: cambiare vita e lavoro nel segno dell’economia circolare
La Barista Disoccupata: cambiare vita e lavoro nel segno dell’economia circolare

Kymia, la start up che dallo scarto del pistacchio produce prodotti cosmetici di nicchia
Kymia, la start up che dallo scarto del pistacchio produce prodotti cosmetici di nicchia

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo
Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi