22 Nov 2021

Dall’alzheimer alle disabilità: Pandàn è l’emporio che aiuta la comunità a crescere insieme

Scritto da: Lorena Di Maria

A Torino c'è un luogo speciale: si chiama Pandàn ed è un emporio a conduzione sociale dove è possibile passare momenti di convivialità; allo stesso tempo, il locale offre servizi per la comunità. Un luogo insomma in cui chiunque è il benvenuto. Qui non mancano socialità, protagonismo e prossimità, che fanno della diversità l'anima di questo posto. Provare per credere!

Salva nei preferiti

Torino - Nel cuore di San Salvario, a Torino, ha aperto un locale a conduzione familiare dove ci si può fin da subito sentire a casa. Varcando la porta di ingresso ci si accorge fin dal primo momento che non è un posto come tutti gli altri. Possiamo considerarla una tavola calda dove sedersi davanti a una sana colazione che ci fa iniziare la giornata con il piede giusto, ma allo stesso tempo è un emporio di prodotti sociali ed equo solidali o, ancora, quel luogo intimo dove fermarci a scambiare due chiacchiere.

Qualunque sia il motivo per cui decidiamo di entrarci, è certo che passeremo del tempo di qualità. Sì, perché Pandàn non è soltanto un locale dedicato alla ristorazione, ma nasce con una forte vocazione sociale: qui le differenze non esistono e le distanze si assottigliano fino quasi a scomparire.

Il progetto è gestito dall’impresa sociale Esserci, che da oltre trent’anni si occupa delle persone con l’obiettivo di aiutarle a stare meglio. Lavora ogni giorno ideando e collaborando a progetti e servizi rivolti a minori, giovani, famiglie, donne fragili e vittime di violenza, migranti, persone con disabilità e tanto altro ancora.

Pandan2

Il lavoro come strumento di uguaglianza e integrazione

Così Pandàn diventa uno spazio dove contenere tutto questo: promuove infatti l’inserimento lavorativo di persone con disabilità residenti nel quartiere o in zone limitrofe, partendo dalla convinzione che il lavoro sia un mezzo fondamentale per favorire l’integrazione e la crescita delle persone. Diventa quindi un progetto di sviluppo di comunità che crea economie di scala e lo scambio di beni e servizi tra persone appartenenti a una medesima comunità.

L’Alzheimer Cafè e il supporto alla disabilità

Uno dei progetti più interessanti al suo interno è l’Alzheimer Cafè, un momento in cui i familiari di persone affette da demenze, con l’aiuto di professionisti, si possono incontrare in modo informale trascorrendo del tempo in compagnia. Così le persone affette da demenze e disabilità possono fare uso di servizi educativi e svolgere attività insieme oppure sono guidate attraverso esercizi atti al mantenimento delle capacità cognitive.

Pandan3

Sana, locale e di stagione: la cucina di Pandàn

Lo spazio interno del bar-tavola calda è interamente dedicato alla promozione della filiera corta e propone una cucina genuina e semplice, fatta di ricette che utilizzano prodotti di stagione e il più possibile a km 0. Le verdure, ad esempio, sono fornite da Ceste di Rapa, progetto della cooperativa sociale Esserci e dell’azienda agricola biologica Il Cortile.

L’obiettivo è produrre ortaggi di qualità e offrire, attraverso l’ampia filiera di agricoltura sociale, occasioni di formazione, inserimento lavorativo e innovazione sociale per lo sviluppo di comunità. Tutti gli altri prodotti provengono poi dai piccoli produttori locali, per dare valore a coloro che si impegnano tutti i giorni per valorizzare il proprio territorio.

Uno “sportello finanziario” per le persone in difficoltà

Pandàn vuole anche contribuire a generare un impatto positivo sul territorio e per questo si impegna a fornire alle persone i giusti strumenti per vivere al meglio. Al suo interno è presente uno sportello che supporta le persone in difficoltà nella propria gestione economica domiciliare e lo fa in forma gratuita o su richiesta, come nel caso di indebitamento, riscossione, gioco d’azzardo patologico o usura bancaria.

Pandan1

L’emporio che valorizza il lavoro artigianale

Il progetto nasce anche dal desiderio di promuovere un approccio per vivere il consumo in maniera più consapevole e sostenibile in termini economici, ambientali, sociali e culturali. E lo fa attraverso la vendita di abiti sartoriali provenienti dagli atelier e dei laboratori del quartiere. In questo modo si diffonde quella cultura del lavoro artigianale attento alla qualità delle materie prime, all’ambiente e alla valorizzazione del lavoro sociale e cooperativo.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Arriva l’ape-car dei libri, la biblioteca su ruote del Gaslini
Arriva l’ape-car dei libri, la biblioteca su ruote del Gaslini

DIALECT, il progetto che costruisce comunità inclusive sul campo di calcio
DIALECT, il progetto che costruisce comunità inclusive sul campo di calcio

Jail Career Day: torna il matching tra aziende e persone in esecuzione di pena
Jail Career Day: torna il matching tra aziende e persone in esecuzione di pena

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Diritti animali, spiagge depredate e accessibilità – INMR Sardegna #38

|

Nasce un nuovo impianto fotovoltaico collettivo: servirà 75 famiglie

|

La pesca nello Stretto di Messina, tradizionale e sostenibile, diventa presidio Slow Food

|

Discarica di Lentini, tra chiusure e riaperture emerge la gestione dei rifiuti fallimentare in Sicilia

|

Consumi idrici: Italia ai primi posti in Europa per usi agricoli, industriali e domestici

|

Fotovoltaico in casa: è più ecologico vendere o accumulare l’energia in eccesso?

|

In Sardegna la rivolta degli ulivi contro il Tyrrhenian Link ma Todde rimarca: “L’opera è necessaria”

|

Empatia, vita itinerante, mal di denti e revisioni di camper

string(8) "piemonte"