5 Nov 2021

Cinepizza, il locale dove cibo e cinema supportano progetti sociali nel mondo

Scritto da: Lorena Di Maria

Christian Rapisarda è un ragazzo che nel centro di Torino ha dato vita a Cinepizza, un locale dove il pranzo e la cena diventano occasioni per immergersi in un vero e proprio set cinematografico. La pizzeria vuole essere uno spazio per tutti, dove il cibo si mescola al cinema e dove parte del guadagno viene destinato a supporto di progetti sociali e attenti all’ambiente.

Salva nei preferiti

Torino - «A volte è difficile fare la scelta giusta perché o sei roso dai morsi della coscienza o da quelli della fame», ci ricorda una vecchia e celebre affermazione di Totò. Oggi vi raccontiamo una storia di un ragazzo torinese che la scelta giusta l’ha fatta e che sta portando avanti un progetto capace di coniugare musica, cibo e letteratura per ritrovare il senso di comunità in un quartiere storico e popolare di Torino.

Cinepizza1

Cinepizza, dove cinema e cibo si incontrano

Il suo nome è Christian Rapisarda e ha un sogno: quello di dare vita a uno spazio per tutti, un po’ cinema e un po’ pizzeria, dove immergersi in un bel film e viaggiare nel tempo e nello spazio, davanti a del cibo gustoso preparato dalle sue mani. Ed è così che nasce “Cinepizza”.

Come racconta, «era il 19 febbraio 2013 quando Cinepizza ha preso vita. La mia idea, oggi come allora, è semplice: unire in una sola location pizza e mondo del cinema, due mie grandi passioni. Come? Con un locale ad ambientazione cinematografica e facendomi ispirare nella creazione delle pizze e degli altri prodotti in menù dai film e degli attori famosi che più mi hanno influenzato, così da poterli ricordare a ogni morso».

Qualche anno fa, dopo la chiusura e un periodo di riflessione, Christian ha deciso di riaprire il suo locale e dare vita a un progetto rinnovato che sappia collaborare con altre realtà del territorio sensibili a temi sociali e ambientali. «Questi sono stati per me due anni di riflessioni e, sempre più convinto della mia passione, ho deciso di rinnovare la mia pizzeria e il modo di approcciarmi al mondo del lavoro e della ristorazione, evolvendo verso una visione più consapevole, green e con un’attenzione particolare al supporto di progetti sociali».

Da Marylin Monroe a James Dean, da “Fight Club” a “Scarface”: nel locale di Cinepizza chiunque arrivi si può godere una cena seduto sulle immancabili sedie da regista e immergere nei volti, nelle suggestioni e nelle citazioni dei film, dai più conosciuti a quelli di nicchia.

Cinepizza4

L’attenzione all’ambiente e ai progetti sociali

Tra gli eventi che Christian ha lanciato, ci sono gli aperitivi solidali, proprio come quello che ha organizzato per fine ottobre, dove una parte del ricavato andrà a sostenere i progetti dell’Associazione Rubens di Torino.

«Da qui sono nate tre collaborazioni di cui vado molto fiero: Wami, azienda milanese che si è proposta la missione di creare progetti che portano acqua nelle case di comunità che non ne hanno accesso; l’Associazione Rubens – La relazione che cura, che nasce con lo scopo di offrire programmi di educazione, riabilitazione psico-fisica e inserimento sociale e lavorativo al fine di aiutare a migliorare la qualità della vita delle persone e sostenere le loro famiglie; infine, l’Università Popolare ArtInMovimento, impegnata nella diffusione delle pratiche di benessere e nella divulgazione delle stesse».

Un’altra iniziativa è poi la “Cinemission“, ovvero una pizza speciale dedicata al progetto Wami – Water with a mission. «Ci siamo uniti a Wami Water nella missione di donare acqua a comunità che non ne hanno accesso diretto. Per ogni pizza “Cinemission”, ispirata ai luoghi dei loro progetti idrici, diamo una bottiglia Wami, che permette di donare acqua potabile alle comunità in giro per il mondo. In questo modo vogliamo unire la missione di Wami alla nostra nuova visione consapevole, green e attenta all’impatto sociale, per rendere l’acqua una risorsa davvero equa in tutto il mondo».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
PFAS: l’insospettabile ubiquità degli inquinanti eterni
PFAS: l’insospettabile ubiquità degli inquinanti eterni

Laboratorio Prodor: 90 anni fra fermenti vegetali e formaggi vegani
Laboratorio Prodor: 90 anni fra fermenti vegetali e formaggi vegani

Il miele italiano è in crisi: serve un nuovo patto per l’apicoltura nazionale
Il miele italiano è in crisi: serve un nuovo patto per l’apicoltura nazionale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Zoomafia, animali infetti macellati e salute pubblica – INMR Sicilia #4

|

Change!, la mostra che parla di Po, siccità e crisi climatica

|

Il volontariato che fa scoprire il mondo: la storia di Emily, giovane wwoofer

|

Open Accessible Cooking, il progetto di Elena e Andrea per una cucina accessibile

|

Falsi santuari: come riconoscere quelli che sfruttano gli animali per business

|

Quanto inquina una guerra? Le risposta dei Medici per l’Ambiente

|

I numeri del disastro ambientale nel Sulcis tra PFAS, cadmio e mancate bonifiche

|

Festival delle Cose Belle 2024: “asimmetrie” per ridefinire i paradigmi di perfezione

string(8) "piemonte"