Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
25 Ott 2019

Bibliobus: la biblioteca itinerante che a Torino promuove la cultura

Scritto da: Lorena Di Maria

Una biblioteca itinerante che porta la cultura in giro per la città, invitando bambini, giovani e adulti a riscoprire il piacere della lettura. Bibliobus rappresenta una risorsa per quei quartieri che al momento sono sprovvisti di biblioteche e nasce come strumento di promozione dell’intero sistema bibliotecario della Città di Torino.

A metà tra una Biblioteca e un bus, “Bibliobus” è il progetto che a Torino vuole colmare l’assenza di biblioteche civiche nei quartieri della città, portando tra le persone storie, favole e racconti.
Si tratta di un servizio di biblioteca multimediale mobile che vuole permettere ai libri, in forma cartacea e non, di viaggiare su quattro ruote per arrivare là dove non ci sono scaffali a portata di mano.
Il Bibliobus è un progetto avviato nel 2018, realizzato grazie ad AxTO, progetto della Città di Torino per la riqualificazione delle periferie e curato per la parte grafica dallo IED – Istituto Europeo di Design di Torino.

Cosa si trova al suo interno? Nel bibliobus si potranno scegliere tra circa 1000 libri per lo più di narrativa per bambini, ragazzi e adulti. Non solo, sarà anche possibile richiedere la tessera che permette l’accesso a tutte le biblioteche civiche torinesi e scoprire come navigare all’interno della biblioteca digitale. Il bus sarà inoltre attrezzato con libri e connettività Wi-Fi, andando a costituire un’ulteriore articolazione del servizio bibliotecario pubblico di Torino a servizio della cittadinanza.

L’obiettivo è proprio quello di transitare per la città spostandosi temporaneamente per i diversi quartieri ed in particolare nelle zone carenti di una biblioteca o dove questa non è più presente.

«Ogni settimana – si legge sul sito del Comune di Torino – la biblioteca mobile offrirà l’occasione per appassionarsi, per scoprire o riscoprire le parole stampate e consentirà ai cittadini di poter frequentare una biblioteca, di prendere in prestito i libri, di scoprire la qualità e la quantità di servizi che le biblioteche civiche offrono».
Insomma, si tratta di un servizio gratuito e tecnologicamente avanzato di informazione e conoscenza per avvicinare il maggior numero possibile di persone alla cultura e alla lettura.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap