18 Mag 2022

Lento: il festival di Cervo e della cultura sostenibile

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Cervo, in provincia di Imperia, si trasformerà nei prossimi mesi in un palcoscenico continuativo di eventi culturali e musicali. L'obiettivo? Creare uno spazio di inclusione con al centro la cura del territorio e delle persone, proponendo eventi culturali, musicali e turistici, con un focus all'impatto ambientale e sociale.

Imperia - Sarà un contenitore di eventi che a partire dall’estate si protrarrà per tutto il 2022 e oltre: Lento – Cervo Borgo di Cultura Sostenibile è il progetto nel segno del quale il Comune di Cervo presenta quest’anno un’offerta culturale che include grandi appuntamenti come il Festival Internazionale di Musica da Camera, Cervo Ti Strega, ma anche una serie di iniziative dedicate alla scoperta del territorio.

Lento infatti viene descritto dai suoi organizzatori come «un ambizioso piano di valorizzazione culturale del borgo premiato con la vittoria del bando In Luce di Fondazione Compagnia di San Paolo, al quale il Comune di Cervo partecipa insieme a Proloco Progetto Cervo e alla Cooperativa di Comunità Pollaio Aperto. Lavorando sull’identità culturale del borgo, storica sede di cenacoli culturali e ritrovo di artisti, letterati e musicisti, Lento guarda allo sviluppo turistico di Cervo ma anche al rafforzamento della sua comunità».

Cervo ti Strega 2018 2

Ed è proprio con un’ottica di sostenibilità che il progetto culturale ha preso vita negli anni passati e continua a crescere a livello artistico e non solo anche quest’anno: tra le diverse attività in programma, oltre agli spettacoli musicali, sono previsti anche appuntamenti dedicati alla riscoperta del territorio all’insegna della bellezza, della natura e della cultura come snodi di relazioni, ma anche della ricerca dei ritmi lenti, che contrastano con la frenesia della città.

«Armonizzando le diverse anime culturali di Cervo – spiega l’ufficio stampa del Festival –, Lento ambisce a diventare non un semplice insieme di eventi o di offerte turistiche, ma una vera e propria piattaforma centrata sull’identità culturale attraverso cui fare di questo borgo uno spazio di inclusione e apertura, un luogo che vede al centro la cura del territorio e delle persone, dove possono convivere abitanti e turisti abitudinari o di passaggio».

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

«Un elemento importante – racconta Walter Norzi, presidente Commissione artistica Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo – e sempre più significativo sono inoltre le connessioni, le partnership che ogni anno crescono e che generano così un network artistico-culturale-territoriale veramente unico nella nostra regione».

Il Festival Lento unisce cultura e turismo, che sono due leve di sviluppo economico, ma anche sociale

«Il Festival conferma inoltre le collaborazioni sul territorio, anche a seguito dei risultati stupendi degli anni scorsi, in particolare con il Liceo Vieusseux di Imperia, i cui studenti sfrutteranno e implementeranno le moderne tecnologie dello storytelling multimediale per raccontare, a coetanei e non, l’esperienza dello spettacolo dal vivo in un contesto unico come quello di Cervo. Inoltre i giovani allievi della Scuola San Giorgio Musica di Cervo collaboreranno con la realizzazione delle guide all’ascolto per gli spettacoli e con le video-interviste agli artisti».

POESIA, LETTERATURA E AMBIENTE

Sono tanti gli appuntamenti previsti dedicati alla cultura e alla letteratura: il mese di giugno si aprirà con una serata interamente dedicata alla poesia, a cura di Francesca Rotta Gentile, ideatrice della rassegna Cervo Ti Strega e giurata del Premio Strega. Ma non solo. Sono in programma anche serate accompagnate da poesie di Giuseppe Ungaretti e di Eugenio Montale. Un altro appuntamento consolidato anche quest’anno per il pubblico è quello con Cervo ti Strega, che accoglierà i cinque autori finalisti del Premio Strega.

Cervo ti Strega 2020 2

Come da tradizione, tra i protagonisti della serata del 18 giugno ci saranno anche gli studenti lettori di alcuni istituti superiori della provincia di Imperia, nonché del Liceo Parini di Milano, entrati a far parte della prestigiosa giuria nazionale. Il 2 luglio infine, Cervo ti Strega tornerà a Cervo con Antonio Scurati, vincitore del Premio Strega 2019, che dialogherà con Francesca Rotta Gentile. Sia Cervo è poesia che Cervo Ti Strega vantano, tra gli altri, il Patrocinio del Ministero della Cultura.

«Un evento divertente – ci spiega Michel Balatti, direttore tecnico Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo –, dal punto di vista sia artistico che sociale, sarà quello al Parco del Ciapà, previsto per il 24 luglio. Si tratta di un concerto volutamente pensato per essere a emissioni zero, incontrando così i valori sui quali si concentra Lento, e unendo cultura e turismo come leve di sviluppo economico ma anche sociale».

«La corrente elettrica necessaria sarà generata dalla pedalata di biciclette, con la possibilità per il pubblico di partecipare pedalando per consentire allo spettacolo di avere luogo. Per sensibilizzare all’uso della bicicletta organizzeremo due gruppi di ciclisti in arrivo al concerto sulle due ruote, da Albenga e Imperia, e ci aspettiamo al Ciapà un numero consistente di spettatori in bicicletta. Sarà un concerto affascinante, con un genere musicale che indaga radici del ritmo: insieme alle biciclette, ci promette una serata movimentata».

FESTIVAL INTERNAZIONALE DI MUSICA DA CAMERA DI CERVO

Dal 15 luglio al 29 agosto Cervo accoglierà inoltre la 59esima edizione del Festival Internazionale di Musica da Camera che, in linea con il suo percorso di crescita e maturazione in oltre mezzo secolo di musica, vedrà anche per questo 2022 un calendario trasversale e aperto ai generi. Oltre al repertorio cameristico ci saranno appuntamenti dedicati al jazz, al teatro, ai più piccoli e alla musica d’autore grazie a una serie di importanti collaborazioni consolidate nel tempo con enti internazionali e realtà culturali di rilievo sul territorio.

Ernesttico B BLACK Duo 19
Ernesttico B-BLACK Duo, 2019

Importante sarà lo spazio riservato ai giovani talenti musicali, caratteristica che da sempre connota il Festival di Cervo, grazie alle partnership con alcuni dei più importanti concorsi europei. 18 serate e svariate location rendono ricco il calendario del Festival 2022. Oltre alla piazza dei Corallini, consueto palcoscenico sul mare, e alla chiesa di San Giovanni, si aggiungeranno tra le location l’Oratorio di Santa Caterina, edificio romanico nel cuore del borgo, e il Parco del Ciapà, un luogo immerso nella natura che, dopo gli anni di emergenza covid, tornerà a ospitare spettacoli.

«Ripartire dalla cultura – ha dichiarato Annina Elena, consigliere delegata alla cultura Comune di Cervo – è una delle  vie possibili per costruire un’Italia capace di cambiare e di crescere. Il binomio Cervo/cultura, anche negli anni di pandemia, non si è fermato. I due grandi eventi culturali, il Festival Internazionale di Musica da Camera  e Cervo Ti Strega, pur nel rispetto delle norme anti Covid, hanno offerto momenti  di serenità e di arricchimento personale a un vasto pubblico formato da turisti, ma anche giovani, che hanno trovato a Cervo non solo arricchimento culturale ma un momento di benessere».

«In questa atmosfera è nato il progetto Lento – Cervo Borgo di Cultura Sostenibile, che ha come obiettivo quello di far conoscere Cervo come spazio dove la cultura e la bellezza favoriscono l’incontro tra le persone e la scoperta di luoghi significativi».

Articoli simili
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio

In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa
In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa

La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza
La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne