5 Ott 2022

Guardastelle, il teatro nel bosco che porta in scena inclusione e diversità

Un teatro delle diversità il cui palcoscenico è la natura e gli attori e le attrici giovani normodotati e con disabilità che si valorizzano a vicenda, portando in scena la loro quotidianità e riportando l'esperienza teatrale nel quotidiano. È il progetto Guardastelle, condotto con passione da più di un decennio da Paolo Filippini e dal suo gruppo.

Catania - Teatro come mezzo di sviluppo del pensiero creativo, dell’intelligenza emotiva e della memoria. E soprattutto, teatro come strumento di condivisione, scambio, connessione con la natura e incontro tra diversità. È questa l’idea alla base dell’attività dell’associazione culturale Guardastelle, fondata ad Acireale, ormai più di dieci anni fa da Paolo Filippini.

Un’idea che Paolo – 45 anni, docente di grafica pubblicitaria al Liceo artistico – porta con sé sin da quando da bambino si appassionò al teatro e alla sua capacità di consolidare le capacità espressive e di migliorare la consapevolezza corporea. «Volevo dare ai ragazzi – racconta – la possibilità di sperimentare quello che io conoscevo da anni e così, dopo alcuni laboratori a scuola, abbiamo aperto la nostra associazione per gli incontri pomeridiani. Negli anni da Acicatena ci siamo spostati ad Acireale, dove il laboratorio si è arricchito di corsi rimanendo sempre un’esperienza a porte aperte».

paolo filippini
Paolo Filippini

Porte aperte – anzi spalancate – sul mondo, che hanno fatto sì che sempre più persone si avvicinassero al laboratorio. «Sin da subito sono entrati nel gruppo anche ragazzi portatori di handicap e in modo naturale questo ci ha traghettati verso un vero e proprio Teatro delle Diversità – e non teatro dei diversi –, un luogo dove riscattare e dare voce alle alterità mute, con una continua scoperta, accettazione ed espansione di una bellezza delle differenze».

Paolo e il suo gruppo infatti si sono specializzati in modo da lavorare sempre meglio con le varie diversità, facendone emergere tutta la ricchezza e le potenzialità. «Quello che facciamo viene spesso etichettato come teatro di inclusione, ma io spero che questa etichetta presto possa sparire visto che considero il laboratorio una fotografia della vita quotidiana e noi, quotidianamente, viviamo di incontro tra diversità». Esperienza viva e arricchente che è diventata il mantra del gruppo tanto che sul sito si legge: “È la diversità che rende l’uomo un’opera d’arte… irripetibile”.

«Nel nostro laboratorio teatrale – aggiunge Paolo Filippini – grandi e bambini, normodotati o con handicap, lavorano insieme senza alcuna forzatura e difficoltà. Il Teatro ha un ruolo fondamentale nella crescita dei bambini e dei ragazzi coinvolgendo tutti ponendosi come buon supporto pedagogico allo sviluppo della persona attraverso l’utilizzo di tutti i linguaggi artistici che permettono di giungere a una migliore consapevolezza di sé».

guardastelle

Ma c’è di più, per offrire sempre maggiori stimoli ed esperienze arricchenti, da qualche anno il Teatro dei Guardastelle è anche Teatro nel Bosco. «La sperimentazione – racconta il fondatore – è nata circa sei anni fa all’interno di percorsi di crescita e di svago inseriti nelle attività estive per ragazzi. Ogni anno, in estate, proponiamo dei fine settimana insieme per fare attività nel bosco e per trovare la connessione tra arte e natura».

I protagonisti sono loro: i ragazzi, i giovani che si mettono in gioco, che scelgono di trascorrere alcuni giorni insieme, immersi nella natura e in un’esperienza di vita comunitaria: «Il Teatro nel Bosco ha lo scopo di far vivere ai ragazzi un momento di vera crescita personale, di vita comunitaria e di arricchimento culturale e umano. Si tratta di uno spazio “magico” posizionato tra gli alberi dove abbiamo un prato per palcoscenico e gli alberi per scenografia».

E tra lezioni, laboratori, sperimentazioni e spettacolo, l’associazione continua a crescere e oggi Guardastelle è un luogo in continua evoluzione che collabora con tanti istituti scolastici di ogni ordine e grado nelle province del territorio siciliano per la creazione, promozione e diffusione di spettacoli teatrali e di animazione. 

Siamo un Teatro delle Diversità – e non teatro dei diversi –, un luogo dove riscattare e dare voce alle alterità mute

«Confesso – conclude – che sono davvero orgoglioso di quello che siamo riusciti a fare in questi anni e non c’è soddisfazione più grande per me che sentire spesso i ragazzi che portano fuori dal laboratorio e nella loro vita quotidiana le esperienze che fanno con noi. Sapere che per i ragazzi ogni diversità è qualcosa di naturale da accogliere senza pregiudizi mi dà lo stimolo per fare sempre di più. Mi inorgoglisco quando so che un mio allievo ha fatto posto in classe vicino a sé per il nuovo compagno con disabilità appena arrivato o sapere che alcuni hanno proposto tesine di terza media sull’argomento. Non c’è soddisfazione più grande».

Soddisfazioni che si affiancano a un grande sogno: organizzare un Festival Teatrale delle Diversità che coinvolga il maggior numero di realtà affini già presenti in Italia. Un manifestazione che possa rappresentare un momento unico di dialogo e confronto fra tanti e che consenta lo sviluppo di una rete stabile di promozione ed educazione artistica in grado di rafforzare e qualificare ulteriormente tutte le realtà operanti nel settore.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi
Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi

Creature fantastiche e dove trovarle. Gabriele Pino ci racconta (e disegna) quelle della val Borbera
Creature fantastiche e dove trovarle. Gabriele Pino ci racconta (e disegna) quelle della val Borbera

Al suo esordio Dalen canta Crotone, le sue alluvioni e l’urgenza di non tacere
Al suo esordio Dalen canta Crotone, le sue alluvioni e l’urgenza di non tacere

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Manovre a confronto: in Spagna si tassano le banche – #628

|

Democrazia in crisi: quali sono le alternative, ammesso che esistano?

|

Sostenere i ragazzi con disabilità intellettiva verso l’autonomia abitativa: un progetto che vale un sogno

|

Turismo evoluto ed evolutivo: quando il viaggio genera benessere per persone, comunità e ambiente

|

Parlami dentro. Anche una lettera può alleviare la solitudine di chi è detenuto

|

Basta una Zampa: dopo il Covid i “dottori a quattro zampe” tornano a portare sollievo ai piccoli pazienti

|

GivingTuesday, oggi in oltre 80 paesi si celebra il “martedì del dare”

|

Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi