11 Ott 2022

Nasce Radici, il piccolo museo di comunità dedicato alla biodiversità e al contatto con la natura

Scritto da: Alessia Rotolo

Il prossimo fine settimana inaugurerà a Palermo un luogo particolare: in una location ben nota ai cittadini del capoluogo siciliano aprirà i battenti Radici - Piccolo Museo della Natura. Obiettivo di questo spazio voluto da quattro donne è avvicinare il pubblico, specialmente quello in giovane età, a temi come biodiversità, ecologia e consapevolezza.

Palermo - Un viaggio nella natura mediterranea alla scoperta della biodiversità attraverso un percorso dedicato alle scienze della natura, dove rocce, minerali, foglie e tanti altri elementi raccontano la storia complessa e antica di questo territorio. Un percorso accompagnato dall’estetica poetica delle illustrazioni e da istallazioni artistiche create ad hoc.

Un luogo – che sarà inaugurato al pubblico sabato 15 e domenica 16 ottobre – che stimola la conoscenza di grandi e piccoli anche attraverso l’immaginazione fantastica per i continui rimandi tra natura, arte e letteratura. Scienza e poesia sono solo due delle chiavi di accesso per stabilire un contatto stretto con i diversi ecosistemi e per svelare le connessioni che li legano.

Radici – Piccolo Museo della Natura, è un centro culturale per la costruzione, la promozione e la divulgazione di un nuovo pensiero ecologico, uno spazio polifunzionale, dedicato a bambine, bambini e adulti, che supera l’idea tradizionale di museo e si evolve per accogliere momenti quotidiani di studio, di lavoro, di gioco o di semplice svago. Radici nasce dal desiderio di coniugare l’approccio scientifico con una narrazione poetica. Il Museo è, prima di tutto, un punto d’osservazione comune da cui partire alla scoperta della natura, del territorio e del suo medio ambiente, per imparare così a leggerne storie e paesaggi.

radici1

Radici – Piccolo Museo della Natura – che ha già aderito al circuito Hands On e all’associazione Piccoli Museisi trova in via Antonio Gagini 23 a Palermo, in quella che fu la storica sede della cartoleria De Magistris – Bellotti, luogo molto caro a diverse generazioni di palermitani che trovavano lì quaderni, album da disegno, ma anche strumenti ricercati per architetti, progettisti e artisti.

L’architetto che ha ridisegnato e progettato lo spazio, Lorenzo Lo Dato, ha svolto un lavoro di conservazione su molti dettagli che caratterizzano il luogo storico, rifunzionalizzando gli arredi Ducrot. Negli storici cassetti che contenevano quaderni, matite e penne adesso ci sono dettagli e particolari che invitano alla ricerca e pongono interrogativi per andare alla scoperta del nostro ecosistema: dal mare, alla costa, alle catene montuose. Tantissime le maestranze locali – e non solo – coinvolte nella realizzazione degli allestimenti e dei tanti elementi che caratterizzano Radici.

Le illustratrici Valentina Gottardi Cocai Design e Gaia Cairo hanno caratterizzato e raccontato diversi aspetti del paesaggio con il loro tratto. Valentina Gottardi produce da anni una linea ispirata al metodo Montessori, collabora con Clementoni ed Editoriale Scienza e con prestigiose istituzioni. Gaia Cairo, raffinata illustratrice specializzata in illustrazione naturalistica, vanta già importanti collaborazioni come quella con il Muse di Trento.

radici2

Il falegname che ha curato minuziosamente tutti i dettagli degli arredi è Aurelio Ciaperoni “Fuori Catalogo”, l’artista che ha progettato e realizzato gli allestimenti con dovizia di particolari è Mariangela Di Domenico che con tecniche che spaziano tra la sartoria, la scenografia e il diorama, ha arricchito i contenuti con dettagli evocativi. Tante sono anche le collaborazioni con esperti per i contenuti scientifici ed è continuo il dialogo con Palermo Scienza e Daniele Crisci che ha anche curato, insieme ad Aurelio Ciaperoni, gli exhibit scientifici.

All’interno dei 250 metri quadrati di Radici ci sono varie aree: quella espositiva, la caffetteria, il bookshop e l’atelier per i laboratori. Un luogo vivo e attivo tutto il giorno grazie a visite guidate, laboratori, attività libere, angoli di quiete e meraviglia, scaffali di libri e riviste specialistiche da cui lasciarsi attrarre sono soltanto una parte di quanto è possibile trovare, magari mentre si gustano le piccole specialità della cucina a km 0.

A concepire Radici sono state quattro donne palermitane: l’intuizione è stata di Raffaella Quattrocchi che ha successivamente coinvolto Irene Mottareale, Caterina Strafalaci e Chicca Cosentino. Ognuna di loro ha portato le proprie specificità dentro il progetto e lo spazio, arricchendolo. Tutte e quattro unite dalla stessa forte convinzione e visione e cioè quella di puntare l’attenzione sull’ecologia, sulla biofilia e l’interdipendenza tra uomo e natura con un approccio scientifico, educativo, poetico e artistico, curando ogni singolo dettaglio.

Radici supera l’idea tradizionale di museo e si evolve per accogliere momenti quotidiani di studio, di lavoro, di gioco o di semplice svago

Dentro Radici ogni foglio di carta e ogni colore, libro e dettaglio, ogni scelta, è frutto di un’attenta ricerca e riflessione. Un investimento che punta all’impresa culturale e al lavoro nel sociale per costruire consapevolezza ecologica e trovare nuove parole per parlare del futuro.

Uno degli obiettivi di Radici è quello di stimolare e di promuovere la tutela e la salvaguardia dell’ambiente, attraverso un metodo laboratoriale, che parte da un’attenta ricerca dei materiali a ridotto o nullo impatto ambientale. L’atelier di Radici è uno spazio per osservare, ascoltare e rielaborare, attraverso esperimenti, creazioni e azioni poetiche. Un impegno che le fondatrici vogliono portare avanti coinvolgendo il territorio. «Desideriamo per Palermo uno spazio di comunità – dicono le fondatrici – che leghi insieme generazioni diverse sul tema dell’ecologia, questione che riteniamo urgente e su cui dovrebbero convergere scelte politiche e culturali».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Gli studenti portano in scena la “loro” Roma per imparare a diventarne cittadini consapevoli
Gli studenti portano in scena la “loro” Roma per imparare a diventarne cittadini consapevoli

Le fiabe come chiave per ribaltare la visione antropocentrica e ristabilire il legame con la natura
Le fiabe come chiave per ribaltare la visione antropocentrica e ristabilire il legame con la natura

Gentilupo, il libro che Cappuccetto Rosso non ti farebbe mai leggere
Gentilupo, il libro che Cappuccetto Rosso non ti farebbe mai leggere

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Black o green friday? Decidiamo noi – #625

|

Sopravvivere alla crisi della democrazia (e creare alternative) – A tu per tu + #1

|

Ricominciare con i piedi per terra: la storia di due amiche e della loro Zollamania

|

I molti volti del concetto di “guerra” sui corpi delle donne

|

Guatemala: l’emancipazione femminile per vincere il neo-colonialismo

|

Gli studenti portano in scena la “loro” Roma per imparare a diventarne cittadini consapevoli

|

La scelta di Guglielmino: bioedilizia ed economia circolare per un abitare a misura di persone e ambiente – Io Faccio Così #347

|

Family Support: la comunità si attiva per sostenere e prendersi cura dei neo-genitori