13 Feb 2023

Needs Map, la rete di condivisione di beni e servizi, si attiva per sostenere le vittime del terremoto

Due fellow turchi della rete di innovatori sociali Ashoka – di cui anche Italia Che Cambia fa parte – si sono attivati per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto. Il loro contributo consiste nel mettere a disposizione della gente che ha perso tutto Needs Map, una piattaforma di sharing economy attraverso cui chiunque può donare beni di prima necessità, entrando a fare parte di una rete di solidarietà diffusa. Scoprite come potete contribuire anche voi!

Salva nei preferiti

La Turchia e la Siria stanno affrontando uno dei peggiori terremoti degli ultimi 150 anni. Nel momento in cui scriviamo sono più di 21.000 le vittime del sisma – ma il tragico elenco continua ad allungarsi – e oltre 23 milioni di persone sono state colpite perdendo qualcuno dei propri cari, i beni, la casa. I membri della comunità di Ashoka in Turchia e Siria sono al sicuro, ma molti hanno perso una persona cara, un familiare, un amico o un collega.  

Da anni Ashoka – di cui Italia Che Cambia è felice di essere partner e lo stesso Daniel Tarozzi, il nostro direttore, fa parte degli Ashoka Fellow – è attiva in molte zone del mondo con lo scopo di individuare e sostenere progetti virtuosi di innovazione sociale che fanno bene al territorio e a chi lo abita. In una fase critica come questa, il lavoro di rete e la circolazione di idee e iniziative utili a fronteggiare l’emergenza sono fondamentali.

needs map1

Quando una crisi colpisce milioni di persone, nessuno Stato o agenzia può aiutarle abbastanza velocemente e ogni mano disponibile deve essere messa a disposizione per aiutare direttamente i cittadini. In ogni disastro ci sono molte persone che hanno bisogno di aiuto e molte persone che vogliono aiutare. Ma ciò che a volte manca è il coordinamento.

È proprio per questo che il lavoro degli Ashoka Fellow in Turchia è fondamentale in questi giorni. Ali Ercan ÖzgürMert Firat sono due innovatori sociali, Ashoka Fellow e cofondatori di Needs Map, un progetto di sharing economy che tramite un’app mette in contatto migliaia di persone e favorisce lo scambio di beni e servizi all’interno della community.

Needs Map è uno strumento online che permette a tutti di essere destinatari e donatori e crea un senso di solidarietà comunitaria di cui in questi giorni c’è un vitale bisogno

Il progetto di Needs Map – letteralmente “la mappa dei bisogni” – è nato nel 2015 e si è affermato subito riscuotendo un enorme successo: in sette anni sono avvenute più di dieci milioni di transazioni per un valore equivalente a oltre venti milioni di euro. Circa 120mila utenti si sono registrati, 350 ONG e una settantina di società private. In un momento come questo, una rete diffusa di tale portata ha un valore enorme e potenzialità che vanno sfruttate. Ed è proprio ciò che stanno facendo i due ideatori del progetto.

Ali Ercan Özgür e Mert Firat infatti stanno permettendo a tutte le persone colpite dal terremoto di indicare i propri bisogni – che possono essere vestiti, prodotti alimentari, prodotti per l’igiene, beni di prima necessità per i bambini, medicine, coperte e tanto altro – sulla piattaforma Needs Map, peer-to-peer e basata su mappe geolocalizzate. Questo strumento online permette a tutti di essere destinatari e donatori e crea un senso di solidarietà comunitaria di cui in questi giorni c’è un vitale bisogno.  

needs map2

Ma come funziona? Su una mappa digitale, Afet Haritası, si verificano i bisogni primari dei sopravvissuti, si incoraggiano le persone a donarli, si raccolgono da altre città, si inscatolano, si etichettano, si trasferiscono e si diffondono nell’area del terremoto. Si tratta di un’operazione quotidiana. Su una seconda mappa digitale, Bir Kira Bir Yuva, si individuano gli edifici crollati, raccolgono dati, forniscono alloggi e li abbinano a persone che aprono le loro case e i loro alberghi per ospitare i sopravvissuti. È un’operazione continua e il sistema è gratuito e aperto a tutti.  

Il loro lavoro sta raggiungendo migliaia di persone ogni minuto, in questo momento. Ma cosa può fare ciascuno di noi per dare il proprio contributo e far funzionare questo bellissimo meccanismo di solidarietà e mutuo aiuto? Anzitutto unirsi ad Ashoka nel sostenere il lavoro di Needs Map con un contributo alla campagna di crowdfunding che si può trovare qui. E poi parlando di questa iniziativa e condividendo la campagna sui propri profili social. 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Apply: ad Ascoli Piceno un gruppo di giovani prova a riattivare il territorio e la sua comunità
Apply: ad Ascoli Piceno un gruppo di giovani prova a riattivare il territorio e la sua comunità

Europiamo, un mondo di opportunità per i giovani, un modo per fare la differenza
Europiamo, un mondo di opportunità per i giovani, un modo per fare la differenza

NEVER GIVE UP illumina il Colosseo per sensibilizzare sui disturbi alimentari
NEVER GIVE UP illumina il Colosseo per sensibilizzare sui disturbi alimentari

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’esercito israeliano attacca a Rafah, è strage di Civili, Israele sarà isolato? – #938

|

Salviamo il fiume Sarno: continua la lotta per la bonifica del fiume più inquinato d’Europa

|

Arriva Equa, l’app che ti dice quanto è sostenibile un prodotto

|

Scalo Sogni: il viaggio in solitaria di Ettore Campana arriva sulle vette del Caucaso

|

Una carta deontologica per raccontare la disabilità esiste già, ma bisogna applicarla

|

La VegToria, la nuova fattoria vegana sulle alture di Genova

|

Olga Karatch: “Contro la guerra patriarcale, dobbiamo dare voce alle donne per la pace”

|

WWOOFing all’Ecosfera: un viaggio alla scoperta della permacultura e di connessioni umane

string(9) "nazionale"