29 Mar 2023

L’Oipa: salviamo i mufloni del Giglio dallo “sterminio legalizzato”

Scritto da: Redazione

Dal 2009 i mufloni del Giglio sono sotto attacco, con abbattimenti autorizzati che ne hanno decimato la popolazione. L'ultimo atto di questa "guerra" è una delibera regionale dello scorso ottobre che, fino al 15 marzo, ha attuato il piano di prelievo del muflone 2022-2023. Ma a difesa degli animali si sono schierati in tanti, dai residenti del Giglio fino all'Oipa, che ha organizzato una iniziativa di mailbombing.

Salva nei preferiti

Grosseto, Toscana - «L’attività di controllo del muflone al Giglio, finanziata da un progetto unionale Life Natura, è in linea con l’attuale quadro normativo nazionale e con le raccomandazioni della convenzione di Berna». Con queste parole il ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin ha risposto a un’interrogazione in Senato sulla “eradicazione” dei mufloni del Giglio dall’isola, fornendo una risposta “tanto categorica quanto elusiva” secondo l’Oipa, l’organizzazione internazionale protezione animali.

LE MOTIVAZIONI E I COSTI DELL’OPERAZIONE

Rispondendo a un’interrogazione a prima firma della senatrice Alessandra Maiorino (M5S), Pichetto Fratin ha affermato che i mufloni dell’isola del Giglio sarebbero “cacciabili in quanto alloctoni”. Ma la rivista scientifica internazionale Diversity ha attestato come i mufloni del Giglio custodiscano un DNA ancestrale ormai perso nella popolazione sorgente sarda, rendendoli ad alta priorità di conservazione. Su questo, il ministro ha risposto che la caratterizzazione genetica non sarebbe esaustiva, «in quanto effettuata su un campione estremamente ridotto».

pichetto fratin
Il ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin

“Dunque si aprirebbe il fuoco sui mufloni del Giglio sulla base di un dubbio”, fa notare l’Oipa. Nell’interrogazione presentata al ministro si legge che la decisione di eradicare, tramite abbattimento, i circa 40 mufloni presenti sull’isola del Giglio costerebbe 378.925 euro: quasi 10 mila euro per ogni animale abbattuto. Denaro della collettività, la cui maggioranza è contraria alla caccia.

LA CONTRADDIZIONE

Contrari a questo massacro sono non soltanto gli attivisti – la cui posizione è sostenuta da studiosi, esperti del settore e da diverse associazioni – ma anche la maggioranza degli isolani, i turisti e gli agricoltori che, riuniti nel comitato Save Giglio, smentiscono l’esistenza di danni alle colture causati dai mufloni, come invece si vorrebbe far credere per giustificare la mattanza. Due anni fa – si ricorda nell’interrogazione – in un’intervista il presidente del parco Giampiero Sammuri ha ammesso che non esisterebbe alcuno studio condotto in loco che accerti il livello d’incidenza del muflone né sull’ambiente, né sull’agricoltura.

S’imbracciano i fucili per eliminare gli ultimi mufloni del Giglio, che sono gli ultimi del loro genere e abbatterli significa perdere una grande ricchezza in termini di biodiversità

“In assenza di una sua comprovata incidenza negativa non è legale classificare l’animale come invasivo, seppure alloctono; si evidenzia che i regolamenti europei e la normativa nazionale prevedono che solo le specie alloctone per le quali è dimostrabile un impatto negativo possono essere eradicate, di conseguenza l’eradicazione dei mufloni del Giglio sembra avvenire in violazione del regolamento UE n. 1143/2014 e della legge quadro sulle aree protette (legge 6 dicembre 1991, n. 394, art. 11, comma 4)”, si legge ancora nell’interrogazione.

«In piena crisi ambientale e di fronte a soluzioni alternative valide e non cruente, non è pensabile che, ancora oggi, si ricorra alle armi e a una carneficina», osserva il responsabile per la Fauna selvatica dell’Oipa, Alessandro Piacenza. «Una politica lungimirante, anche nell’interesse economico dell’isola, dovrebbe fare il possibile per individuare degli strumenti capaci di tutelare la vita degli animali nell’ottica di una convivenza pacifica con la nostra specie».

mufloni del giglio

S’imbracciano i fucili per eliminare gli ultimi mufloni del Giglio, che sono gli ultimi del loro genere e abbatterli significa perdere una grande ricchezza in termini di biodiversità. L’Oipa ricorda infine come lo stesso ministro Pichetto Fratin ha affermato il 3 marzo scorso come occorra “riflettere sulle responsabilità e sulle soluzioni di cui l’uomo dispone per sostenere la vita selvatica sulla terra”. Per protestare contro la caccia ai mufloni dell’Isola del Giglio si può sottoscrivere una lettera a questa pagina web, che inoltrerà automaticamente il messaggio di dissenso alle autorità.

La strage non risparmia neanche femmine gravide e con piccoli al seguito, dato che la delibera prevede di sparare a “femmine adulte, sottili (tra i 12 e i 24 mesi) e piccoli (di entrambi i sessi)”. Per fortuna sono già più di 21000 i firmatari della sottoscrizione, mentre dal 1° ottobre scorso un gruppo di attivisti sta presidiando e vigilando sull’isola a salvaguardia dei mufloni del Giglio.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Perché parlare di relazione essere umano-animale è biologicamente sbagliato? Ce lo spiega l’etologo
Perché parlare di relazione essere umano-animale è biologicamente sbagliato? Ce lo spiega l’etologo

La guida al vero benessere animale, per una relazione consapevole con gli (altri) animali
La guida al vero benessere animale, per una relazione consapevole con gli (altri) animali

Perché Federica Romeo ha scelto il metodo gentile per educare cani felici
Perché Federica Romeo ha scelto il metodo gentile per educare cani felici

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Gaza, la strage continua ma cresce il movimento pro-Palestina – #933

|

Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso

|

Animago: due libri per esplorare il mondo a mente scalza

|

Greenatural, il marchio che unisce domanda e offerta di prodotti etici ed ecologici

|

Casa nome collettivo: parlare di Palestina, riflettere sulla guerra per chiedere la pace

|

Giorgio Cremaschi: “Su Gaza l’occidente usa un doppio standard”

|

Bombe di semi e draghi: è in partenza un cammino per seminare vita in nome di Fukuoka

|

I gelsi e la talpa, l’azienda agricola che vende “siciliano” e promuove il consumo critico

string(9) "nazionale"